quale lavoro fa per me? ecco alcuni consigli per trovare quello dei propri sogni.

22/06/2018 15:29:41

Consigli per trovare lavoro Trovare il lavoro giusto non è un'impresa semplice: individuare la strada che meglio si adatti alle proprie aspirazioni, conciliando attitudini personali e competenze acquisite, è probabilmente l'obiettivo che tutti vorrebbero raggiungere. La difficoltà maggiore, purtroppo, è spesso quella di non poter prevedere se dei lavori ideali si tramuteranno effettivamente in realtà professionali appaganti sulla base di semplici ragionamenti teorici e senza averli sperimentati sulla propria pelle. Potrebbe accadere, e il più delle volte infatti succede, che quello che sulla carta si prospettava come una scelta ottimale, nella realtà si riveli estremamente deludente e frustrante.

Solo quando si riesce a raggiungere un equilibrio tra la propria motivazione ed il lavoro scelto è possibile vivere la propria professione in modo più interessante e coinvolgente ed essere di conseguenza più produttivi ed appagati. Un primo step per affrontare questo arduo cammino è senza dubbio quello di partire da dati concreti come le proprie capacità ed i propri gusti. 

Nel caso in cui si voglia cambiare lavoro, ad esempio, è molto utile chiedersi che cosa non andava bene in quello precedente, focalizzando l'attenzione sul ruolo, sul team e sul settore professionale. Analogamente, per chi è alla ricerca del primo impiego, sarà indispensabile individuare cosa è stato considerato più interessante sia nell'ambito degli studi accademici, sia per quanto riguarda eventuali corsi di formazione o attività extrascolastiche. Di particolare utilità è anche cercare di approfondire la conoscenza dei lavori svolti da amici e conoscenti, per meglio comprenderne caratteristiche e specificità. 

Qual è il lavoro che fa per te?

Riassumendo, ecco alcuni consigli fondamentali per capire qual è il lavoro più adatto a sé:

  • È opportuno analizzare le proprie abilità individuali, includendo sia quelle sviluppate nei lavori precedenti sia quelle acquisite al di fuori del mondo professionale;

  • È utile cercare di dare un nome a quelli che possono essere stati gli stimoli personali più significativi del proprio vissuto, associandoli a professionalità e lavori effettivamente attuabili;

  • È meglio non limitarsi a considerare in modo superficiale un titolo professionale, valutando piuttosto le singole caratteristiche del lavoro;

  • Sulla base di specifiche mansioni o competenze ritenute interessanti, è consigliabile parlare con persone che già le svolgono in modo da avere una conoscenza diretta del ruolo;

  • È utile elencare una lista di “ingredienti” che un lavoro ideale dovrebbe avere, come la tipologia di colleghi con i quali si vorrebbe collaborare, il tipo di ambiente, lo stile di lavoro e gli obiettivi che si vorrebbero raggiungere: alla luce di questa lista, è possibile cercare tutti i posti di lavoro che soddisfino almeno 6 dei 10 criteri evidenziati;

  • Una volta capito qual è il lavoro ideale per sé, è arrivato il momento di preparare una presentazione efficace e mirata di se stessi attraverso un curriculum efficace

    .