10 competenze da sviluppare per trovare lavoro nei prossimi anni

07/05/2018 17:55:46

Secondo gli studi di settore, lo sviluppo delle nuove tecnologie e il progresso dei processi operativi segnerà nei prossimi anni un significativo stravolgimento di quelle che saranno le competenze richieste e, nell'arco del quinquennio in corso, oltre un terzo delle attuali figure professionali sarà sostanzialmente cambiato.

In quella che viene definita come la Quarta Rivoluzione Industriale, l'affermazione sempre più diffusa dell'apprendimento automatico, delle biotecnologie, della genomica, dell'intelligenza artificiale e della robotica trasformeranno in maniera così radicale il modo di vivere e di lavorare che compariranno alcuni nuovi lavori a scapito di altri, allineando la futura forza lavoro alle nuove esigenze del mercato. Un processo di riqualificazione a livello globale che abbraccerà tutto il mondo dell'Industria 4.0: dai media all'intrattenimento, dai servizi finanziari al settore degli investimenti, dalle vendite alla produzione. 

Vediamo quali saranno le principali competenze di cui i futuri candidati avranno bisogno per riuscire a entrare nel mondo del lavoro:

1. Capacità decisionale. Nel prossimo futuro non potrà mancare la capacità di analizzare i dati in modo da sviluppare nuove strategie e prendere decisioni all'interno di un'azienda, servendosi dei nuovi strumenti e tecnologie utili nella raccolta delle informazioni. 

2. Coordinamento.  In qualsiasi ambiente lavorativo sarà indispensabile, anche nell'era dell'IT, essere dotati di solide capacità comunicative per riuscire a interagire con personalità diverse tra di loro.

3. Creatività.  Fondamentale e non ancora sorpassata da alcun tipo di ausilio artificiale, che invece è molto più utile nel velocizzare sensibilmente i processi operativi, la componente creativa dell'essere umano resterà anche nei prossimi anni una skill unica e insostituibile. 

4. Flessibilità cognitiva. Un approccio mentale a 360 gradi sarà l'unico modo per adattarsi ai rapidi cambiamenti della società industriale contemporanea. Quanto più velocemente e agilmente ci si saprà muovere tra diversi modi di pensare, tanto più sarà possibile imparare cose nuove e vederle in un'ottica creativa, matematica o critica a seconda delle esigenze.

5. Gestione del personale. Se da un lato si assisterà a una significativa riduzione dei posti di lavoro a vantaggio dei sistemi automatizzati, d'altro canto sarà ancor più necessario motivare e massimizzare la produttività dei dipendenti con manager in grado di interpretare e rispondere dei loro bisogni individuali. I manager del futuro dovranno dunque essere capaci di gestire il personale per ottenere il massimo dei risultati. 

6. Intelligenza emotiva. A tale scopo è assolutamente fondamentale, per una figura dirigenziale, sviluppare una buona capacità di persuasione dialettica, sapersi sintonizzare con le emozioni altrui e adattare il proprio comportamento a seconda dello stato d'animo di colleghi e dipendenti.

7. Negoziazione. Come per la creatività, anche le competenze sociali saranno qualifiche importanti che non potranno essere sostituite facilmente dai robot. Sarà dunque necessario ancora investire su figure dotate di capacità interpersonali e in grado di gestire in modo efficiente l'interazione umana e le trattative sociali.

8. Orientamento dell'offerta. Nell'epoca dell'ottimizzazione dei processi e dell'efficienza produttiva, sarà sempre più importante focalizzare l'attenzione sui consumatori, con ruoli specifici capaci di anticipare quali saranno i bisogni futuri dei target di settore e orientare di conseguenza i trend aziendali.

9. Pensiero critico. Un altro campo in cui la figura umana non potrà essere sostituita dalla robotica avanzata sarà quello della logica e del ragionamento, skill necessarie per interrogarsi su ogni tema in oggetto, prendendo in considerazione pro e contro e valutando differenti approcci possibili.

10. Problem-solving. Sulla stessa scia, sarà indispensabile avere la capacità di problem solving, ossia saper analizzare contesti complessi in rapido cambiamento ed essere capaci di risolvere problemi riuscendo a vedere nel contempo sia il quadro generale sia ogni minimo dettaglio.