come scegliere le foto del curriculum? ecco alcuni consigli.

17/02/2021 14:00:00

No ai selfie o alle foto in costume: scegliere la fotografia da inserire nel curriculum vitae è un dettaglio importante, al quale dobbiamo dare la giusta attenzione. È la prima immagine di noi stessi che decidiamo di mostrare al recruiter. E come ben sappiamo, la prima impressione è quella che conta. Dopo aver visto come esporre al meglio le competenze extra-lavorative e le soft e hard skills, ecco 10 consigli per scegliere al meglio la foto da mettere nel proprio CV. 

 Foto CV

scegliete una foto sobria e formale.

Sembra una banalità, ma non lo è. Spesso i selezionatori si trovano a dover leggere curriculum con foto totalmente fuori luogo. Immaginate di dover andare a un colloquio di lavoro: quello è il contesto su cui basare la vostra fotografia. Sì a un look sobrio, quindi, con vestiti formali ma non troppo eleganti: una camicia andrà benissimo. Non fatevi una foto appena svegli la mattina o la sera tardi dopo una serata fuori con gli amici. La foto del CV è molto importante e deve dare di voi un’immagine affidabile e professionale, il resto verrà deciso in sede di colloquio. 

niente selfie.

È preferibile scegliere una foto scattata con una macchinetta. Va bene anche il cellulare, però no ai selfie. Soprattutto se vi ritraggono nelle posizioni classiche della fotografia “fai da te”: braccio che si intravede nella parte laterale dell’immagine, volto ripreso dall’alto che tende a sformarsi, figura ritratta attraverso lo specchio sono tutti dettagli che non devono caratterizzare l’immagine con cui integrate il vostro CV. 

cercate di utilizzare una foto frontale.

Che posizione è consigliabile assumere nella foto per il CV? No di schiena (per ovvi motivi) e neanche di lato: la postura corretta è frontale, a 90 gradi rispetto alla telecamera, con gli occhi puntati verso l’obiettivo. Può essere una buona idea anche una foto a 3/4 purché lo sguardo rimanga sempre in fisso in camera. 

preferite una foto in primo piano o a mezzo busto.

È un po’ come per le fototessere della patente: la foto da inserire nel curriculum deve essere un primo piano (non troppo vicino) con collo e inizio delle spalle visibili, o a mezzo busto. È meglio non preferire un’immagine a figura intera, a meno che non cerchiate lavoro come hostess/steward o modelli. 

sfondo neutro.

Per quanto riguarda lo sfondo, invece, quello della fotografia del CV deve essere il più possibile neutro. Niente foto al mare o con una luce troppo forte. Una parete bianca o un contesto professionale, sono gli sfondi più utilizzati. In questo dettaglio dovete tenere presente che l’attenzione dovrà essere tutta su di voi: sfondi particolari o facilmente distinguibili potrebbero catturare l’attenzione del selezionatore. 

puntate sulla naturalezza.

Non siate troppo impettiti, ma neanche troppo leggeri. Tenendo ben presente che la foto perfetta non esiste, l’ideale è mostrarsi nella versione più naturale. Sono bandite le espressioni strane, i bronci o le risate a crepapelle: che decidiate di sorridere o no, siate rilassati e il resto verrà da sé.

la foto deve essere inserita accanto alle informazioni personali.

La foto è solitamente la prima cosa che un recruiter vede quando prende in mano il vostro curriculum. La posizione della propria immagine, di conseguenza, assume una certa rilevanza. Tendenzialmente, sarebbe preferibile inserirla nella parte alta del Cv, appena sopra o accanto alle informazioni personali. Se si sceglie il formato standard europeo, da utilizzare solo se espressamente richiesto, il compito sarà facilitato in quanto è già presente l’apposito spazio per l’inserimento della foto. Non esagerate con le dimensioni: è il contenuto del curriculum a dover attirare l’attenzione, che non può essere monopolizzata da un’immagine eccessivamente grande.

evitate di inserire foto poco nitide.

Come ogni fotografia di documenti ufficiali, anche quella del curriculum richiede espressamente nitidezza. Immagini sfocate o poco chiare rischiano di spingere il recruiter a cestinare il vostro Cv ancora prima di iniziare a visionarne il contenuto.

non abusate dell’editing per la fotografia nel curriculum.

L’intervento eccessivo con software di editing sulle foto si nota sui siti web, sulle piattaforme social e, a maggior ragione, sul curriculum vitae. Bisogna limitarsi, se proprio lo si desidera, a interventi strettamente necessari, sempre all’insegna della regola aurea della sobrietà.

Leggi tutti i nostri consigli per il curriculum vitae perfetto.

clicca qui