legge di stabilità 2015: nuovo regime irap

26/01/2015 11:14:51

Ospitiamo su Knowledge360, per la rubrica "Il laboratorio dell'esperto", il contributo della Dott.ssa Emiliana Dal Bon, ‎Consulente del Lavoro, Studio di Consulenza del Lavoro Dal Bon.

--

Legge di Stabilità 2015: nuovo regime IRAP

Il comma 20, dell’articolo unico della Legge di Stabilità 2015, agisce sul cosiddetto Cuneo Fiscale, introducendo un nuovo comma, il 4-octies, all’articolo 11 del D.Lgs n.446/1997. La previsione in esso contenuta, dispone sostanzialmente, a decorrere dal periodo d’imposta 2015, la deduzione integrale del costo del lavoro a tempo indeterminato dal valore della produzione IRAP. 

Il nuovo comma 4–octies, stabilisce infatti che sul valore della produzione IRAP venga riconosciuta l’ulteriore deduzione della differenza tra il costo complessivo per il personale dipendente con contratto a tempo indeterminato e le vigenti deduzioni spettanti a titolo analitico o forfetario riferibili sempre al costo del lavoro di cui ai commi 1, lett. A (premio INAIL, cuneo fiscale, contributi previdenziali, apprendisti, disabili, CFL e addetti alla ricerca e sviluppo), 1-bis (indennità di trasferta autotrasportatori), 4-bis.1 (deduzione di € 1.850 per dipendente) e 4-quater (deduzione IRAP per incremento della base occupazionale).

La nuova deduzione è estesa non sono alle imprese ed ai lavoratori autonomi, ma anche agli agricoltori e cioè a tutti i soggetti IRAP che determinano la base imponibile ai sensi degli articoli da 5 a 9 del D.Lgs n. 446/1997. 

In sede di conversione, subordinata all’autorizzazione della Commissione UE, è stata altresì resa applicabile la deduzione del costo del lavoro anche a favore dei produttori agricoli/società agricole per ogni lavoratore dipendente a tempo determinato con contratto di almeno tre anni che abbia lavorato almeno 150 giornate nel periodo d’imposta agevolato. 

Sono invece esclusi dalla fruizione della nuova deduzione gli enti non commerciali che esercitano esclusivamente un’attività istituzionale, la cui base imponibile IRAP è determinata con il metodo retributivo.

Il decreto in parola ha altresì provveduto ad abrogare, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, le disposizioni che hanno ridotto le aliquote IRAP per tutti i settori produttivi: pertanto, sono ripristinate le previgenti aliquote d’imposta nelle misure del 3,9% (aliquota ordinaria), del 4,2 % (aliquota applicata dai concessionari pubblici), del 4,65% (per le banche), del 5,9 % (per le assicurazioni) e dell’1,9% (per il settore agricolo), pur fatti salvi gli effetti della diminuzione delle aliquote disposte dal DL n. 66/2014 ai fini della determinazione dell’acconto relativo al periodo d’imposta 2014.

(Emiliana Dal Bon - Consulente del Lavoro, Studio di Consulenza del Lavoro Dal Bon)

categorie Norme e Diritti