garanzia giovani: il programma della regione liguria

20/07/2015 15:37:02

La finalità ed il target

La finalità del Programma Garanzia Giovani in Liguria è, secondo le direttive della stessa Unione Europea, quella di proporre una forma di politica attiva contro la disoccupazione giovanile.

Anche in Liguria l’obiettivo di Garanzia Giovani è quello di assicurare che i giovani (NEET 15-29 anni) non in formazione e non occupati, iscritti al programma, ricevano una proposta o di formazione, o di tirocinio o di lavoro entro 4 mesi dall’iscrizione.

Le possibile proposte sono le seguenti: 
  • contratto di lavoro a tempo indeterminato
  • contratto di lavoro a tempo determinato della durata di almeno 6 mesi
  • contratto di Apprendistato di I e III livello
  • Tirocinio extra-curriculare
Anche in questo caso i destinatari vengono classificati in 4 fasce di profilazione che misurano la “distanza” del giovane dal mercato del lavoro:

1.       Bassa

2.       Media

3.       Alta

4.       Molto Alta

Ogni fascia prevede incentivi economici differenti per l'azienda che propone un contratto di lavoro al ragazzo. 
Le fasce 3 e 4 prevedono incentivi economici a partire da contratti a tempo determinato di almeno 6 mesi o comunque le cui proroghe consentano il raggiungimento di tale soglia minima.

La Liguria ha stimato un target potenziale di 10.000 giovani, di età compresa tra i 15 e i 24 anni e 25.000 di età compresa tra i 25 e i 29 anni, nel biennio previsto di attivazione.

Le misure previste


Orientamento specialistico: ha l’obiettivo di sollecitare maturazione, proattività e autonomia nella ricerca attiva del lavoro, di costruire un progetto di sviluppo professionale. Le ore assegnate per tale misura dipendono dalla fascia: 2 ore per la prima, 4 ore per la seconda, 8 ore per la terza e quarta. 

Tirocini extra-curriculari: la durata deve essere compresa fra un minimo di 2 ed un massimo di 6 mesi (12 in caso di categorie protette e soggetti svantaggiati); l’attivazione di tale misura comporta il riconoscimento di un’indennità 500 euro mensili a carico dell’Inps per 40 ore settimanali; (importo riproporzionato in caso di ore inferiori).

Accompagnamento al lavoro: l'azienda che assume percepisce un incentivo economico il cui valore dipende dalla durata del contratto e dalla fascia di collocazione del ragazzo.

Bonus occupazionale per le imprese: il bonus viene riconosciuto a seconda della fascia di profilazione e del tipo di contratto (deve trattarsi di un contratto a termine di durata minima di  6 mesi)

Autoimprenditorialità: tale misura non è ancora operativa; dovrebbe comunque concretizzarsi in una forma sostegno sia economico che consulenziale a favore di chi desidera intraprendere un'attività commerciale in proprio

Orientamento: è la misura propedeutica a tutte le altre: una volta che inizia un tirocinio o un corso di formazione, l'orientamento viene concluso.

Il percorso 


  1. il giovane si iscrive al programma tramite portali istituzionali (www.garanziagiovaniliguria.it - www.garanziagiovani.gov.it) scegliendo la Regione e il Centro per l’impiego di preferenza
  2. segue la convocazione da parte del Centro per l’impiego, cui spetta la prima accoglienza e l’orientamento di primo livello. Il giovane viene così profilato e guidato nell’individuazione della misura più utile al raggiungimento del proprio obiettivo. Tale scelta si concretizza nella firma del patto di servizio
  3. successivamente l’ente accreditato riceve in carico il ragazzo, eroga le attività di orientamento specialistico per la costruzione di un progetto di sviluppo professionale coerente e realistico rispetto al mercato del lavoro di riferimento e alle competenze possedute. Procede poi allo scouting interno ed esterno delle opportunità di inserimento e alla promozione dei profili. Tale attività sfocia nell’attivazione di un tirocinio o di un contratto o nella realizzazione di un percorso di formazione.

Le riflessioni sul modello


Sicuramente meritevole di apprezzamento l'idea di creare una partnership tra Agenzie per il lavoro, enti di formazione e centri per l’impiego.
Anche in questa Regione capita comunque molto spesso di osservare come le aspettative delle aziende siano piuttosto elevate; ciò soprattutto se si considera come le posizioni richieste siano qualificate e al tempo stesso vi è un'alta percentuale di candidati con preparazione o competenze molto generiche, per cui il match non è sempre semplice da realizzare.
categorie Norme e Diritti