il mercato mobile in italia: persone, trend e consumi

17/05/2016 14:43:20

Da quando è cominciata la “rivoluzione mobile”, con l’avvento sul mercato di smartphone, tablet, app e feature specifiche e il loro crescente utilizzo per l’accesso a Internet, il mercato mobile in Italia non ha mai smesso di crescere. La penetrazione del mobile in Italia è maggiore rispetto alla media europea: il nostro Paese ha il più alto numero di utenti attivi (cioè di SIM, che ammontano ad almeno 2 a testa) e di dispositivi mobili per persona in Europa. 

Da questi numeri derivano cifre assai consistenti anche per quanto concerne il mercato delle app per smartphone e tablet, quello del mobile advertising e, in particolare, quello del mobile payment, per il quale l’Italia è leader in Europa in termini di fatturato. I tre mercati sono in costante crescita in termini di investimenti e ricavi, venendo a costituire una fetta importante del PIL italiano.

Un mercato su cui vale la pena riflettere attentamente, quello del mobile in Italia, per comprenderne tutte le potenzialità in fatto di crescita economica. Analizziamo nel dettaglio i suoi più recenti trend di crescita rilevati da Audiweb, soggetto che analizza l’audience online. Presentati nel corso della relazione sulla diffusione dell’online in Italia, in occasione dello IAB Seminar 2016 “People are mobile”, i dati si riferiscono all’anno 2015.

Penetrazione e crescita del mobile in Italia

Su un totale di 41,5 milioni di italiani tra 11 e 74 anni che accedono a Internet, 32,7 milioni dichiarano di farlo da smartphone, 12,9 milioni da tablet. Negli ultimi due anni, la crescita complessiva (smartphone e tablet) degli italiani che accedono a Internet in mobilità è pari al 26,4%, con 18,2 milioni di utenti italiani tra 18 e 74 anni nel giorno medio. 

Nel dettaglio, la crescita è pari al 45,3% per l’accesso a Internet da smartphone e all’83,6% per quello da tablet. Negli ultimi due anni è aumentato anche il tempo medio dedicato alla navigazione da mobile, oggi pari al 73,3% (+48%).

Modalità di accesso a Internet da mobile

Per quanto riguarda le modalità di fruizione dei mobile device per la navigazione, dall’analisi Audiweb emergono dati altrettanto interessanti. La navigazione tramite applicazioni mobile copre per l’84,5% il tempo trascorso online da smartphone e/o tablet, mentre quella da browser è pari al 15,5% del totale. 

Chi preferisce l’una e l’altra modalità? La navigazione tramite app è scelta dal 40% degli utenti tra 18 e 74 anni (17,6 milioni) per 1 ora e 31 minuti in media al giorno, con un picco del 59% se si considera solo la fascia di giovani tra 18 e 24 anni. Questi navigano tramite app, in media, per 2 ore e 4 minuti al giorno, mentre i 25-34enni per 1 ora e 40 minuti e le donne per 1 ora e 42 minuti.

Tipologia di consumi online da mobile

Entrando nello specifico della tipologia di contenuti fruiti online da mobile device ogni mese, si rileva che i siti di ricerca sono i più consultati, con 20,6 milioni di utenti. Seguono i social network con 19,9 milioni di utenti, siti e app per messaggistica e chat in mobilità con 18,9 milioni di utenti e i portali generalisti con 19,2 milioni di utenti. Nel campo dell’infotainment e dell’e-commerce, siti e app dedicati ai contenuti video raggiungono 17,8 milioni di utenti al mese, quelli di news e informazione 12,6 milioni e il mobile commerce 15,3 milioni di utenti.

Caratteristiche della mobile audience

L’uso dei mobile device è particolarmente diffuso tra i più giovani: l’83% di quelli in età compresa tra 11 e 17 anni accede a Internet da smartphone, mentre il 41,3% usa il tablet.

In quanto a variazione di consumi per generazione, è possibile individuare alcuni trend. 

I Millennials sono molto attratti dal mobile commerce (il 51,2% della fascia 18-34 anni); il 40,6% consulta siti di informazione e news, ma dedica loro meno tempo rispetto alle altre generazioni. 

La Generazione X (che include soggetti tra 35 e 54 anni) consulta principalmente portali generalisti (51,2%). La generazione dei Baby Boomer (nati tra il 1945 e il 1964), invece, non è ancora del tutto a suo agio con l’online in mobilità, anche se, come le altre generazioni, predilige i social network e i siti e le app per messaggistica e chat in mobilità. 

In conclusione, mentre la diffusione dei dispositivi mobili contribuisce da anni ormai, in maniera preponderante, alla crescita della penetrazione dell’online, il consumo dell’online in mobilità in Italia cresce a sua volta: l’accesso a social network, servizi di messaggistica istantanea, motori di ricerca e gaming avviene oggi principalmente da mobile.

categorie News Aziende , trend HR