catania ospita il primo digital innovation hub della sicilia

28/03/2017 10:23:19

È nato a Catania il primo “Digital Innovation Hub” siciliano, un distretto tecnologico con il quale è stata espressa la volontà di tracciare una via comune per piccole e medie imprese del territorio con lo scopo di entrare a tutti gli effetti all’interno della Rivoluzione Digitale che si presenta con il nome di Industria 4.0.

I Digital Innovation Hub sono centri che aiutano ad avvicinare università ed aziende per adeguare le PMI agli standard tecnologici e digitali mondiali. Le piccole e medie imprese sono infatti spesso scollegate dal tessuto sociale che si occupa di ricerca e di tutte quelle attività e servizi legati all’innovazione ed alla digitalizzazione. Grazie al protocollo d’intesa firmato da Confindustria Digitale, Comune di Catania e la sezione di Confindustria della città siciliana è nato questo centro di aggregazione “Digital Innovation Hub”, dove le imprese potranno colloquiare con esperti del settore per reperire informazioni, accedere agli incentivi messi a disposizione e conoscere le ultime tecnologie sviluppate. 

L’investimento messo in campo dal Governo con il piano Industria 4.0 si aggira intorno ai 10 miliardi di euro ed ha lo scopo di sostenere e raggiungere quante più possibili PMI distribuite sul territorio italiano. La sfida oggi è quella di mettere sullo stesso piano piccole/medie imprese e grandi aziende e solo creando un modello comune a tutte sarà possibile digitalizzare le realtà del Sud per essere davvero competitive sul mercato nazionale ed internazionale.

“Oggi tutte le informazioni viaggiano in rete. Un'industria isolata che vende cioccolatini alla porta accanto è anacronistica, non competitiva, non può esistere – ha affermato l’AD e presidente di STMicroelectronics Italia, Carmelo Papa – e il ruolo dei giovani è vitale. Dovrebbero essere il veicolo principale per fare questa rivoluzione. La situazione della digitalizzazione delle imprese non è male in Italia ma l’avvento dell’era digitale, che permette a queste industrie di affacciarsi al mondo, può riesplodere e avere un ruolo di prim'ordine come quello che ha avuto nell'era pre-digitale. Il digitale può aiutare in modo concreto a colmare il gap Nord-Sud”. 

Grazie alla creazione della nuova sede catanese del primo “Digital Innovation Hub” siciliano si potrà fare rete tra imprese, mercato, ricerca ed innovazione. Le eccellenze locali dell’agroalimentare, del settore chimico-farmaceutico, delle telecomunicazioni e tante altre realtà potranno, recandosi negli spazi dell’Hub digitale, accedere al know-how indispensabile per fare un salto di qualità e digitalizzare il proprio brand.

“È un primo passo verso un cambio di paradigma dell'economia - ha spiegato il Vicepresidente Vicario di Confindustria Catania, Antonello Biriaco - e il nostro compito è quello di far comprendere anche alle piccole imprese che la trasformazione digitale è davvero alla loro portata. Serve però un'onda d'urto che coinvolga in modo trasversale soggetti pubblici e privati verso l'abbattimento delle carenze tecnologiche e culturali. Oggi abbiamo finalmente strumenti e capitale umano, pronti per rispondere a questa sfida”.

Le smart industry di manifatture e servizi segnano la via da seguire e la speranza è che saranno in tanti a rispondere, poiché è opinione di molti che il futuro del Made in Italy si giocherà tutto sulla frontiera del digitale e dell’innovazione, per compiere importanti trasformazioni in campo produttivo ed economico.