diventare imprenditori di successo è una questione psicologica.

04/10/2018 16:39:09

Perché ci sono persone che raggiungono l’apice del successo diventando imprenditori e altre, invece, scelgono percorsi professionali diversi? Esistono tante risposte a questa domanda. C’è chi dice che è merito dell’intuito, delle competenze o della disponibilità di risorse economiche. Una cosa è certa: avere successo nella vita professionale è anche una questione di attitudini psicologiche, come è spiegato nel libro “Psicologia dell’imprenditore” di Clara Amato, docente all’Università europea di Roma. 

Il testo affronta la domanda posta all’inizio da un punto di vista cognitivo, e spiega come la personalità e i valori siano fondamentali nel delineare il profilo del vero leader. Queste caratteristiche, che vanno oltre alle esperienze vissute e ai fattori esterni, possono essere determinanti quando si sceglie la propria vita professionale. In sostanza, gli imprenditori mostrano tratti comuni, è come se fossero psicologicamente predisposti a diventare tali. 

Ma quali sono queste caratteristiche comuni? La ricercatrice autrice del libro dice che un leader è: estroverso, stabile a livello emotivamente, open minded e coscienzioso. Lo studio ha seguito delle regole ben precise, che riguardano l’osservazione di alcuni punti:

  • i valori dell’imprenditore;
  • il suo stile di pensiero;
  • la sua personalità;
  • l’idea e, conseguentemente, la valutazione che ha di se stesso.

Il quadro che esce fuori da questa analisi, mostra un volto umano dell’imprenditore: non è il calcolatore e l’arrivista che spesso siamo portati a credere. Un vero leader è anche colui che sa motivare il team di lavoro, che sa parlare in maniera empatica, che propone soluzioni. Qui, i valori e la personalità, anche a livello emotivo, sono gli aspetti che più di altri conferiscono a un imprenditore qualsiasi la sua capacità di essere un imprenditore di successo. Sono anche le sue caratteristiche psicologiche a guidarlo nelle scelte e lo definiscono come una persona ricca e dagli interessi variegati.

Alla fine della ricerca, abbiamo 3 profili differenti di imprenditore: l’imprenditore auto-deterministico, quello paternalistico e quello altruista. Un buon leader è, quindi, costruttivo, spinto da valori sani, onesto, ispirato e che sa ispirare. Chi non vorrebbe avere queste caratteristiche?