Mission e vision sono i due concetti cardine sui quali si fonda un’organizzazione aziendale. 

Rappresentano i valori e le strategie concrete attraverso le quali questi stessi valori vengono declinati nelle attività di tutti i giorni da parte di un’impresa.

Ma quanto sono importanti mission e vision aziendali per i lavoratori? In che misura, se lo fanno, influenzano o determinano la scelta di un datore di lavoro?

A queste e ad altre domande risponde il Randstad Workmonitor, l’indagine condotta in oltre 30 Paesi, allo scopo di monitorare l’atteggiamento dei lavoratori verso il lavoro e le trasformazioni che il mercato del lavoro richiede.

l'anteprima della copertina della ricerca randstad workmonitor. un ragazzo, un signore e una ragazza che scendono da un mezzo di trasporto pubblico con in sovraimpressione due text buble in cui è riportata la scritta "a new era in the #howwework revolution"

Randstad Workmonitor: scopri ciò che i dipendenti desiderano e si aspettano dai loro datori di lavoro.

scarica il report
Mission e vision
Mission e vision

che cos’è la mission e vision aziendale? 

La vision aziendale rappresenta l’ambizione a lungo termine di un progetto imprenditoriale e si basa principalmente sui valori su cui l’organizzazione è stata fondata e attraverso i quali vuole raggiungere i propri obiettivi.

La mission, invece, ha una dimensione più concreta e rappresenta il modo in cui la vision viene effettivamente realizzata nelle attività quotidiane, nei progetti aziendali e attraverso il rapporto con i propri dipendenti.

Si tratta, in altre parole, di una declinazione operativa della vision, che si manifesta attraverso tutte le strategie messe in atto per cercare di tradurre in maniera pratica le ambizioni sulle quali è stata fondata una determinata azienda.

differenza tra mission e vision.

Mission e vision si sviluppano su piani diversi e hanno dimensioni temporali opposte. La vision guarda al lungo termine, la mission si concentra sull’immediato. Rispondono, inoltre, a due domande diverse. 

La vision rappresenta ciò che un’azienda vorrebbe essere, mentre la mission indica il modo in cui un’organizzazione vorrebbe costruire la sua identità.

Inoltre, è fondamentale che vision e mission siano condivise da tutta l’organizzazione perché si rivelino realmente efficaci. La vision non è il risultato dell’ambizione del singolo, ma un insieme di valori condivisi da tutte le componenti di un’azienda.

Mission e vision, infine, non sono concetti immutabili nel tempo, ma possono essere soggetti a fisiologici aggiustamenti o veri e propri cambiamenti, dettati dell’evoluzione economica, tecnologica, sociale e culturale. La flessibilità e la capacità di stare al passo coi tempi, infatti, sono due aspetti altrettanto importanti nella definizione dei principi e delle strategie di un’organizzazione.

prova3

Randstad Workmonitor: scopri ciò che i dipendenti desiderano e si aspettano dai loro datori di lavoro.

scarica il report

valori aziendali: importanza nella scelta di un datore di lavoro.

I valori aziendali, ossia i principi sui quali si basa la vision di un’organizzazione, sono aspetti che stanno assumendo un’importanza crescente agli occhi dei lavoratori. Questi valori possono essere numerosi e dipendono, ovviamente, dalla singola azienda. Alcuni esempi, potrebbero essere:

  • diversità e inclusione
  • attenzione al sociale
  • onestà
  • integrità
  • equità
  • apprendimento continuo
  • credere nella collaborazione tra team di lavoro

Per molti lavoratori, come emerso anche dal Randstad Workmonitor, proprio i valori aziendali sono tra gli aspetti maggiormente tenuti in considerazione nella scelta di un datore di lavoro.

fattori rilevanti per accettare o mantenere il lavoro.

 Nella top 10 dei fattori rilevanti nel proprio lavoro (sia attuale che futuro) si trovano  i, ad esempio, sostenibilità, diversità e inclusione, indicati dal 76% degli intervistati, in misura maggiore per la fascia di età compresa tra i 55 e i 67 anni, i cosiddetti baby boomers (80%) e tra i giovani tra i 18 e i 24 anni, ovvero la generazione Z (77%).

Differenze sono emerse anche filtrando i risultati per tipologia di famiglia e segmento professionale. I valori del datori di lavoro sono, infatti, più importanti per i lavoratori con figli minori (78%) e per i cosiddetti “colletti blu”, ossia la forza lavoro impiegatizia (81%).

motivi per non accettare un’offerta di lavoro.

I valori aziendali, secondo quanto emerso dall’indagine, sono determinanti anche quando bisogna decidere se accettare o meno un lavoro. Ad esempio, il 38% del campione ha dichiarato che non accetterebbe di lavorare per un’organizzazione che non si impegna proattivamente per essere più sostenibile. Questa percentuale sale addirittura al 49% tenendo conto solo della fascia d’età compresa tra i 18 e i 24 anni.

Anche in questo caso, le categorie per le quali sono più determinanti i valori aziendali nella scelta di un datore di lavoro sono i lavoratori con figli minori e i colletti blu. In entrambi i casi, per il 40% del campione, costituirebbe un motivo valido per non accettare un lavoro il fatto che l’azienda non si stia impegnando in maniera proattiva ad essere più sostenibile.

Il 35% del campione, poi, non accetterebbe di lavorare con un’azienda che non è in linea con i propri valori sulle questioni sociali e ambientali, in misura maggiore per la fascia di età compresa tra i 25 e i 34 anni, i cosiddetti millennials (48%), i lavoratori con famiglia (38%) e i colletti blu (39%).

I valori aziendali, massima espressione di quella che è la vision di un’organizzazione, sono in definitiva aspetti fondamentali per costruire engagement tra la forza lavoro e raggiungere, di conseguenza, quegli obiettivi stabiliti dalla mission di un progetto imprenditoriale.

prova3

Randstad Workmonitor: scopri ciò che i dipendenti desiderano e si aspettano dai loro datori di lavoro.

scarica il report

Randstad Workmonitor: scopri ciò che i dipendenti desiderano e si aspettano dai loro datori di lavoro.

scarica il report