come sfruttare al meglio la tecnologia nelle tue strategie di employer branding e talent acquisition.

24/05/2017 10:24:02

Con l’avvento dell’era digitale, le imprese devono affrontare una nuova sfida: imparare a creare un brand distintivo per la propria azienda. Con l’avvento dei social media, infatti – in particolar modo LinkedIn, il quale è dedicato quasi esclusivamente alla creazione di relazioni business-to-business (B2B) – le aziende sono chiamate a diventare iper-consapevoli della loro presenza digitale, non solo sui canali online di proprietà, ma anche su quelli esterni.

L’attenzione degli utenti/consumatori non è più focalizzata su quanto una società dice di se stessa; piuttosto l’enfasi è ora posta su ciò che le persone raccontano di essa (in particolar modo ex ed attuali dipendenti, clienti e fornitori). 

Se a molte aziende il mondo digitale e i suoi attori possono apparire come una “terra di nessuno” abitata da soggetti ininfluenti, nella realtà si tratta di preziosi “testimonial” che possono essere sfruttati da un’impresa a proprio vantaggio. Molti datori di lavoro, non a caso, usano già la tecnologia per abilitare e migliorare le proprie strategie di Employer Branding e Talent Acquisition

Scopri l'Ebook gratuito  L'Employer Branding in 6 passi >>


Naturalmente, esistono alcune best practice da prendere a modello.
Prendiamo in esame alcune delle tante modalità con cui le aziende possono utilizzare la tecnologia per creare la propria strategia di acquisizione di talenti e di Employer Branding, dando anche uno sguardo ai casi più meritevoli.

In che modo la tecnologia migliora l’esperienza di Talent Acquisition?

L’esperienza di Talent Acquisition viene migliorata in modo consistente dalla presenza della tecnologia. Non solo per i reclutatori, ma anche per i talenti. Ma, nel dettaglio, in che modo la tecnologia è d’aiuto a tutto ciò?

  1. La tecnologia consente ai datori di lavoro di osservare le cose dal punto di vista dell’esperienza degli impiegati. Sono lontani i tempi in cui per le aziende i dipendenti erano semplici “ingranaggi di una ruota”. I datori di lavoro di oggi sanno perfettamente che per coltivare la lealtà - ossia per far sì che gli impiegati rimangano con loro più a lungo - è necessario che siano felici. E no, a questo scopo offrir loro un generoso compenso non è sufficiente. Ricorrendo alla tecnologia per comprendere l’esperienza degli impiegati - usando ad esempio interfacce self service intuitive - i datori di lavoro sono in grado di comprendere i casi particolari che si manifestano sempre quando si ha a che fare con la complessità, il cambiamento e con le persone.
  2. La tecnologia consente ai datori di lavoro di perfezionare l’avvio dei cloud software. Con i cloud software inizia anche la responsabilità delle IT HR e, secondo Deloitte, “la rigida responsabilità di adottare e applicare nuove funzioni e funzionalità, tutto ciò nell’ambito di una miriade di altri cambiamenti di business e distrazioni quotidiane”. Per dirla con parole più semplici, tutto ciò consente ai datori di lavoro di entrare in contatto con il potenziale umano.
  3. La tecnologia permette di migliorare la relazione tra datore di lavoro e dipendente. Gli impiegati di oggi desiderano un’esperienza personalizzata con i propri capi: non vogliono che i “boss” appaiano distanti e lontani dai loro problemi quotidiani, né da quelli dell’azienda. Dal momento, però, che per i responsabili non è possibile essere coinvolti ogni giorno nella vita dei propri dipendenti, disporre di una tecnologia che aiuti a comunicare con i propri impiegati consente di migliorare la cultura aziendale, di coltivare la lealtà dei dipendenti e di accrescere la loro produttività.

Questi sono solo alcuni dei molti modi in cui la tecnologia può lavorare in tandem con le aziende per migliorare l’esperienza complessiva degli impiegati. La buona notizia è che questa tecnologia migliorerà anche l’esperienza dei datori di lavoro.

Talent Acquisition vs. Cultura aziendale

Migliorare l’acquisizione di talenti, nel complesso, aumenterà il numero di dipendenti all’interno della vostra organizzazione. Cos’è possibile fare, quindi, nell’ambito del processo di Talent Acquisition, per migliorare la cultura aziendale? Quali strategie funzionano meglio?

Assumere qualcuno di intelligente e/o talentuoso non è sufficiente. Occorre individuare qualcuno che sia complementare alla cultura aziendale o – ancora meglio – che la migliori.

Applicando un approccio olistico al processo di selezione vi assicurerete non solo di ottenere il meglio del meglio dal punto di vista del talento, ma anche di rendere la vostra azienda una realtà per la quale i migliori impiegati desidereranno lavorare.   

Usare la tecnologia odierna a proprio vantaggio

Ci sono innumerevoli modi in cui è possibile utilizzare la tecnologia già a vostra disposizione a vantaggio della vostra compagnia. Ad esempio: 

  • Sfruttare i Big Data. LinkedIn è una delle poche compagnie che permette di selezionare i dati che ricevete per proporvi in modo appropriato ad un gruppo di persone selezionate, usando i parametri che desiderate.
  • Incoraggiare gli impiegati a condividere le loro esperienze. Ad esempio, se siete consapevoli che molti dei vostri dipendenti sono contenti della loro esperienza di lavoro, incoraggiateli a condividerla online. Più persone vedranno quanto sono soddisfatti i vostri attuali impiegati, più saranno portate ad inviare la loro candidatura quando aprirete il processo di selezione.
  • Costruite il vostro network. Il vecchio detto “il tuo network è il tuo patrimonio netto” è valido ancora oggi e, grazie ai social media, è diventato molto più semplice instaurare connessioni con altre grandi aziende, non solo per promuovere voi stessi e il vostro brand, ma anche per prestare assistenza nel processo di selezione.
  • Considerate di investire in un talent management software. Questa tipologia di applicativi vi aiuterà a creare un incomparabile database di candidati qualificati e di talento cui poter attingere immediatamente nel caso ci sia bisogno di assumere qualcuno di nuovo.

Utilizzando un modo di pensare innovativo e nuovi strumenti per realizzare un’ottima esperienza di recruitment - che sia allo stesso tempo efficiente e poco costosa per voi - potrete creare un grande bacino di talenti in grado di fornirvi ciò di cui avete bisogno, nel momento in cui ne avrete bisogno. 

Trad. da Randstad workforce360 blog: "How to best use technology in your brand and talent acquisition strategies", Eveline Kramers - Global Content Manager.