vuoi scoprire l'importanza della forza lavoro flessibile?

scarica la guida

Il concetto di flessibilità non è mai stato così importante per il mondo del lavoro come lo è oggi. Le aziende stanno iniziando a riconoscere i vantaggi offerti da una gestione flessibile del personale e dall’integrazione di risorse temporanee nelle strategie di HR, che offrono benefici in termini di efficienza dei costi e accesso più rapido a competenze specialistiche.

Allo stesso tempo, i lavoratori sono sempre più consapevoli dei vantaggi a livello professionale, finanziario e di stile di vita derivanti dalla libera professione, dall'outsourcing e dal gig work, ossia il lavoro a chiamata.

Sono numerose le ricerche e i dati statistici che dimostrano queste tendenze e descrivono la crescita che sta avendo la forza lavoro flessibile.

Se hai intenzione di ricorrere più frequentemente a lavoratori temporanei e ti stai chiedendo come questo approccio possa adattarsi alla tua attività, vale la pena considerare i pro e contro legati all'assunzione di risorse flessibili.

personale flessibile
personale flessibile

pro: accesso a competenze specialistiche.

Una delle sfide principali per il recruitment che molte aziende devono affrontare è identificare e acquisire le competenze di cui hanno bisogno nel mercato del lavoro tradizionale.

Secondo la Society for Human Resource Management, tre quarti (75%) dei professionisti HR che hanno difficoltà legate al recruitment affermano che c'è una carenza di competenze tra i candidati.

La scarsità di lavoratori risulta particolarmente accentuata in determinati settori chiave, come quello ingegneristico e tecnico. La crisi legata al COVID-19 ha infatti innalzato il tasso di disoccupazione e aumentato il numero di persone in cerca di lavoro. Tuttavia, le imprese incontrano comunque difficoltà ad acquisire le competenze di cui hanno bisogno in aree specializzate.

Una ricerca condotta nell'UE ha mostrato come le competenze della forza lavoro esistente siano inferiori rispetto a quelle necessarie affinché i dipendenti "svolgano il proprio lavoro al massimo livello di produttività".

Il crescente pool di freelance e risorse temporanee disponibili sul mercato del lavoro flessibile può garantire un accesso alle competenze e all'esperienza difficilmente reperibili con i tradizionali metodi di assunzione.

"La mancanza di lavoratori qualificati in cerca di un impiego a tempo pieno sta determinando un aumento della domanda di lavoratori temporanei, a contratto o freelance. Di conseguenza, le agenzie di gestione del personale stanno puntando sui lavoratori temporanei, comunemente noti come "gig worker" o lavoratori a chiamata, per soddisfare una domanda in forte espansione".

JoAnne Estrada
Global Head di Contingent Workforce Solutions per il Talent Innovation Center di Randstad Sourceright

contro: possibile mancanza di coinvolgimento.

I lavoratori flessibili sono innegabilmente una fonte preziosa di competenze, ma non sono componenti fissi della tua organizzazione. È, quindi, comprensibile se hai alcune preoccupazioni circa il loro coinvolgimento generale con l'azienda e i risultati che quest'ultima cerca di ottenere.

Il tuo personale assunto a titolo temporaneo comprende la visione a lungo termine della tua organizzazione? Si impegna ad aiutarti a raggiungerla? Sono domande assolutamente legittime.

Se le principali parti interessate all'interno dell’azienda hanno espresso queste preoccupazioni, esistono alcune misure per ridurre al minimo i rischi derivanti dalla gestione flessibile del personale.

Ad esempio, è importante evitare gli errori più comuni che si commettono durante l'onboarding dei lavoratori temporanei. Svolgendo correttamente questa fase del processo, è più probabile che si possano ottenere risultati positivi nel lungo periodo.

Un'altra misura efficace per coinvolgere la forza lavoro temporanea è cercare di instaurare relazioni durature con i lavoratori flessibili, eventualmente ponendo l'attenzione sulla possibilità di assumerli in modo permanente, se questo è qualcosa a cui entrambe le parti potrebbero essere interessate.

pro: efficienza in termini di costi.

Raggiungere la massima efficienza in termini di costo del capitale umano rimarrà sempre un obiettivo chiave per la maggior parte dei reparti HR. Un buon modo per ottenerla è interagire con il mercato della forza lavoro flessibile quando si hanno esigenze immediate di competenze. 

È risaputo che assumere un dipendente fisso è un impegno finanziario considerevole, con costi derivanti da:

Inoltre, mentre le posizioni rimangono scoperte, le aziende perdono denaro e produttività.

Una forza lavoro flessibile può aiutare a sfruttare al meglio il budget destinato alle risorse umane, in modo da pagare solo per le competenze e i servizi necessari, quando se ne ha bisogno.

Ciò può rivelarsi particolarmente utile in caso di requisiti a breve termine, ad esempio quando sono necessarie competenze specialistiche per completare un progetto una tantum o di personale aggiuntivo per soddisfare un picco stagionale della domanda.

Un report a cura di North Highland e dell'Economist Intelligence Unit ha dimostrato che il risparmio sui costi è il motivo più comune per cui le organizzazioni ricorrono al personale temporaneo.

contro: minore controllo.

L'assunzione di personale temporaneo è un buon modo per acquisire rapidamente le competenze necessarie e tenere sotto controllo i costi del capitale umano. Alcuni responsabili HR, però, potrebbero preoccuparsi del fatto che l'impiego di lavoratori flessibili significhi avere meno controllo sulla propria forza lavoro.

Il recruitment tradizionale e l'assunzione di personale fisso danno il tempo di coinvolgere i dipendenti e costruire relazioni. Si può lavorare con i nuovi arrivati per assicurarsi che acquisiscano familiarità con il funzionamento dell'azienda e che sappiano cosa ci si aspetta da loro nel ruolo ricoperto.

Nonostante il processo di onboarding per i lavoratori temporanei sia sicuramente diverso, ciò non significa necessariamente che sarà necessario rinunciare al controllo della forza lavoro. È importante assicurarsi che tutti i lavoratori temporanei e gli appaltatori si adattino perfettamente alla cultura aziendale e ai metodi di lavoro della propria organizzazione. È consigliabile esaminare l'esperienza professionale dei candidati per vedere quali risultati abbiano ottenuto in passato lavorando per organizzazioni simili alla propria. A tal proposito, possono tornare utili strumenti di controllo delle referenze come Checkster.

È possibile anche ridurre al minimo i rischi collaborando con un partner esperto nella gestione del personale, che vanti una conoscenza approfondita del settore e del mercato del lavoro locale.

pro: al passo coi tempi.

Il modo di lavorare delle persone e delle aziende sta cambiando in tutto il mondo. Se vuoi restare al passo con le tendenze in rapida evoluzione relative all'acquisizione di talenti e alle aspettative della forza lavoro, devi essere pronto a cambiare il modo in cui trovi e assumi lavoratori.

I risultati della nostra ricerca dimostrano che:

Le aziende che non si evolvono e non stanno al passo con queste tendenze rischiano di restare indietro.

vuoi scoprire di più sull'importanza della forza lavoro flessibile?

scarica la guida gratuita
autore
andrea_tonin
andrea_tonin

Andrea Tonin

area manager randstad italia

A seguito della Laurea in Diritto Amministrativo, con tesi sulle Autorità di regolamentazione dei Servizi di Pubblica Utilità, decide di dedicarsi al mondo delle risorse umane occupandosi di start up di Apl nel nordest.
Entra in Randstad nel 2014, coordinando lo sviluppo commerciale di clienti direzionali per le regioni Veneto e Friuli.
Dal 2015 supporta le filiali di diversi territori con il ruolo di Area Manager, ruolo prima ricoperto in Puglia e successivamente in Marche, Abruzzo, Romagna ed Umbria.
Dal 2017 sempre per Randstad è Area manager delle filiali in provincia di Bologna e Ferrara con l'obiettivo di consolidare Randstad come punto di riferimento del mercato del lavoro nel territorio di appartenenza.