5 consigli utili per sostenere un colloquio via skype.

16/02/2021 14:15:00

Da ormai diversi anni, i colloqui di lavoro via Skype sono in costante aumento. Il periodo di emergenza vissuto negli ultimi mesi e il conseguente lockdown non hanno fatto altro che accelerare una tendenza già in atto. 

Scelte soprattutto per una prima fase della selezione, le job interview da remoto uniscono alcune delle caratteristiche tipiche della cara, vecchia intervista telefonica con quelle del classico incontro di persona. Del resto, non c’è di che stupirsi: in un mondo sempre più digitalizzato e iperconnesso, è del tutto normale che le aziende ricorrano ai nuovi strumenti per cercare candidati anche oltre i confini nazionali o, nel caso di multinazionali, per condurre selezioni per le filiali estere.

come affrontare un colloquio di lavoro via skype

Oltre a quelli direttamente scaturiti dalla situazione contingente, sono diversi i vantaggi di questa tipologia di interviste: praticità, semplicità e riduzione di tempi e costi legati agli spostamenti fisici hanno infatti reso questa tipologia di colloqui una delle più apprezzate da recruiter e specialisti delle risorse umane. 

Insomma, che piaccia o meno, è sempre più difficile non sostenere una job interview da remoto. Proprio per questo è fondamentale sapere a cosa si va incontro. Non importa quale sia la dimestichezza e familiarità con gli strumenti tecnologici, né quale sia la tua esperienza lavorativa pregressa: sostenere un colloquio seduto di fronte a uno schermo è ben diverso dal condurne uno in carne e ossa.

Come tutte le cose, dunque anche i colloqui via Skype richiedono un po’ di pratica, alle solite insidie si affiancano il pericolo di dover far fronte ad imprevisti di natura tecnologica e quello di fare brutte figure pensando di essere offline. Nulla di cui avere paura. Basta seguire poche regole, sempre valide, per affrontare con successo questa prova, fare buona impressione e passare agli step successivi del processo di assunzione.

come affrontare un colloquio di lavoro via skype. i nostri 5 consigli.

Non importa che il selezionatore si trovi nella tua stessa città o dall’altra parte del mondo, per il colloquio di lavoro su Skype esiste un insieme di regole del bon ton valide pressoché universalmente. Ecco quali sono i nostri cinque consigli (più un bonus) per non avere sorprese 

1. Esegui test tecnici.

Le attenzioni devono partire già prima dell’effettiva intervista. Un’insidia alla buona riuscita del proprio colloquio può infatti venire dalle strumentazioni tecnologiche. Il primo compito di ogni candidato è quello di eseguire i necessari test. Sul fronte tecnico dovrai essere impeccabile ed evitare possibili contrattempi. 

assicurati di avere un nickname professionale e un profilo Skype adeguati a un incontro virtuale/formale
verifica il funzionamento di dispositivi e connessione Internet: non solo il wifi, ma anche webcam e microfono del computer devono essere attivi e performanti 
Per evitare che la tua voce rimbombi durante il colloquio, usa gli auricolari e non dimenticare di caricare la batteria del computer. In ogni caso, qualora intervengano problemi tecnici, mantieni la calma e non lasciarti andare ad imprecazioni, perché il tuo interlocutore potrebbe continuare a sentirti anche quando pensi che la connessione sia caduta.

2. Cura l’abbigliamento…

Nonostante la tentazione di vestire solo la parte superiore del corpo, rimanere in pantofole e pantaloni del pigiama è assolutamente sconsigliato: cosa succederebbe se ti trovassi costretto ad alzarti per qualunque motivo? Vestiti quindi come se dovessi sostenere un colloquio di persona; evita colori troppo accesi o righe sottili, che potrebbero infastidire l’interlocutore con uno sgradevole effetto ottico attraverso la webcam. Se possibile, cerca di intonare il colore dei tuoi abiti a quello dello sfondo, ma non esagerare, è sempre meglio evitare l’effetto camaleonte. 

3. … l’ambiente e lo sfondo.

Perché il colloquio non sia disturbato né acusticamente, né visivamente, abbi cura di allestire in un certo modo l’ambiente in cui lo sosterrai. Chiudi porte e finestre, silenzia il telefono e riserva particolare attenzione all’area alle tue spalle. Il disordine è bandito: la cosa migliore sarebbe avere dietro una parete bianca che faccia da sfondo neutro, oppure una bella libreria piena di volumi. 

L’illuminazione non dovrà essere troppo fioca, né troppo intensa; se hai una finestra alle spalle, socchiudi leggermente le imposte qualora il tuo volto nello schermo risulti per contrasto troppo scuro e poco visibile.

4. Presta attenzione a sguardo, gesti e postura.

Durante il colloquio, cerca di mantenere lo sguardo fisso nella webcam e non sull’immagine del tuo interlocutore nel video: in questo modo avrà l’impressione che tu lo stia guardando negli occhi e non in un punto indefinito. Assumi una postura composta senza irrigidirti, non gesticolare troppo e, se desideri prendere appunti, è meglio tu lo faccia a mano, altrimenti potresti distrarre l’interlocutore digitando sulla tastiera! Per tenere sotto controllo sguardo, gesti e postura, puoi lasciare aperta la finestrella di Skype che mostra il tuo volto.

5. Prova con un amico.

Se non hai molta dimestichezza con Skype, la cosa migliore è fare qualche tentativo pre-colloquio con un amico fidato, in grado di darti suggerimenti su postura, abbigliamento, sfondo e illuminazione. Il tuo interlocutore dovrà vedere la metà superiore del tuo corpo, quindi scegli una sedia abbastanza alta e chiedi al tuo amico di verificare la correttezza della tua posizione. Fai con lui prove di trasferimento/ricezione di file, disattivazione del microfono e messa in stand-by della chiamata.

...e durante il colloquio?

A questo punto non resta altro che mostrare quanto vali. La prima regola da rispettare è la puntualità: assicurati di esser pronto a rispondere alla chiamata diversi minuti prima dell’effettivo appuntamento. Dunque mantieni la calma, lascia parlare il tuo interlocutore, ascoltalo senza interromperlo e rispondi solo quando ti viene concessa la parola. Una volta conclusa l’intervista, chiedi cortesemente le tempistiche dell’azienda per valutare la tua candidatura e ringrazia il recruiter per il tempo concesso e l’attenzione mostrata. 

Ora preparati un bel bicchiere d’acqua, realizza un buon curriculum vitae e un’efficace lettera di presentazione e… in bocca al lupo!

sei alla ricerca di lavoro?

i nostri consigli per il colloquio.