workplace as an experience: il nuovo modello hr di airbnb.

12/05/2017 15:54:53

Un ambiente di lavoro sereno e stimolante comporta notevoli vantaggi per un’azienda in quanto influisce sulla felicità dei suoi dipendenti, sulla loro produttività e sul livello di engagement verso l’azienda stessa. Questo concetto è stato compreso molto bene da Airbnb, portale che ha incentrato il proprio business sull’incontro tra le esigenze di chi ricerca un luogo dove risiedere per alcuni giorni e chi, invece, possiede una stanza o un appartamento da affittare. Questa società ha infatti reso la gestione efficiente delle HR uno dei suoi punti di forza per attirare talenti e garantire la soddisfazione dei dipendenti. 

Airbnb ha applicato il principio su cui si basa il suo business – ossia la creazione di un’esperienza di viaggio unica – anche alla sua cultura aziendale, creando il modello Workplace as an experience, in cui l’ambiente di lavoro non è solo un luogo fisico dove trascorrere il tempo svolgendo un elenco di mansioni, ma una vera e propria “esperienza” che permette di integrare l’impegno lavorativo con le esigenze e gli interessi del singolo dipendente. 

Uno dei concetti cardine su cui si incentra il servizio di Airbnb, infatti, è Live like a local, che consiste nel creare un’esperienza di viaggio che faccia sentire gli utenti a proprio agio, come a casa propria, in qualsiasi parte del mondo. Allo stesso modo, applicando questa filosofia alla gestione delle risorse umane, il modello Workplace as an experience vuole creare un ambiente accogliente e gradevole, in cui gli impiegati possano trascorrere il proprio tempo lavorativo in modo piacevole. 

Questo modello di gestione delle HR si basa su alcuni principi fondamentali, ognuno dei quali concorre a creare un’esperienza di lavoro unica e stimolante. Ecco su quali elementi si fonda Workplace as an experience di Airbnb: 

  • Fattore “fisico”: uffici accoglienti e condivisione di cibo di qualità con un servizio di mensa integrato in azienda
  • Fattore “emotivo”: attenzione alla sfera emotiva dei dipendenti e promozione della loro “cittadinanza globale” garantendo un numero di ore mensili in cui svolgere attività di volontariato
  • Fattore “intellettuale”: attenzione nella ricerca del nuovo personale e interesse alla crescita professionale dei propri dipendenti
  • Fattore “virtuale”: utilizzo di tecnologie collaborative che semplifichino il lavoro.
  • Fattore “aspirazionale”: attenzione alla trasparenza nei confronti dei dipendenti

Scopri l'Ebook gratuito  L'Employer Branding in 6 passi >>

Tutti questi fattori contribuiscono a fare di Airbnb un’azienda in cui trovare un ambiente di lavoro ottimale, in grado di attirare giovani di talento e di fidelizzare i dipendenti grazie a questa coerente strategia di employer branding.

L’azienda ha posto l’esperienza degli impiegati al centro della propria modalità di gestione delle risorse umane e per questo motivo è cambiato anche il ruolo svolto dai responsabili HR. Ora tra le loro mansioni rientrano anche la gestione immobiliare, quella del servizio mensa e dei temi legati alla responsabilità sociale. 

Il modello Workplace as an experience di Airbnb dimostra come una gestione delle risorse umane incentrata sui dipendenti permetta di creare un ambiente di lavoro attraente e capace di stimolare la produttività e il senso di appartenenza verso un’azienda.