loacker, che bontà (di azienda)!

13/11/2015 09:42:24

L'azienda altoatesina è la più attrattiva della Regione Nord-Est, come emerso dai Regional Randstad Award dello scorso giugno. I suoi punti di forza sono l'atmosfera di lavoro piacevole, sicurezza del posto di lavoro e solidità finanziaria. I segreti del suo successo? Li racconta Alexandra Leitner, responsabile per cultura e sviluppo dell'organizzazione e delle risorse umane in Loacker


Tra le montagne dell'Alto-Adige, da novant'anni, c'è un'azienda che ha legato il suo nome a prodotti di qualità. È Loacker, famosa per la produzione dei celebri biscotti wafer, che da giugno può vantarsi di un altro successo tutto in tema di Employer Branding: si è aggiudicata, infatti, il Regional Randstad Award come azienda più attrattiva nella regione Nord-Est, contraddistinguendosi in particolare per l'atmosfera di lavoro piacevole, la sicurezza del posto di lavoro e la solidità finanziaria. Knowledge 360 ne ha parlato con Alexandra Leitner.

Dottoressa Leitner, per molti versi Loacker è un'azienda unica: vanta un brand molto forte e riconosciuto, ma è una realtà a conduzione familiare (che però esporta i suoi prodotti in tutto il mondo). Qual è il vostro segreto?


«Credo che buona parte di questo successo dipenda dalla forza dei nostri valori. Siamo ancora un'azienda familiare, è vero: le nostre scelte, i nostri progetti, le nostre attività, però, sono orientati verso orizzonti lontani e mai al breve periodo. Abbiamo una forte responsabilità nei confronti delle prossime generazioni e ci impegniamo per garantire loro un futuro migliore. Il nostro lavoro quotidiano poggia su valori come la continua innovazione, la qualità dei nostri prodotti, la responsabilità ambientale, il rapporto di fiducia con partner e collaboratori, che sono gli ambasciatori della nostra azienda e diffondono la nostra cultura e il nostro brand all'esterno».

Scopri l'Ebook gratuito  L'Employer Branding in 6 passi >>

L'attaccamento all'azienda e lo spirito di gruppo sono alcuni dei pilastri sui quali si basa il successo di Loacker. Come siete riusciti a raggiungere questo risultato?


«Ognuno dei nostri collaboratori sa quanto il suo lavoro sia importante per la nostra azienda ed è a conoscenza che il suo contributo è fondamentale per raggiungere i risultati prefissati. Diamo a tutte le persone la massima fiducia, le responsabilizziamo in modo che si sentano parte integrante della  nostra realtà. All'interno di Loacker ci si sente un po' come a casa, siamo una grande famiglia: in mensa, ad esempio, ci si siede tutti insieme, senza distinzioni tra gerarchie e reparti».

Che cosa offre Loacker ai potenziali candidati? Quali sono le attività che state portando avanti in ottica di employer branding?


«Offriamo ai nostri collaboratori valide prospettive di crescita: abbiamo creato la “Loacker Academy”, un programma di formazione che offre corsi rivolti allo sviluppo della leadership, di comunicazione e sviluppo personale e professionale, mentre ai nuovi arrivati offriamo un programma di inserimento  ricco e completo. Dal prossimo anno, poi, sarà attivo un programma di traineeship finalizzato all'inserimento di giovani laureati che abbiano competenze tecniche ed economiche».

Il work-life balance, ovvero l'equilibrio vita-lavoro, è tenuto in considerazione dalla maggior parte dei potenziali lavoratori dell'azienda. Che cosa offre Loacker da questo punto di vista?


«La produttività è molto importante ed è possibile raggiungere buoni risultati anche con orari flessibili, soprattutto nel lavoro di ufficio. Cerchiamo sempre di rispettare il tempo libero delle persone lasciando loro spazio per la vita privata: i collaboratori d'ufficio possono gestire in maniera flessibile l'orario di lavoro, a patto che le ore centrali siano coperte (dalle 9 alle 16), con la possibilità di uscire alle 12 il venerdì. Prevediamo poi il part-time per le neo mamme e il congedo di paternità per gli uomini; incentiviamo attività extra-lavorative legate allo sport e, grazie alla nostra mensa, proponiamo un'alimentazione varia, equilibrata e sana».

Vuoi approfondire la tematica dell'employer branding? Leggi tutti i nostri contributi

categorie Employer Branding