personal branding: cosa dovresti fare per trasformarti nel candidato perfetto?

28/11/2017 11:08:33

Personal branding Stai programmando un salto di carriera? Potresti pensare di iniziare consultando gli annunci di lavoro online, esaminando attentamente i profili dei datori di lavoro e cercando nella tua rete di contatti, ma se ti dicessimo che le prime cose da fare non prevedono questi passaggi? Che ne diresti di iniziare invece... guardandoti allo specchio?

Ok, non è che tu debba proprio fermarti a contemplare il tuo aspetto fisico, bensì a considerare il tuo personal brand. Le aziende fanno di tutto per presentarsi in modo unico al fine di migliorare il proprio employer brand: è questo il modo in cui riescono ad attrarre i migliori talenti e i professionisti del settore. Allo stesso modo, anche le persone in cerca di occupazione potrebbero avere ottime probabilità di conquistare la posizione lavorativa ideale, se solo spendessero un po’ del loro tempo a rinnovare il proprio personal brand. 

Personal branding: da dove cominciare

Aggiornare il tuo CV e chiedere qualche referenza potrebbe non essere sufficiente (anche se non fa mai male), ma per colpire davvero nel segno dovresti iniziare a mantenere una presenza online costante e positiva. Se, grazie ad essa, per un tuo vecchio compagno di scuola può risultare facile scoprire di cosa ti occupi oggi, è possibile che lo sia anche per un potenziale futuro capo. 

Per presentarti al meglio, aggiorna con regolarità lo stato del tuo profili sui social media e condividi contenuti sulle maggiori piattaforme, prestando particolare attenzione a LinkedIn e Twitter per migliorare il tuo posizionamento. Cerca anche di condividere contenuti e post di altri professionisti, perché questo ti renderà più visibile, aumentando la stima che gli altri contatti della rete hanno di te. 

L’importanza di LinkedIn per il personal branding

LinkedIn è la più grande rete di professionisti al mondo con oltre 500 milioni di utenti iscritti (dati aggiornati ad aprile 2017), e questo lo rende un ottimo canale su cui rendere visibile il tuo brand. Sfruttalo al massimo chiedendo referenze alle persone con cui hai lavorato e link a lavori che hai pubblicato o a progetti cui hai collaborato, e mostra tutta la tua esperienza e le tue idee cercando di produrre o condividere regolarmente contenuti legati alla tua expertise in un settore specifico. 

Secondo Laura Shin, autrice dell’ebook pubblicato da Forbes dal titolo “The Millennial Game Plan: Career And Money Secrets To Succeed In Today's World” - rendere il tuo profilo LinkedIn il più ricercabile possibile e visivamente accattivante ti porterà davvero lontano. Aggiungi la foto profilo e quella di copertina e assicurati che le parole chiave del tuo settore siano inserite nell’headline, per aiutare i datori di lavoro che cercano competenze come le tue a trovarti facilmente. 

Sei un esperto nel tuo campo? Allora condividi spesso le tue opinioni in un tuo blog personale. Ci sono diverse piattaforme di self-publish che puoi utilizzare per aprire un blog: si tratta di un ottimo modo per mettere in evidenza le tue conoscenze, le abilità e l’esperienza maturata. Sul tuo blog, inoltre, puoi invitare altri utenti a postare il loro contributo su questioni lavorative: tutto questo non farà che mettere in luce la tua capacità di coinvolgere colleghi esperti e l’impegno che metti nel tuo lavoro - le due competenze chiave che i datori di lavoro cercano ogni giorno nei candidati. Per ottenere ancora più visualizzazioni, puoi collegare il blog al tuo profilo LinkedIn, creando un ecosistema unico e connesso. Per avere altri suggerimenti su come massimizzare la tua presenza su LinkedIn, leggi i cinque passaggi fondamentali per una carriera di successo illustrati da Laura Shin nel suo libro. 

Come fare una buona impressione con il curriculum

Dopo che avrai curato attentamente la tua presenza online, occupati del curriculum. Se, come la maggior parte delle persone, anche tu rimandi ormai da tempo l’aggiornamento del CV, allora è arrivato il momento di occuparsene in modo prioritario. Nell’era digitale contemporanea, il curriculum può sembrare qualcosa che non va più di moda, ma in realtà i responsabili delle assunzioni partono ancora dallo screening dei CV per cercare il candidato ideale. 

Mary Eileen Williams, autrice di “Land the Job You Love”, invita le persone in cerca di lavoro a sforzarsi di realizzare il CV nel migliore dei modi. Aldilà di quello che si possa pensare, il curriculum è infatti ancora l’elemento fondamentale che riassume tutta la tua vita lavorativa in un solo documento. 

“Assicurati – dice la Williams sull’Huffington Post - che tutto quello che c’è scritto al suo interno sia accattivante e piacevole da leggere”. Semplifica quindi il layout grafico con l’uso di elenchi puntati e rendilo stringato ed essenziale - lo stesso vale per la lettera di accompagnamento, i profili online e i biglietti da visita. I responsabili delle assunzioni, infatti, ci mettono pochi secondi ad esaminare un CV, per questo è importante mettere in evidenza gli elementi essenziali per catturare immediatamente la loro attenzione. 

Mentre sei impegnato nella ricerca del tuo nuovo lavoro per fare il salto di carriera che meriti, ricorda che il tuo personal brand dipende dall’insieme dei numerosi frammenti ed esperienze che compongono la tua carriera e il tuo profilo di professionista, quindi concediti l’opportunità unica di essere davvero ciò che i datori di lavoro stanno cercando.