con i voucher digitalizzazione ha inizio la digital transformation delle pmi italiane

06/11/2017 10:40:15

Dal Ministero dello Sviluppo Economico sono arrivate di recente importanti novità rivolte alle PMI italiane, per agevolarne la digitalizzazione. Con il decreto direttoriale del 24 ottobre 2017 sono infatti stati stanziati 100 milioni di euro destinati alle micro, piccole e medie imprese che decideranno nell’arco del prossimo anno di investire in tecnologia acquistando beni e servizi digitali.

Dal 30 gennaio e fino al 9 febbraio 2018 si potrà presentare la domanda al MiSE per ottenere il contributo, che sarà erogato sotto forma di voucher spendibili per l’acquisto di software informatici, dispositivi hardware e servizi specialistici, fondamentali per essere al passo con i tempi e digitalizzare i processi produttivi e informativi aziendali.

Nell’ottica dell’ammodernamento delle PMI, grazie ai voucher per la digital transformation si potranno fare investimenti anche nel settore dell’e-commerce, acquistare dispositivi per il telelavoro per favorire la flessibilità dei dipendenti, formare il personale ICT con corsi informatici specifici ed entrare nel futuro della connettività adottando la banda larga e ultralarga, come sta già avvenendo in tutta Europa.

Ogni impresa potrà in ogni caso beneficiare di un solo voucher, per un importo non superiore ai 10.000 euro.

Come fare domanda dei voucher per la digitalizzazione

Le domande per i voucher potranno pervenire al MiSE esclusivamente tramite procedura telematica dal 30 gennaio al 9 febbraio 2018. A partire dal 15 gennaio, però, si potrà già accedere al portale online per compilare la domanda, ed entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Ministero dello Sviluppo Economico farà sapere, su base regionale, la portata degli investimenti che spettano a ciascuna PMI.

Ai fini dell’assegnazione della somma richiesta non farà fede la data della presentazione della domanda e in caso di superamento dei 100 milioni di euro stanziati dallo Stato, le somme disponibili saranno equamente ripartite tra le aziende che ne hanno fatto richiesta.

Per accedere alla procedura di richiesta telematica si devono rispettare i seguenti requisiti:

  • possesso della Carta Nazionale dei Servizi
  • casella di posta elettronica certificata (PEC) già attiva e registrata all’interno del Registro delle imprese

Dopo aver ricevuto la comunicazione ufficiale dal MiSE, l’impresa dovrà presentare entro 30 giorni dalla data di ultimazione delle spese, l’effettiva richiesta di erogazione sempre attraverso la procedura online, allegando anche i titoli di spesa risultati ammissibili. All’interno della misura è prevista anche una riserva destinata alle PMI che hanno conseguito il rating di legalità presenti nell’elenco dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

categorie Norme e Diritti