chi è l'aiuto cuoco?

Un aiuto cuoco è un professionista che supporta il cuoco durante tutte le fasi della realizzazione dei piatti, sia salati che dolci. Compie svariate attività, sempre di supporto al cuoco o allo chef, come la cura della cucina (tra pulizia e mettere in ordine le stoviglie), il preparare e tagliare gli alimenti su richiesta del cuoco, ma anche preparare e pesare gli ingredienti, pulire e organizzare gli utensili da cucina, ordinare i ripiani e pulirli, organizzare gli alimenti nella cella frigorifera e nel magazzino.

L'aiuto cuoco, oltre alla sua formazione di base, può anche specializzarsi nella decorazione di determinati piatti o nella realizzazione di pizza oppure nei dolci. Può anche occuparsi della cura della vetreria e dell'argenteria, soprattutto nei ristoranti stellati in cui l'estetica è un fattore caratterizzante del locale.

cosa fa un aiuto cuoco?

Un aiuto cuoco fornisce il suo supporto e assistenza allo chef e lo sostituisce quando non è presente nella cucina. Principalmente si occupa di tagliare e preparare tutti gli ingredienti necessari ad un determinato piatto o dessert, sistema i piatti lavati ed asciugati in modo da facilitare l'impiattamento e in modo da rendere più veloce il passaggio delle pietanze dalla cucina alla sala. Inoltre, si occupa della cucina anche quando il locale è chiuso. È suo compito dedicarsi al controllo di magazzino e cella frigorifera. Al loro interno deve controllare le scorte e ordinare gli ingredienti mancanti o carenti e deve fare attenzione alle scadenze e alla pulizia, e alla modalità con cui sono conservati gli alimenti. I compiti di un aiuto cuoco possono cambiare sulla base del tipo di locale, ma in linea di massima fornisce ausilio al cuoco, seguendo anche il lavoro dei tirocinanti o degli altri suoi colleghi, guidandoli e assegnando i compiti necessari al naturale svolgimento della vita in cucina. L'organizzazione del lavoro per gli altri dipendenti è necessario soprattutto in tutti quei ristoranti o pizzerie in cui sono presenti numerosi elementi all'interno della zona cucina, in cui diventa difficile muoversi se non c'è un soggetto che coordina e organizza il lavoro degli altri. In questo modo si facilita il lavoro a tutti i componenti della cucina e si arriva senza grossi intoppi al raggiungimento degli obiettivi prefissati dal locale, facendo una buona pubblicità e mostrando ai clienti le proprie competenze.

Hai buoni doti organizzative, comunicative e ottime le abilità manuali necessarie per lavorare come aiuto cuoco? Se la risposta è sì, allora continua a leggere per scoprire quali sono le competenze e le qualifiche di cui hai bisogno per avere successo nel ruolo di aiuto cuoco.

offerte aiuto cuoco
1

quali ruoli ha l’aiuto cuoco?

I ruoli di un aiuto cuoco, all'interno di una cucina, sono molteplici e tutti indispensabili per il corretto funzionamento dei processi che caratterizzano un ristorante, una pizzeria o un qualsiasi locale. Ecco le sue mansioni principali:

  • gestire e organizzare la cucina
  • controllare la qualità degli ingredienti e la loro scadenza
  • gestire e organizzare il magazzino
  • gestire e organizzare la cella frigorifera
  • pulire e tagliare ingredienti basilari per qualsiasi ricetta: pesce, verdure, carne, pane, ecc.
  • assistere il cuoco durante la cottura e la preparazione degli alimenti
  • controllare lo stato degli utensili e della strumentazione presente in cucina. Quindi pulirla ed effettuare ordinaria manutenzione
  • impiattare e occuparsi della porzionatura delle pietanza
  • preparare salse, creme e fondi
  • gestire e supportare i colleghi presenti in cucina, dando compiti precisi.
2

aiuto cuoco stipendio

Lo stipendio medio in Italia per il 2022 che può percepire un aiuto cuoco è di circa € 21.200 lordi annui. Un aiuto cuoco alle prime armi, però, quindi le figure professionali che si trovano in posizioni entry level, arrivano a guadagnare circa € 12.800 all'anno, mentre chi ha più esperienza nel settore può ottenere un guadagno di oltre € 32.000.

Queste cifre possono cambiare sulla base di diversi fattori: qualifiche, esperienza lavorativa, tipo di contratto e luogo di lavoro. Infatti, un aiuto cuoco che possiede maggiori qualifiche e che ha frequentato più corsi di formazione, può raggiungere posizioni maggiormente retribuite, mentre, i professionisti che ottengono solo la qualifica di base e vantano una ridotta esperienza sul campo difficilmente riusciranno a guadagnare cifre più elevate. Anche il tipo di locale può fare la differenza. In un ristorante stellato, ad esempio, lo stipendio è più elevato rispetto a quello percepito da un aiuto cuoco che lavora in un bar a conduzione familiare. Inoltre, c'è anche differenza di salario per quanto riguarda un contratto di lavoro di tipo full-time da un part-time.

Stai cercando opportunità professionali nel campo della ristorazione? Dai un occhio a tutte le nostre offerte di lavoro aiuto cuoco candidati ora.

offerte aiuto cuoco
offerte aiuto cuoco
3

tipi di aiuto cuoco

Ci sono diverse tipologie di aiuto cuoco, tutte differenziate dal luogo e dal tipo di locale in cui svolgono le loro mansioni. Qui di seguito sono elencati i tipi maggiormente presenti in Italia:

  • aiuto cuoco in ristoranti, osterie e agriturismi: esistono molte tipologie di locali di questo genere, più sono importanti più la brigata di cucina è varia. Fra questi ci sono anche i ristoranti stellati
  • aiuto cuoco nelle pizzerie: in questo caso tuttavia si parla piuttosto di un assistente pizzaiolo
  • aiuto cuoco nelle strutture alberghiere: solitamente lavora nel ristorante dell’hotel
  • aiuto cuoco nei bar che offre servizio di tavola calda: in questi luoghi spesso la figura dello chef e dell'aiuto cuoco è una sola che si occupa di tutto
  • aiuto cuoco nelle mense: fra queste ci possono essere quelle ospedaliere, aziendali e scolastiche
  • aiuto cuoco su navi da crociera: fa parte del personale di bordo impiegato nella brigata di cucina.

Queste figure, per la maggior parte dei casi, si occupano delle stesse mansioni, ma in luoghi completamente diversi tra loro.

4

lavorare come aiuto cuoco

Per diventare aiuto cuoco, oltre ad avere delle capacità innate e delle particolari caratteristiche, bisogna seguire un determinato percorso professionale per imparare tutto ciò che c'è da sapere per essere un professionista del settore. Qui di seguito si possono trovare tutte le indicazioni necessarie per poter approfondire il tema.

5

istruzione e competenze

Per ottenere un lavoro come aiuto cuoco è necessario possedere delle qualifiche specifiche ed avere delle competenze particolari, anche diverse da quelle tecniche. Non è obbligatorio ottenere una qualifica professionale specifica del settore, anche se molto consigliato, ma è indispensabile acquisire l'abilità e l'esperienza utile a svolgere questo lavoro, svolgendo un periodo di tirocinio all'interno di una cucina professionale. Di conseguenza frequentare una scuola superiore ad indirizzo alberghiero o una scuola professionale che include un periodo di stage, si ha la possibilità di accedere più facilmente all'interno di una cucina. Sul territorio nazionale esistono svariati corsi per diventare aiuto cuoco, sia a pagamento che gratuiti, che permettono di ottenere la certificazione adeguata. Dopo essere entrati nel settore ci si può specializzare frequentando ulteriori corsi professionali per focalizzarsi su determinati ambiti. In questo modo, un aiuto cuoco, può avere maggiori possibilità di salire di livello nel settore della ristorazione.

Tra le competenze richieste, oltre a quelle di natura tecnica e manuale, servono anche delle conoscenze più teoriche su aspetti come:

  • i principi nutritivi degli alimenti, la loro composizione e i principi organolettici sia da crudi che dopo averli manipolati
  • i principi e le tecniche per igienizzare correttamente gli alimenti, sanificare gli ambienti e le tecniche di lavorazione specifiche per determinati ingredienti
  • la normativa che regola il trattamento degli alimenti della HACCP e le norme di corretto comportamento da adottare in cucina

capacità e competenze

Per poter essere un aiuto cuoco competente e professionale, è necessario possedere anche alcune qualità in parte innate, in parte coltivabili, che si rivelano fondamentali per svolgere questo lavoro:

  • ottima resistenza fisica e mentale: si tratta di una professione stressante sia dal punto di vista fisico, per le molte ore in piedi, sia mentale, principalmente per la pressione da servizio. Saper gestire queste difficoltà è basilare.
  • disponibilità a lavorare nei fine settimana, nei giorni festivi e di sera: un aiuto cuoco deve essere disposto a lavorare anche quando tutti sono in vacanza o di riposo, si tratta per lui dei momenti di maggior impegno.
  • deve essere disponibile a fermarsi anche dopo la chiusura del ristorante per pulire la cucina e riordinare gli spazi: purtroppo in questo ambiente non è sempre facile rispettare gli orari perché i clienti si attardano o perché c’è stato un notevole afflusso durante la giornata, un po’ di flessibilità è d’obbligo.
  • fantasia: si tratta di una figura professionale che deve essere creativa e versatile, pronta a cambiare posizione se necessario e fantasiosa nell’inventare nuovi impiattamenti e soluzioni da proporre allo chef.
  • buone doti comunicative: l’aiuto cuoco deve essere abile a cooperare con i colleghi, sia della cucina che della sala, per evitare incomprensioni e inutili perdite di tempo in un contesto già psicologicamente impegnativo.
  • precisione e manualità: la cura del dettaglio per l’aiuto cuoco non deve mai mancare, così come è necessaria una certa predisposizione al lavoro manuale e all'utilizzo della strumentazione richiesta.
6

FAQ sul lavoro come aiuto cuoco

Ecco le domande più frequenti riguardo il lavoro di aiuto cuoco:

grazie per esserti iscritto ai tuoi avvisi di lavoro personalizzati.