chi è il tecnico di cantiere?

Il tecnico di cantiere ha la possibilità di lavorare in diversi tipi di settori, per esempio, nella costruzione di edifici industriali o commerciali, abitazioni private, ferrovie. Oltre alla conoscenza delle norme di sicurezza, deve anche possedere buone doti di leadership.

Un tecnico di cantiere riveste un ruolo fondamentale all’interno di un cantiere, dal momento che rappresenta l’anello di collegamento fra i manager e il personale. Si assicura che tutti i lavori vengano svolti in modo efficiente rientrando nel budget e nei tempi previsti dal progetto. Distribuisce compiti e responsabilità ai capi squadra e ai singoli lavoratori. Inoltre, organizza orario e turni di lavoro per garantire la massima produttività e il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Fra le sue molteplici mansioni rientra anche la gestione delle materie prime e della collaborazione con ingegneri e fornitori.

cosa fa un tecnico di cantiere?

Questa figura professionale svolge numerosi compiti sia in ufficio che direttamente sul posto, in cantiere. Per quanto riguarda l’aspetto gestionale/organizzativo del suo impiego, gestisce tutti i lavori di preparazione, a partire da preventivi e offerte di appalto. Per fare ciò, collabora di persona con altri professionisti come, per esempio, ingegneri, fornitori, costruttori e grossisti.

In cantiere, invece, si occupa della supervisione delle attività allo scopo di garantire sempre il buon andamento delle operazioni e il rispetto delle norme di sicurezza. Effettua regolari ispezioni sul posto per individuare eventuali rischi e, in seguito, adotta misure di sicurezza volte ad eliminare ogni possibile rischio per i lavoratori. Oltre alla sicurezza dei dipendenti, si assicura anche che il progetto venga completato secondo il piano iniziale, senza violare normative e regolamenti. In qualità di supervisore, si confronta in modo regolare con le squadre di costruzione per aggiornarli sull’avanzamento dei lavori ed informarli di eventuali cambiamenti. Inoltre, prepara dettagliati rapporti da condividere con i manager e fornisce aggiornamenti e consigli a chi ha commissionato il lavoro.

Hai le competenze tecniche, le capacità organizzative e la passione per il mondo edile necessarie per lavorare come tecnico di cantiere? Se la risposta è sì, allora continua a leggere per scoprire quali sono le competenze e le qualifiche di cui hai bisogno per avere successo nel ruolo di tecnico di cantiere.

offerte tecnico di cantiere
1

quali ruoli ha il tecnico di cantiere?

Il tecnico di cantiere è il professionista che supervisiona tutte le operazioni in corso all’interno del cantiere, assicurandosi del rispetto delle norme di sicurezza e dei regolamenti relativi alle costruzioni edilizie. Fa da tramite tra i costruttori e la dirigenza dei lavori e ha la responsabilità della gestione di macchinari e materiali. Inoltre si occupa di tutta la documentazione necessaria, a partire dalle autorizzazioni per l’apertura del cantiere fino ai rapporti conclusivi.

2

tecnico di cantiere: stipendio

Lo stipendio medio in Italia per il 2022 che può percepire un tecnico di cantiere è di circa € 27.000 lordi se ha appena dato inizio alla propria carriera e dispone, quindi, di una limitata esperienza. Con l’aumentare dell’esperienza, questi professionisti arrivano a guadagnare intorno a € 30.000 annui; i tecnici di cantiere più esperti, con anni di esperienza alle spalle, possono ottenere un salario base intorno a € 40.000. In aggiunta a questo stipendio base, la maggioranza dei datori di lavoro offrono polizze assicurative per gli infortuni sul lavoro, oltre alle assicurazioni sanitarie. È anche possibile incrementare il proprio pacchetto retributivo attraverso gli straordinari ed eventuali bonus legati al raggiungimento di determinati obiettivi e risultati.

Il livello salariale di un tecnico di cantiere è strettamente legato al suo bagaglio di esperienza e alle sue qualifiche. Tecnici alle prime armi che ricoprono posizioni entry-level guadagnano meno rispetto a professionisti navigati che hanno anni di esperienza. Per ottenere uno stipendio più elevato, è possibile migliorare le proprie competenze tecniche e approfondire le proprie conoscenze attraverso corsi specifici. Inoltre, un tecnico che ha sempre ottenuto valutazioni positive grazie al suo costante rendimento ha l’opportunità di richiedere un pacchetto retributivo più interessante.

Naturalmente, l’area geografica nella quale il tecnico di cantiere svolge il proprio lavoro gioca un ruolo importante. Trovare impiego in una grande città comporta, infatti, uno stipendio migliore a causa della maggiore domanda e del costo più alto della vita.

Stai cercando lavoro nel settore delle costruzioni? Dai un occhio a tutte le nostre offerte di lavoro come tecnico di cantiere e candidati ora.

offerte tecnico di cantiere
offerte tecnico di cantiere
3

tipi di tecnico di cantiere

 

Possiamo distinguere i vari tipi di tecnici di cantiere in base alla natura del progetto di costruzione sul quale lavorano. Fra questi, è possibile individuare in particolare:

  • tecnico di cantiere industriale o commerciale: si occupa della gestione di tutte le attività all’interno di un cantiere volto alla costruzione di un edificio aziendale. Si assicura che il progetto rispetti legislazioni e norme di sicurezza. Coordina le operazioni dall’inizio fino al termine dei lavori. Gestisce anche i materiali presenti sul posto per ridurre al minimo gli sprechi.
  • tecnico di cantiere residenziale: in questo caso, il cantiere edile in questione si riferisce ad un’area residenziale. Compiti e mansioni riguardano comunque la supervisione delle attività e la gestione generale di materie prime, attrezzature e macchinari.
  • tecnico di cantiere civile: questo tecnico di cantiere lavora a progetti di costruzione civile come, ad esempio, strade, ferrovie e ponti. Si assicura che le squadre di costruttori abbiano sempre a propria disposizione i materiali e attrezzi necessari per portare a termine il lavoro. Inoltre, tiene costantemente aggiornati i manager riguardo lo stato del progetto.
4

lavorare come tecnico di cantiere

Spetta al tecnico di cantiere colmare il divario che è presente fra la direzione dei lavori e le squadre di costruttori. Si tratta di un ruolo di leadership, in quanto supervisiona le operazioni, distribuendo compiti e mansioni. Tuttavia, è anche necessario possedere una buona esperienza nel lavoro sul campo per riuscire a comprendere esigenze e necessità dei propri colleghi. Ecco quali sono le responsabilità più comuni e i principali compiti che ci si deve aspettare se si decide di diventare un tecnico di cantiere.

5

istruzione e competenze

Per avere la possibilità di svolgere il lavoro di tecnico di cantiere è necessario possedere un diploma di scuola superiore che abbia un percorso didattico incentrato sulle costruzioni, ad esempio quello di geometra. Questo tipo di scuola permette infatti di acquisire le conoscenze necessarie alla professione tramite lo studio di diverse materie, tra cui: tecniche costruttive, tipologie e caratteristiche dei materiali, matematica, informatica, disegno tecnico e progettazione, normative sull’edilizia e in tema di sicurezza. Un titolo di laurea non è strettamente necessario, tuttavia è consigliabile conseguire una laurea legata al settore dell’ingegneria e dell’edilizia. In particolare, ingegneria dei sistemi edilizi, ingegneria civile e ambientale oppure scienze e tecniche dell’edilizia rappresentano alcuni dei titoli più utili e richiesti. La maggioranza delle imprese edili danno grande importanza al bagaglio di esperienza di cui dispone un tecnico. Altre aziende, invece, assumono personale non qualificato e gestiscono internamente la sua formazione. Inoltre, anche una volta terminati gli studi, è possibile seguire corsi di aggiornamento e specializzazione, al giorno d’oggi indispensabili per restare sempre aggiornati sugli ultimi sviluppi del settore.

capacità e competenze

Per essere in grado di svolgere questo genere di professione sono necessarie solide conoscenze tecniche e capacità aggiuntive. Tra di esse possiamo trovare:

  • capacità di leadership: un tecnico di cantiere si occupa della supervisione diretta delle squadre di costruttori. È pertanto fondamentale possedere ottime capacità di leadership che consentano di distribuire compiti e mansioni in modo efficiente, assicurandosi che ogni costruttore lavori al meglio. Questa figura professionale deve possedere una buona attitudine a dirigere il personale per poter portare a termine i progetti rientrando nel budget e nei tempi prestabiliti.
  • massima attenzione ai dettagli: dovendo gestire tutta la documentazione relativa ad un progetto, a partire dai piani iniziali fino ai rapporti finali, un tecnico di cantiere ha bisogno di prestare grande attenzione ai minimi dettagli. In questo modo, sarà in grado di evitare errori ed intoppi quando redige rapporti oppure organizza i turni di lavoro.
  • competenze tecniche: per garantire il rispetto delle norme di sicurezza e delle regolamentazioni relative ai progetti edili, questa figura professionale deve possedere solide competenze di natura tecnica.
  • capacità di analisi e sintesi: un tecnico di cantiere riesce ad individuare rischi per la sicurezza o eventuali errori nei progetti e a comunicarli in modo chiaro ed efficiente alla direzione dei lavori.
  • predisposizione al lavoro in team: questo tipo di impiego prevede l'interazione continua con i propri colleghi. È fondamentale riuscire a dirigere il personale e a prendere decisioni comunicandole ai colleghi.
  • capacità di utilizzare determinati software, come fogli elettronici e CAD (Computer-Aided Design): quando controlla i progetti e i piani iniziali di costruzione, il tecnico di cantiere deve saper lavorare con gli appositi programmi. Inoltre, la conoscenza di programmi come Excel torna utile quando è necessario redigere rapporti e tenere traccia di materiali e budget.
6

FAQ sul lavoro come tecnico di cantiere

Ecco le domande più frequenti riguardo il lavoro di tecnico di cantiere:

grazie per esserti iscritto ai tuoi avvisi di lavoro personalizzati.