lettera di referenze: come scriverla in modo efficace

02/09/2016 10:01:06

Come scrivere una lettera di referenze: consigli ed esempi

Nonostante in Italia stenti ancora a prender piede, la lettera di referenze è uno strumento davvero efficace per rafforzare la candidatura ad una posizione e valorizzare il profilo di colui che aspira a ricoprire un certo ruolo.
Essendo un’attestazione redatta dal precedente datore di lavoro del candidato, il suo contenuto si propone di confermare e avvalorare la descrizione che egli già offre di sé nel curriculum vitae e nella lettera di presentazione.
È per questo che, soprattutto all’estero, non è raro leggere annunci di lavoro in cui si fa esplicita richiesta di una lettera di referenze - un documento, questo, che è a tutti gli effetti una testimonianza concreta da parte di chi più di chiunque altro può dare un giudizio vero sul candidato, perché basato sul contatto diretto e sull’esperienza professionale vissuta quotidianamente sul posto di lavoro.

Nel caso di conclusione pacifica di un rapporto di lavoro, dunque, è possibile ricevere da parte di un ex collaboratore la richiesta di stesura di una lettera di referenze che dia informazioni precise sulle sue abilità e competenze, sulla qualità del lavoro svolto e sulla sua condotta in azienda. Se, in qualità di Responsabile delle Risorse Umane, dovesse capitarti di ricevere un richiesta simile da parte di un ex dipendente della tua azienda e non sapresti da dove cominciare, ecco qualche consiglio per scriverla nella maniera più convincente ed efficace.
Innanzitutto, valuta attentamente il profilo della persona da cui proviene la domanda: se ritieni di non conoscerla approfonditamente o, al contrario, la conosci abbastanza da esser certo di non volerla consigliare ad alcuno, allora rispondi cortesemente dicendo di non essere disponibile ad accontentare la sua richiesta.

Tieni presente, infatti, che scrivere una lettera di referenze ha anche a vedere con la reputazione della tua azienda, che rischia di essere minata in caso di una raccomandazione poco accorta. Una lettera di referenze efficace non può essere vaga e generica, al contrario, deve essere approfondita e specifica, o fallirà completamente nel suo intento: quello di fornire un quadro il più possibile preciso ed accurato del candidato.
A questo scopo, cerca di ottenere da lui il maggior numero di informazioni possibili per redigere un documento che colpisca nel segno: il motivo per il quale egli ha bisogno di una lettera di referenze (una domanda di lavoro o d’iscrizione ad un corso di laurea, dottorato o master all’estero) e, se possibile, chiedi di leggere l’annuncio in risposta al quale egli intende inviarla.

Ora passa alla stesura della lettera su carta intestata, avendo cura d’inserire nel primo paragrafo il nome del collaboratore e la funzione da lui svolta in azienda, il nome dell’impresa e le date d’inizio e fine del rapporto di lavoro.
Non dimenticare d’inserire anche la tua, di qualifica, e di specificare sinteticamente che tipo di relazione è intercorsa tra di voi e in quali occasioni avete avuto modo di collaborare.

L’incipit deve essere diretto, del tipo: “Sono lieto di raccomandare XXX per il posto di XXX…”.
Nel secondo paragrafo passa alla descrizione delle qualità del collaboratore, le sue principali mansioni e responsabilità e i traguardi raggiunti in termini di acquisizione di nuove competenze. Cita, inoltre, i progetti da lui portati a termine con successo, descrivendo esempi concreti e facendo esplicito riferimento al suo personale contributo agli stessi.
In questa descrizione - che è la parte principale della lettera di referenze - sii pacato e obiettivo: non lasciarti andare ad affermazioni iperboliche che potrebbero far insospettire il destinatario o creare in lui aspettative infondate.
Sii specifico, ma non troppo breve, e dai la giusta enfasi agli aspetti del tuo collaboratore che desideri mettere in luce: è bene che la lettera sia lunga almeno una pagina, o il destinatario crederà tu abbia poco da dire su di lui.
Articola i tuoi enunciati in forma diretta per dare al discorso un tono il più possibile chiaro ed efficace.
Concludi la lettera in modo affermativo, con una frase esplicita del tipo: “XXX ha le qualità e le capacità per dare un contributo reale all’azienda XXX ed aiutarla a raggiungere i suoi obiettivi”.

In ultimo, invita il destinatario a contattarti personalmente per qualunque approfondimento sul candidato e, a tal fine, indica i tuoi recapiti telefonici e di posta elettronica. Ecco come scrivere rapidamente una lettera di referenze efficace per un ex collaboratore che, per il valore apportato alla tua azienda, merita un tuo giudizio positivo per continuare con successo il suo percorso professionale.