la gestione dei lavoratori flessibili avviene nel miglior modo possibile?

scarica la guida gratuita

 

Poter contare su un personale affidabile e coinvolto nei successi dell’azienda è uno degli asset più preziosi su cui fare affidamento. Questo principio, valido più o meno universalmente, assume ancora più importanza in settori particolari come la produzione e la logistica, lì dove il successo è spesso legato alla capacità di rispondere con puntualità alla stagionalità del mercato e alle fluttuazioni delle domande dei clienti.
Molti datori di lavoro hanno infatti trovato una risposta alle criticità del mercato sfruttando la forza lavoro flessibile. Secondo un recente studio condotto dall’Economist Intelligence Unit e sponsorizzato da Northhighland Worldwide Consulting, quasi il 60% delle aziende impiega un 20% del totale della sua forza lavoro con personale flessibile.


 

i vantaggi della forza lavoro flessibile.

Secondo quanto emerso dal report, i principali vantaggi del ricorso ai lavoratori flessibili sono stati:

  • una maggiore agilità,
  • il risparmio dei costi,
  • una migliore capacità nel soddisfare le esigenze specifiche di un progetto,
  • la risposta puntuale alle esigenze aziendali legate al periodo stagionale;
  • l’accesso a competenze mancanti o insufficienti nel personale dipendente.

La ricerca quindi mette in luce quanto può essere utile, in termini di costi e di efficienza, una forza lavoro flessibile, che intervenga solo nel momento del bisogno. Considerando questi dati e i possibili vantaggi, conviene chiedersi quali siano i vantaggi che la propria azienda può ottenere da un simile approccio. Ecco, allora, una serie di domande che possono guidare la scelta dei vertici aziendali. 

1. il metodo con cui ricorri alla forza lavoro flessibile è in linea con le tue esigenze?

Se vuoi ottenere dei buoni risultati dalla forza lavoro flessibile non si può utilizzare sempre lo stesso approccio. Sarebbe meglio piuttosto escogitare una soluzione cucita su misura per le caratteristiche uniche della tua azienda, se non sulle esigenze di uno specifico progetto. 

Non sempre le strategie che hanno funzionato in passato per cui si è impiegato del personale flessibile continuano ad essere adatte nel presente. Per altro se l'azienda sta attraversando una fase di rapida crescita (o si sta espandendo in una nuova area geografica) è conveniente trovare una soluzione in grado di soddisfare le nuove esigenze di manodopera in modo da tenere sotto controllo i costi.

2. stai lavorando con più fornitori del necessario?

Un modo efficace per ridurre le spese inutili e ottenere la massima efficienza è assicurarsi di non lavorare con più fornitori del necessario. I fornitori devono essere monitorati, ma questo richiede tempo, senza contare le ovvie considerazioni finanziarie che implica il collaborare con un numero cospicuo di loro.
Ridurre la rete in modo da avere un limitato gruppo di partner affidabili può liberare tempo e risorse, oltre che semplificare il processo di ricerca delle persone di cui si ha bisogno.

3. il livello di lavoro straordinario è troppo alto?

I costi del lavoro straordinario dovrebbero essere sempre tenuti sotto controllo. Se diventano eccessivi, infatti, rappresentano un segnale di inefficienza nella gestione della forza lavoro e un simile problema, quando non affrontato tempestivamente, può determinare gravi conseguenze finanziarie per un'impresa.

Si tratta di una criticità che può essere gestita attraverso l'impiego di lavoratori flessibili. Collaborare con un partner in grado di fornire i lavoratori necessari al momento giusto permetterà di rispondere alle esigenze di personale solo nel momento del bisogno. Così da abbattere parte dei costi fissi e ridurre ogni spesa eccessiva.

4. quante persone sono coinvolte nell'assunzione di personale flessibile?

Spesso nelle aziende di grandi dimensioni - con un'organizzazione complessa che si sviluppa su più reparti, ognuno con esigenze mutevoli in termini di risorse umane - può capitare che siano diverse le persone coinvolte nel processo di individuazione, assunzione e inserimento del personale flessibile.

Questo, però, può generare complessità, rigidità e interessi contrastanti tra le persone coinvolte. Vale la pena assicurarsi che all’interno del personale chiamato ad assumere lavoratori flessibili i ruoli siano sempre chiari e non ci siano sovrapposizioni di responsabilità.

5. riuscirai ad attirare il talento di cui hai bisogno?

Una delle criticità più importanti che le aziende stanno affrontando in questo periodo riguarda la carenza di profili in linea con le proprie esigenze di business. L'emergenza non è specifica di singole nazioni o territori, ma riguarda più in generale le organizzazioni di tutto il mondo.

Per intervenire in maniera efficace, ancor prima di avviare il processo di recruiting, sarebbe necessario fare un’attenta analisi interna della propria azienda. Sviluppare una strategia che ti permetta di identificare quali siano le principali competenze mancanti all’interno della tua forza lavoro, renderà più facile reperire sul mercato ciò di cui hai davvero bisogno. Una volta scovate queste lacune, infatti, potrai sviluppare un’efficace politica di employer branding per migliorare il tuo appeal e attrarre i migliori talenti.

6. conosci i rischi?

Impiegare lavoratori flessibili contribuisce a ridurre i costi e migliorare l'efficienza in molte situazioni, ma a volte può rappresentare un rischio. Non si tratta, infatti, solo di un semplice impegno finanziario ma implica anche il rispetto di una serie di obblighi legali e normativi stringenti, la cui mancata adesione può avere ripercussioni sia sul piano economico sia sul fronte reputazionale. Essere affiancati da un partner che gestisce la forza lavoro come Randstad Inhouse Services può aiutare la tua azienda a mitigare questi rischi esaltando i benefici.

la gestione dei tuoi lavoratori flessibili avviene nel modo migliore possibile?

scarica la guida gratuita
autore
isabella_demarchi
isabella_demarchi

Isabella Demarchi

inhouse operations director - randstad inhouse services