settore finance: le 5 soft skills per lavorare in ambito finanziario.

24/05/2021 18:00:00

Le soft skills svolgono un ruolo primario nel settore finanziario. Chi si occupa di finanza in azienda deve acquisire non solo competenze tecniche specialistiche, ma anche esperienza in  ambito comportamentale, organizzativo e relazionale. Si tratta di accedere a una dimensione manageriale in cui abilità di diversa natura si integrano in una prospettiva più ampia del proprio ruolo.

Le figure finance devono essere in grado non solo di portare avanti con competenza il proprio lavoro, ma anche di gestire momenti di tensione, elaborare le proprie emozioni, confrontarsi in modo positivo con la direzione e i responsabili di diverse funzioni aziendali, i membri del proprio team e gli stakeholders esterni.

Dalla ricerca Randstad “finance future”, condotta in Italia su  un campione di 65 CFO   appartenenti ad aziende di medie e grandi dimensioni di tutti i settori, emerge che le soft skills rivestono un peso e un’importanza pari al 55%, contro il 45% delle hard skills. Vediamo dunque quali sono le 5 soft skills sulle quali puntare per lavorare in ambito finanziario.

1. Public speaking

Il settore finanziario richiede una buona sicurezza in sé stessi e la capacità di esprimersi pubblicamente in modo chiaro e convincente. Acquisire l’abilità di parlare in pubblico migliora la comunicazione con il proprio team e incentiva lo sviluppo della leadership. Per gestire al meglio le occasioni di public speaking, bisogna imparare inoltre, a controllare anche il linguaggio non verbale, puntando su motivazione ed emozione.

Trasmettere un concetto in modo asettico non è sufficiente e non è efficace: bisogna essere in grado di conquistare il pubblico. Per farlo, non si deve improvvisare, ma arrivare preparati in modo da sentirsi sicuri e procedere senza intoppi. Infine, è utile conoscere il proprio pubblico e, per rompere il ghiaccio, raccontare qualcosa di sé, in modo da stabilire un clima meno formale e “ingessato”.

2. Empatia e ascolto attivo

Esistono diversi modi di entrare in relazione con le persone: l’empatia permette di stabilire un dialogo aperto e sereno. Per praticarla, è necessario partire dall’ascolto attivo, che consiste nel predisporsi in una condizione di apertura mentale rispetto a ciò che l’interlocutore dirà.

In questo modo, sarà possibile cogliere anche gli elementi non immediatamente espliciti, come lo stato d’animo o il linguaggio non verbale dell’altra persona, per poi comportarsi di conseguenza. L’empatia e l’intelligenza emotiva permettono di accogliere le esigenze, i bisogni e i punti di vista di chi ci si trova davanti, rendendo il dialogo fluido e più fruttuoso.

3. Comunicazione persuasiva

Come abbiamo visto, nel settore finance la capacità comunicativa è fondamentale. E lo è in modo particolare quando si tratta di convincere un interlocutore rispetto a un argomento di propria competenza. La comunicazione persuasiva permette di orientare le persone con cui stiamo interagendo nella direzione desiderata.

Come metterla in pratica? Ad esempio, ponendo domande che lo coinvolgano e lo guidino verso il nostro punto di vista. È utile anche lavorare sul tono di voce, che deve essere sicuro e calmo. Bisogna sempre rivolgersi in modo diretto ai diversi interlocutori e cercare di trasmettere un significato chiaro e univoco.

4. Risoluzione di dubbi e conflitti

Un manager del settore finance deve saper affrontare momenti problematici ed eventuali tensioni. In caso di dubbi, ha il compito di fornire ogni risposta necessaria in modo chiaro ed esaustivo. In presenza di tensioni deve invece riuscire a gestire emozioni complesse, come la rabbia.

Infine, in caso di difficoltà, un buon manager deve riuscire a mantenere la situazione sotto controllo, spiegando che esaminerà con cura la questione. Suo compito è non accusare mai l’altro, ma restare focalizzato sul problema, mantenendo la calma e ricordando che esiste sempre un modo per superare i conflitti. Una consapevolezza che va trasmessa anche al team.

5. Capacità organizzative

Questa abilità consiste nell’imparare a valutare le diverse circostanze, attribuendo a ciascuna di esse un valore, un ruolo e un ordine. Vale per i compiti da svolgere così come per le molteplici relazioni che un manager deve gestire. Chi si occupa di finanza deve avere una visione estremamente lucida dell’organizzazione aziendale, dei diversi settori e delle attività che ciascuno di questi svolge.

Allo stesso tempo, deve impartire al proprio team le giuste direttive, nei giusti tempi. Ciò permette, infatti, di aumentare la produttività ed evitare di trovarsi con un compito da risolvere all’ultimo momento, senza il tempo necessario a disposizione per farlo.

il corso executive UP-skilling finance.

Dalla partnership tra Randstad HR Solutions e CUOA Business School nasce un percorso formativo dedicato ai profili executive  in ambito finance e controllo. Il corso, in formula part-time blended, mira ad aggiornare ed integrare conoscenze tecnico-specialistiche e soft skills, con un forte supporto a livello di orientamento personale e professionale.  

dai uno slancio alla tua carriera e sviluppa le competenze necessarie a svolgere il ruolo di manager in ambito finanziario.

scopri il corso.