accordi di riservatezza

27/03/2017 09:31:19

Quando due aziende iniziano una collaborazione di tipo commerciale è altamente probabile che nasca immediatamente la necessità di preservare le informazioni confidenziali che saranno scambiate tra i partner. L’accordo di riservatezza, conosciuto anche con l’abbreviazione “NDA – Non Disclosure Agreement”, è quello strumento contrattuale che serve proprio per tutelare le informazioni aziendali in occasione di negoziazioni di accordi di partnership, fornitura di servizi, subappalti, avvio di una rete di impresa ed in qualunque altro caso in cui due o più imprese debbano scambiarsi informazioni relative alla propria azienda che si preferisce mantenere riservate. 

A seconda della situazione specifica verrà quindi redatto un accordo di riservatezza costruito sulle reali esigenze di entrambe le parti. La violazione delle obbligazioni assunte tramite l’accordo di riservatezza (ad es. diffusione di informazioni commerciali sensibili o segreti industriali) darà diritto alla parte non inadempiente di ottenere il risarcimento dei danni subiti in conseguenza della divulgazione. 

Cosa prevede un accordo di riservatezza: caratteristiche

In primis è opportuno indicare chiaramente qual è lo scopo di tale accordo ed elencare in maniera dettagliata quali dati commerciali o aziendali non dovranno per nessuna ragione essere resi pubblici. Vanno inoltre descritte le modalità tramite cui verranno trasferite le informazioni, e specificato se il NDA è “unilaterale” o “mutual”.

• L’accordo unilaterale si ha quando un’azienda (la parte divulgante) chiede ad un’altra (la ricevente) di non trasferire specifiche informazioni riservate;
• L’accordo mutual è previsto invece nel caso in cui entrambe le parti s’impegnano reciprocamente a non diffondere dati confidenziali.

La durata dell’accordo sarà stabilita secondo le necessità delle parti.  

È peraltro consigliabile mettere nero su bianco modalità, limiti e responsabilità per eventuali divulgazioni a terzi delle informazioni ricevute, oltre a specificare con quali dipendenti sarà ad esempio possibile trattare delle informazioni ricevute in via confidenziale.
Nell’NDA possono essere previste anche apposite clausole sul diritto di proprietà di brevetti, progetti o codici sorgente nei termini di obblighi di non concorrenza.

In conclusione, la sottoscrizione di un accordo di riservatezza potrà consentire ad entrambe le parti di comunicare e portare avanti delle trattative commerciali in modo ottimale, senza avere riserve e raggiungere al meglio gli obiettivi di business condivisi. Tutelare le informazioni riservate di un’azienda attraverso un NDA permette infatti di proteggere ogni dato commerciale riservato ed allontana il rischio di subire danni alla immagine aziendale o di natura economica.    

categorie Norme e Diritti