business intelligence: cos'è e come aiuta le aziende.

11/04/2019 17:38:45

La tecnologia è un vero e proprio asso nella manica per le aziende di oggi che, grazie alla business intelligence, sono in grado di sviluppare tanti nuovi strumenti e tecniche produttive al fine di raggiungere gli obiettivi in maniera più efficace. Ma cos’è la business intelligence e come si applica all’interno del contesto azienda? Entriamo nel vivo nella discussione per capire come funziona questa strategia, applicata in special modo ai Big Data.

Ogni organizzazione moderna ha, infatti, in mano ogni giorno tantissimi dati grezzi, di tipo personale e commerciale, che provengono sia dall’interno della società stessa che da clienti esterni. In questo senso, un’efficace gestione della business intelligence può rivelarsi davvero cruciale per prendere decisioni in modo accurato e con tempi brevissimi.

Business intelligence: cos'è e come aiuta le aziende

Cos’è e come funziona la business intelligence

La locuzione inglese “business intelligence” è stata utilizzata per la prima volta nel 1958 dal ricercatore tedesco Hans Peter Luhn. Sintetizzando, possiamo dire che la business intelligence è un insieme di tecniche e strumenti software che aiuta le aziende a ottenere una grandissima quantità di dati accessibili e consente di sfruttarli a proprio vantaggio per prendere decisioni strategiche in tempi più veloci. Grazie a una strategia di BI, un’azienda può anche raccogliere tutte le informazioni presenti nei tradizionali database interni. Molte piattaforme di Business Intelligence sono in grado di integrare diversi tipi di dati, ciò significa che Tutti i dati grezzi e non strutturati possono essere convertiti in informazioni chiare e fruibili, da utilizzare per essere ancora più competitivi sul mercato di riferimento. Attraverso la business intelligence, un’organizzazione è in grado di:

  • Raccogliere velocemente tutti i dati per misurare il rendimento di una singola attività;
  • Classificare tutte le informazioni in determinati modelli;
  • Analizzare in modo chiaro i risultati ottenuti e fare proiezioni sul futuro in termini di trend e richieste dei consumatori.

Una strategia di questo tipo consente alle aziende, di ogni ordine e grandezza, di diversificare la propria produttività interna, gestire al meglio il magazzino e avere dei chiari obiettivi di vendita grazie alla piena conoscenza delle abitudini e delle preferenze dei clienti. In questo modo il target di riferimento sarà sempre pienamente soddisfatto e si favorisce il bilanciamento del rapporto tra domanda e offerta di un bene o di un servizio.

Business intelligence e l’applicazione in azienda

La business intelligence trova applicazione all’interno di un’azienda con l’utilizzo da parte di esperti di software di accesso, di analisi e di visualizzazione dei dati il processo ha inizio quindi con la raccolta dei dati, a cui segue la fase di analisi ed elaborazione delle informazioni e al termine di tutto assistiamo alla verifica dei risultati. Tutte le informazioni possono essere catalogate in modelli ordinati da programmi informatici specifici, ma ci sono delle figure professionali – come il business intelligence analyst – in grado di analizzare i dati e tradurli in informazioni utili.

Business intelligence e i vantaggi

Il grande vantaggio della business intelligence è sicuramente quello di fornire delle risposte più rapide alle query aziendali, di conseguenza di essere in grado di bloccare le inefficienze dell’azienda ed evitare sprechi di ogni tipo. Al tempo stesso, emergeranno i punti forti dell’organizzazione sui quali investire nel tempo, sempre tenendo conto delle preferenze dei propri clienti. Implementare la BI vuol dire infatti ottimizzare i costi, ridurre le perdite, migliorare l’efficientamento dei processi, fare scelte strategiche più consapevoli e aumentare di conseguenza le vendite.

categorie News Aziende , digital HR