come scrivere una brillante cover letter: i consigli degli esperti

13/07/2016 17:43:52

Quante volte ti sei chiesto qual è l’obiettivo di una lettera di presentazione? La cosiddetta “cover letter” non è una semplice lettera di accompagnamento al curriculum vitae: costituisce il corpo dell’e-mail con cui s’invia il CV all’azienda cui si è interessati, è vero, ma è molto più di una mera formalità da assolvere mettendo insieme qualche riga di testo. L’obiettivo di una cover letter è uno solo, ma decisivo: farsi notare, spiccare tra le centinaia di candidature ad un annuncio dando l’impressione in chi la riceve di essere non solo molto interessati ad esso, ma anche di essere la persona ideale per quella posizione. Lo scopo di una lettera di presentazione è, in definitiva, indurre il selezionatore che la legge ad aprire il curriculum che trova in allegato.  

Ma cosa scrivere in una cover letter - e, soprattutto, come farlo nella maniera più efficace - per aumentare le probabilità di non passare inosservati? Ecco alcuni preziosi consigli di esperti recruiter, che ti torneranno molto utili per redigere una lettera di presentazione eccellente.

Presta attenzione ai dettagli - Personalizza la cover letter

Una cover letter non può essere generica, pena la perdita del suo valore attraente e persuasivo. Va da sé, dunque, che dovrai personalizzarla per ogni azienda cui ti rivolgerai - e questo solo dopo averne studiato mission e vision e letto attentamente l’annuncio per il quale hai deciso di candidarti. Solo avendo ben chiare le competenze e i requisiti che l’azienda sta cercando nei candidati, potrai affermare esplicitamente che le tue, di competenze, sono in linea con la posizione aperta. Oppure, nel caso in cui tu non abbia tutte le skill richieste, potrai mettere in evidenza quelle che all’azienda potrebbero tornare più utili per quel ruolo: in questo modo mostrerai di aver davvero riflettuto su quale possa essere il tuo contributo alla crescita aziendale e darai l’impressione di essere realmente motivato ad entrare a far parte dell’azienda - perché ne condividi in pieno i valori. 

Scrivi un dialogo, non un monologo - Racconta una storia 

Livello d’istruzione, qualifiche ed esperienze lavorative pregresse sono ottimi indicatori della tua professionalità, ma è assai probabile che siano molto simili a quelli degli altri candidati. Più che un noioso elenco delle tue competenze - che, tra l’altro, avrai sicuramente già inserito nel CV - dalla cover letter dovrebbe invece trasparire la tua personalità. È questa che attira l’attenzione di selezionatori e aziende: non una fredda, generica e formale descrizione di sé redatta da un robot, bensì la persona, l’essere umano che si trova dietro il testo. 

E la lettera di presentazione è perfetta per questo scopo: al suo interno hai la possibilità di raccontare la tua storia e il percorso che ti ha condotto a selezionare proprio quell’azienda come il luogo ideale in cui far valere le tue capacità e raggiungere i tuoi obiettivi. Puoi usare la cover letter per mostrare la tua motivazione e far capire quanto sarebbe piacevole e stimolante lavorare con te: solo così, attraverso il racconto, riuscirai a coinvolgere il recruiter e stabilire con lui una connessione emotiva. Sarà questa a fare la differenza nella valutazione del tuo profilo e convincere l’azienda che vale la pena convocarti per un colloquio.

Esplicita il valore aggiunto che porteresti in azienda

Questo consiglio non è altro che il contenuto della tua cover letter-dialogo-racconto: non focalizzarti tanto su un’anonima descrizione di te, ma cerca di far trasparire la tua conoscenza dell’azienda, insieme all’eccitazione e all’entusiasmo che provi al pensiero di entrarne a far parte. Certo, è pur vero, però, che nessun candidato sta nella pelle all’idea di essere assunto: è proprio questo che deve spingere a differenziarti! Come? Spiegando che cosa porteresti di unico e prezioso all’interno dell'azienda, in che modo i successi raggiunti nel tuo lavoro attuale o precedente potrebbero tornare utili e come potrebbero soddisfare le esigenze di crescita aziendale. In altre parole, dalla lettera deve trasparire tutta la tua determinazione: esplicita le ragioni per cui desideri fortemente far parte del team, a quali progetti aziendali desideri contribuire e come hai scoperto di avere una grande affinità con i valori del brand (ad esempio, sei un appassionato utilizzatore dei suoi prodotti o servizi e quindi vuoi contribuire al successo aziendale mettendo a disposizione la tua esperienza in fatto di business plan). 

Organizza bene i contenuti e fai attenzione ai refusi!

Usa un indirizzo e-mail professionale per inviare la tua lettera di presentazione con CV allegato e ricorda di inserire sempre un oggetto chiaro (“Candidatura per…” o il riferimento al codice dell’annuncio di lavoro). Assicurati, poi, di inviare l’e-mail al giusto destinatario: se possibile, all’indirizzo e-mail del selezionatore o del responsabile del personale; in alternativa, se hai un indirizzo generico, precisa nel corpo del messaggio la figura cui intendi rivolgerti (ad esempio, esordisci con “Alla cortese attenzione del Responsabile Risorse Umane”).

Quanto alla modalità di redazione della cover letter, abbi cura di organizzarne i contenuti in modo lineare e sintetico: scegli un font leggibile, dividi il testo in paragrafi separati da spazi per favorirne la leggibilità, componi frasi brevi e usa verbi in forma attiva per non appesantire il tono generale, soprattutto quando parli dei traguardi raggiunti e degli obiettivi che intendi conseguire. Presta particolare attenzione a refusi e errori ortografici e, infine, aggiungi i tuoi contatti dopo la firma, incluso il tuo nome Skype, il link al tuo profilo LinkedIn e, se appropriato per la posizione per cui ti stai candidando, agli altri profili social.  

categorie Trovare Lavoro