come diventare stilista di moda

25/01/2017 13:07:42

Chi ama la moda e sogna di diventare un giorno stilista professionista per girare il mondo tra una sfilata e l’altra ha davanti a sé un percorso formativo non semplice ma che premia i tenaci. Il fashion designer è infatti uno dei lavori più desiderati dai giovani ma richiede molta costanza, forza d’animo, creatività ed una formazione adeguata. Nella moda non manca la competizione visto il prestigio della posizione che si vuole ricoprire ma con molto impegno sarà possibile realizzare questo sogno professionale.

Negli ultimi anni sono tante le Università e le Accademie che hanno attivato Corsi di Laurea orientati verso il mondo del fashion. In Italia non mancano anche importanti Istituti di Moda e scuole private che garantiscono un titolo professionale riconosciuto in tutto il mondo. Durante la scuola si avrà modo di acquisire tutte le nozioni di base per riconoscere i tessuti, abbinare i colori ed imparare importanti tecniche di disegno creativo. Poter svolgere un tirocinio formativo all’interno di una casa di moda, negli uffici stile, in una sartoria o presso un’azienda già durante gli anni di studio sarà sicuramente un modo per iniziare a capire questo mondo ed imparare direttamente sul campo.

Al momento della scelta del corso dovrete prestare molta attenzione al piano di studio e verificare se è possibile mettere in pratica le nozioni apprese durante il percorso, come una sfilata finale, un momento fondamentale per misurarsi con il pubblico e capire tutte le dinamiche organizzative che si nascondono dietro l’evento. Una volta fuori dalla scuola inizia la scalata, inevitabilmente in salita come ogni gavetta, che richiede grande tenacia per farsi strada e conoscere persone che già operano nella moda. Il fashion designer studia sempre con attenzione i trend del momento e li rielabora in chiave personale anticipando i bisogni dei consumatori e le richieste del mercato.

È imprescindibile quindi tenersi sempre aggiornati, seguire le sfilate, leggere i tanti giornali che si occupano del settore e guardarsi intorno ogni giorno per prendere ispirazione e creare qualcosa di unico. Una buona opzione, dopo aver frequentato un corso formativo, sarebbe quella di entrare in contatto con aziende che realizzano tessuti e confezioni, oltre che prendere parte all’allestimento di una sfilata. Lo stilista, oltre alla passione, deve infatti possedere una solida conoscenza di ogni fase organizzativa perché sarà il collante tra i modellisti, l’area marketing, i laboratori di produzione, i modelli, i fotografi e tutte quelle persone che lavorano negli showroom. Un’ottima conoscenza della storia della moda aiuterà a completare la figura professionale del fashion designer.

Nel mondo della moda c’è chi ha iniziato a fare questo mestiere dopo aver seguito un corso di cartamodello ed ha poi fatto carriera all’interno di aziende tessili, chi ha vinto subito uno stage con un importante brand e chi ha iniziato invece per gioco ed è riuscito a farsi notare grazie all’originalità dei capi e degli accessori ideati. I requisiti che li accomunano tutti sono: tanto studio, mente aperta, passione, caparbietà ed amore per la moda.