come inviare una mail di presentazione all'azienda: 5 consigli pratici.

13/06/2017 12:45:04

Avete preparato il vostro curriculum vitae e ora è arrivato il momento di inviarlo all’azienda che vi interessa. A questo punto non vi resta che preparare una lettera di presentazione da inserire nell’email alla quale allegherete il CV. Tuttavia ciò potrebbe risultare meno semplice del previsto;  in questa fase è infatti frequente che sorgano dubbi sullo stile e il tono da utilizzare, sulla lunghezza da rispettare e su un’altra questione fondamentale: è meglio scrivere una lettera di presentazione da inviare come allegato o, invece, è preferibile trasformare direttamente il testo dell’email in una lettera di presentazione?
 
Di seguito risponderemo alle domande più diffuse sulla cosiddetta “cover letter”.

Email di presentazione: come inviarla

La lettera di presentazione dovrebbe essere inviata come allegato alla mail? Se vi state chiedendo se scrivere la lettera di presentazione su un file a parte, oppure se integrarla direttamente nel testo dell’email, dovete sapere che non c’è una risposta corretta e univoca, in quanto tutto dipende dalle preferenze del selezionatore che, però, non si possono conoscere in anticipo. In generale, però, scrivendo direttamente un’email di presentazione – quindi senza cover letter allegata – si avrà la possibilità di catturare l’attenzione in modo più diretto e istantaneo. 
Nel caso scegliate comunque di inviare la lettera di presentazione come allegato, invece, allora dovrete mantenere il testo dell’email il più sintetico possibile, spiegando in pochissime righe chi siete, perché state scrivendo, e invitando il lettore ad aprire gli allegati (lettera e curriculum) per scoprire di più sulle vostre competenze.
Una cosa da evitare assolutamente, invece, è inviare la lettera come allegato e duplicarne il testo anche nel corpo dell’email. 
 
Un altro dubbio che attanaglia i candidati di tutto il mondo è: nella formula di saluto ci si può rivolgere al destinatario chiamandolo per nome, oppure è meglio utilizzare una formula più ufficiale? Per decidere quale tipo di formula di saluto utilizzare, è consigliabile analizzare prima il tono della comunicazione che l’azienda utilizza per descrivere se stessa. Visitando il suo sito Internet, ad esempio, sarà possibile capire se utilizzano una comunicazione più istituzionale o se, invece, adottano un linguaggio più informale. Verificato ciò, potrete facilmente scegliere la tipologia di formula di saluto con cui aprire la vostra cover letter e l’email. 
 
Nel testo della mail è meglio usare un tono formale o più colloquiale? A meno che voi non stiate inviando la vostra candidatura ad un’azienda estremamente formale, avete un po’ di margine per utilizzare un tono più colloquiale. Anzi, probabilmente uno stile meno “rigido” e più personale potrà farvi apparire un po’ più coinvolgenti e interessanti. Ovviamente è opportuno non esagerare inserendo termini e modi di dire troppo informali. Insomma, è sempre consigliabile trovare una giusta via di mezzo.

Email di presentazione: dettagli tecnici

È ancora valida la regola secondo la quale la lettera di presentazione non deve superare la lunghezza di una facciata? In generale, i selezionatori tendono ad apprezzare di più una lettera di presentazione di lunghezza contenuta, tuttavia il limite di una pagina di foglio A4 non dev’essere considerato una legge universale. Se reputate che ci sia bisogno di scrivere una facciata e mezza potete farlo. Se ben scritta e priva di inutili divagazioni, infatti, anche una cover letter leggermente più lunga sarà apprezzata. Tuttavia è buona norma, quando si scrive una lettera di presentazione, iniziare in modo efficace facendosi apprezzare in poche righe e, successivamente, specificare nel dettaglio i motivi per cui si ritiene di essere il candidato ideale per ricoprire la posizione.
 
Quanto dev’essere lunga, invece, un’email di presentazione? Anche per quanto riguarda l’email di presentazione – caso in cui può essere più difficile rendersi conto di quando si supera la lunghezza di una “facciata” – è sempre consigliabile non dilungarsi troppo. Un buon modo per non incorrere in eccessi è quello di preparare il testo su un file Word e poi copiarlo direttamente nel campo di testo dell’email. Così avrete comunque un parametro cui fare riferimento.