verso la conferenza ciett: l'ocse

08/05/2015 15:13:34

"What role for private employment services on the labour market?" E' la domanda a cui cercherà di dare risposta il Dott. Stefano Scarpetta, Director for Employment dell'OCSE, nel corso della Conferenza mondiale di CIETT (Confederazione internazionale delle Agenzie private del lavoro), che si terrà da 27 al 29 Maggio a Roma.

L'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) o OECD (Organisation for Economic Co-operation and Development) è stata istituita con la Convenzione sull'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico il 14 dicembre 1960, con cui gli Stati aderenti sostituirono l'OECE, creata nel 1948 per amministrare il cosiddetto "Piano Marshall" per la ricostruzione postbellica dell'economia europea.

​Dai 20 Paesi iniziali, tra cui l’Italia, Paese fondatore, l’OCSE comprende oggi 34 Paesi membri: Australia, Austria, Belgio, Canada, Cile, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele,  Italia, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea, Repubblica Slovacca, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria.

Gli obiettivi dell'OCSE sono la realizzazione di più alti livelli di crescita economica nell'ambito dei concetti e dei principi di sviluppo sostenibile, di occupazione, di tenore di vita, favorendo gli investimenti e la competitività e mantenendo la stabilità finanziaria, nonché lo sviluppo dei Paesi non membri.
Tale mission è perseguita attraverso l’individuazione di principi comuni, la predisposizione di intese con valore vincolante e di Convenzioni, l’elaborazione di studi nazionali e comparativi, e, ancora, gli esami-Paese secondo il metodo della "peer review", o "giudizio dei pari"​.​
Nel panorama degli organismi internazionali e di fronte all’urgenza di delineare uno scenario economico sostenibile, l’Organizzazione per la  Cooperazione  e lo Sviluppo Economico continua a pieno titolo a rivestire un ruolo politico e scientifico fondamentale per l’integrazione dei mercati ed il consolidamento di prospettive economiche e sociali condivise.
 
Concentrandosi in particolare sulle questioni di carattere economico (concorrenza, agricoltura, imprese, servizi, sviluppo locale e commercio), finanziario (mercati finanziari, assicurazioni, pensioni, investimenti, imposte, nonché trasparenza e cooperazione fiscale), sociale (istruzione, lavoro, salute e migrazioni), e di governance (riforme aziendali, pubbliche e lotta alla corruzione), sviluppo sostenibile (ambiente, energia, pesca), cooperazione ed innovazione (biotecnologie, ICTs), l’OCSE costituisce certamente un forum prestigioso per la condivisione e lo scambio delle migliori esperienze a livello nazionale ed internazionale.

Tra le più recenti pubblicazioni dell'OCSE sull'Italia, ricordiamo lo Studio Economico 2015, nonchè il documento "Come si posiziona l'Italia", contenente un'interessante analisi relativa agli 8 temi (istruzione, occupazione, crescita verde, prospettive regionali, agricoltura, crescita economica, la crisi finanziaria e le sue conseguenze sulla società e sullo sviluppo) che riassumono la situazione del sistema Paese e dell'intero contesto internazionale.
categorie Norme e Diritti