spid europeo, cos'è e quali sono i vantaggi dell'identità digitale per le imprese

26/06/2017 18:35:23

A partire dal 29 settembre 2018 diventerà attivo lo SPID Europeo, sistema di identificazione digitale che permetterà ai cittadini e alle imprese degli Stati membri dell’UE di utilizzare i servizi erogati online dai gestori delle nazioni che aderiscono alla rete eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature). Questa rete permetterà la circolarità dell’identità digitale, ossia la possibilità che l’identità fornita da un identity provider di una determinata nazione possa essere riconosciuta anche negli altri Stati. 

Ma che cos’è lo SPID? Il Sistema Pubblico di Identità Digitale – lo SPID, per l’appunto – è uno strumento di identificazione online che, fornendo una coppia di user name e password univoche per ogni cittadino o impresa che ne fa domanda, permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione. 
Il sistema SPID italiano ha recentemente superato il test di conformità richiesto dall’UE per entrare a far parte della più vasta rete eIDAS Network. 

Il superamento del test di valutazione della Commissione Europea da parte del nodo eIDAS italiano comporta che a partire dal 29 settembre 2018 - data in cui diverrà effettivamente attiva la piattaforma di interoperabilità formata dall’insieme dei nodi eIDAS degli Stati dell’Unione Europea - i cittadini italiani muniti di identità digitale fornita da un provider italiano potranno usufruire dei servizi forniti dai service provider pubblici e privati di tutti gli Stati membri.  Ciò porterà numerosi vantaggi sia ai singoli cittadini, sia alle imprese. 

I cittadini potranno ad esempio iscriversi ad un’università all’estero in modalità elettronica, oppure potranno trasmettere la propria cartella clinica a medici che si trovano in altri Paesi europei. 
Le imprese che si doteranno di SPID europeo 2018, invece, potranno ad esempio:
  • Partecipare elettronicamente a bandi e appalti pubblici indetti dall’amministrazione di altri Stati membri, senza rischiare il blocco della firma elettronica a causa di problemi di interoperabilità o di requisiti nazionali specifici. 
  • Sottoscrivere digitalmente contratti con la controparte di un altro Stato membro non dovendosi più preoccupare di possibili diversità interpretative rispetto a leggi in materia di servizi fiduciari, come i documenti e i sigilli elettronici.

Lo SPID europeo 2018 e il riconoscimento a livello transfrontaliero dell’identità digitale consentirà quindi alle imprese di agire in modo più dinamico all’interno del mercato europeo. L’eIDAS Network, infatti, contribuirà alla formazione di un mercato digitale unico, facilitando l’utilizzo di sistemi di identificazione e autenticazione elettronica che elimineranno il rischio di incorrere in ostacoli creati da normative nazionali differenti.