#scopritalenti 2015 - giovani e lavoro: il digitale che crea occupazione

19/10/2015 15:40:49

Nel mese di settembre 2015 Fondazione Sodalitas ha promosso, in collaborazione con Randstad Italia, la ricerca “Generazioni digitali al lavoro” per indagare il punto di vista dei giovani sulla capacità della scuola di formare alle competenze digitali, e sulla spendibilità di queste skills nel mondo del lavoro.

I risultati della ricerca sono stati presentati il 19 ottobre a Milano, presso la sede di Randstad Italia, nell'ambito della 6^ Edizione di ScopriTalenti, la giornata nella quale i giovani distintisi durante i corsi Giovani&Impresa di Fondazione Sodalitas nell’anno di studi 2014-2015 hanno potuto sostenere colloqui conoscitivi con un pool di Aziende leader di mercato.

Sono intervenute alla giornata per incontrare i ragazzi, oltre a Randstad: ABB, Accenture Italia, BT Italia, Capgemini, Gam Edit, Mellin, Roche, Samsung Italia, Sky Italia, Solvay, STMicroelectronics e UBS (Italia). 

Il campione

Hanno partecipato all'indagine 2161 under 35: un campione prevalentemente maschile (52,9%) e in possesso più di Diploma (54,8%) che di Laurea (36,3%), e nell’82,2% dei casi al lavoro o con all’attivo almeno un’esperienza lavorativa.

Chi dopo il diploma ha deciso di non proseguire gli studi (il 49,2% del campione) lo ha fatto soprattutto per mancanza di risorse economiche (35,5%) più che per disinteresse verso lo studio (19,8%). Un dato, questo, decisamente preoccupante e in linea con il trend rilevato nel 2014. Negli ultimi 12 mesi però risulta aumentata la percentuale di chi, dopo il diploma, ha trovato lavoro (il 26,2% nel 2014; il 32,9% nel 2015).

Competenze digitali: cosa serve, e dove trovarlo

Navigazione in internet, utilizzo del pacchetto office, utilizzo dei social network a scopi professionali, utilizzo di programmi tecnici specifici: queste le competenze digitali che i giovani sentono di possedere maggiormente e che ritengono più importanti per entrare con successo nel mondo del lavoro. Quasi 1 studente su 2 dichiara inoltre di avere dimestichezza con Cloud (42,8%) e Internet of things (47,6%), mentre attività quali Coding (16,9%) e Analytics (18%) risultano ancora poco conosciute.  

Le competenze digitali si apprendono direttamente sul posto di lavoro (57,2%) o in autonomia (58,8%) più che a scuola (35,4%) o attraverso corsi dedicati (39,3%). I ragazzi reputano infatti inadeguate, rispetto alle richieste del mondo del lavoro, sia l’infrastruttura tecnologica di cui le scuole e le università dispongono (59%) che le competenze che il Sistema mette a disposizione di insegnanti e professori (53,7%). Il che è preoccupante soprattutto perché ormai, per entrare nel mondo del lavoro, non se ne può fare a meno: al 62% dei ragazzi che hanno partecipato all’indagine le competenze digitali sono state esplicitamente richieste in sede di colloquio di selezione.

Qui è disponibile il report completo dell'indagine.

categorie Norme e Diritti