categorie protette: prorogato al 15 maggio l'invio del prospetto informativo

18/04/2016 14:48:56

Tante sono le novità introdotte dal Jobs Act riguardo al diritto dei lavoratori disabili e agli obblighi da parte delle aziende. Tra queste, novità rilevanti  riguardano il tema del collocamento mirato – ovvero, quell’insieme di strumenti tecnici che permettono di valutare adeguatamente le persone disabili nelle loro effettive capacità lavorative al fine di inserirle nel mondo del lavoro, oltre che le modalità di computo dei lavoratori

Ad esempio, dal 1 gennaio 2017 le aziende con almeno 15 dipendenti computabili (a prescindere da nuove assunzioni) avranno a disposizione solo 60 giorni dall’insorgere dell’obbligo per procedere con l’assunzione di un lavoratore disabile e/o appartenente a categoria protetta..  In considerazione  delle novità introdotte dal Jobs Act,, è stato, inoltre, necessario un aggiornamento dei sistemi informatici che ha fatto slittare la scadenza per adempiere all’obbligo di invio del prospetto informativo, (previsto dall’articolo 9, comma 6 della Legge 12 marzo 1999, n.68, sarebbe stato fissato di norma entro il termine del 31 gennaio) al 15 maggio 2016. I servizi informativi saranno comunque disponibili a partire dal mese precedente, ovvero dal 15 aprile 2016. 

Che cos’è il prospetto informativo e a cosa serve

I datori di lavoro con più di 15 dipendenti costituenti base di computo devono presentare una dichiarazione – il prospetto informativo – in cui sarà indicata la situazione rispetto all’obbligo di assumere personale disabile (o appartenente a categorie protette). Nello specifico, come previsto dalla Legge del 12 Marzo 1999 n.68 è necessario fornire un quadro preciso della situazione occupazionale e dei posti di lavoro o mansioni disponibili. 

Una tale dichiarazione ha lo scopo di creare un incontro tra domanda e offerta e, in particolare, tra aziende e ufficio di collocamento mirato in modo da adempiere nel modo più trasparente possibile agli obblighi di legge. 

Precisazioni importanti

Vi sono ulteriori aspetti e informazioni importanti di cui tenere conto. In particolare: 

• la trasmissione del prospetto informativo può avvenire solo per via telematica; 

• il prospetto riguarda tutti i datori di lavoro, sia pubblici che privati, con almeno 15 dipendenti;

• il prospetto non deve essere compilato e inviato ogni anno, ma solo qualora si verifichi una variazione della situazione occupazionale  tale da modificare l’obbligo, ovvero da incidere sulla quota di riserva.

categorie Norme e Diritti