Responsabili marketing e membri del team IT - Information&Technology - di un’azienda devono imparare a lavorare in sintonia e collaborare strettamente ogni giorno per realizzare strumenti sempre più sofisticati e integrati. A dirlo in un articolo pubblicato sull’Harvard Business Review è Adele Sweetwood, autrice del libro “The Analytical Marketer: How to transform your marketing organization”.

Il team IT deve essere considerato come un partner fondamentale del settore marketing, un prezioso alleato che detiene il know-how tecnico decisivo per creare soluzioni di successo sfruttando tutti i dati a disposizione. Ogni azienda deve sempre comunicare la propria direzione ai responsabili IT e stabilire con loro obiettivi chiari e condivisi, mentre, al tempo stesso, il marketing deve poter contare sul mondo dell’IT per quanto riguarda la tecnologia, l’integrazione dei sistemi e l’esperienza.

Entrambi i settori sono invitati da Sweetwood ad investire tempo nella realizzazione di questo processo e ad impegnarsi per far funzionare la comunicazione senza trascurare mai la loro relazione reciproca, dalla quale potrebbero nascere importanti stimoli per la crescita aziendale.

Nello specifico l’IT deve, ad esempio, capire le esigenze del marketing per riuscire a fare le giuste domande alla rete ed ottenere quanti più dati possibili. Senza l’assistenza degli esperti nell’utilizzo degli strumenti analitici, infatti, è impossibile garantire l’integrità delle informazioni catturate e, di conseguenza, generare un alto livello di soddisfazione nel cliente. La prima regola da seguire riguarda quindi la comunicazione tra IT e responsabili marketing: questa deve essere regolare, chiara e trasparente per favorire il focus su un obiettivo comune.

Anche nella pianificazione marketing sarebbe poi utile far partecipare il team IT, per definire unitamente la visione tecnologica dell’azienda - quella che Adele Sweetwood descrive nell’articolo pubblicato sull’Harvard Business Review come la “mappa stradale”, che si deve costruire in sinergia con l’IT tenendo conto di tre differenti aspetti:

  • l’automazione e il marketing devono lavorare insieme per favorire l’integrazione di queste due entità
  • è importante ripensare al modo in cui attribuire ai responsabili del marketing più potere, e non limitarsi a farlo solo con gli analisti
  • i dati sono la priorità assoluta sia per l’IT, sia per il Marketing, poiché attraverso la loro analisi il primo acquisisce una maggiore conoscenza del business e aiuta i responsabili marketing a creare un prodotto migliore 

All’interno di SAS, azienda statunitense leader nella produzione di sistemi di analytics innovativi, software e servizi di business intelligence e data management, di cui Adele Sweetwood è Senior Vice President of Global Marketing and Shared Services, per innescare una maggiore collaborazione tra team IT e responsabili marketing è stato sviluppato un portale interno di analisi di marketing collegato a tutti i sistemi per creare una visione unica dei dati. Per farlo, è stato fondamentale il supporto IT nella gestione di dati, hosting, formazione e risoluzione dei problemi, che ha reso possibile la trasformazione del modo di lavorare dell’azienda con risultati di successo.

Quando il marketing impara a comprendere i dati, si approfondiscono nuovi livelli di conoscenza dell’azienda e si trovano opportunità prima nascoste nella divisione dei settori. Per arrivare a conquistare nuove fette di mercato e migliorare la propria offerta è quindi decisivo instaurare un rapporto di stretta collaborazione tra divisione informatica e di marketing. Anche se ci vorrà del tempo, da SAS fanno sapere che lo sforzo di stabilire una partnership tra dipartimento IT e marketing porterà alla fine a risultati sicuri in termini di analitiche predittive e, quindi, di produttività.