Uno degli ultimi studi di McKinsey & Company, la società internazionale di consulenza manageriale, incentrato sulle nuove frontiere dell'Internet of Things in campo aziendale, ha evidenziato come la rete dei dispositivi intelligenti connessi su Internet abbia cambiato radicalmente il concetto stesso di vivere e di lavorare. L'impiego ad esempio di sensori wireless nelle aziende agricole, nei sistemi di allarme domestico o nei dispositivi fitness indossabili sono tutte semplici applicazioni ormai entrate nella nostra realtà e che sono fortemente dipendenti dalla connettività. 
Uno dei maggiori bisogni dell'IoT è per l'appunto proprio la necessità di essere costantemente connessi da qualsiasi dispositivo ed indipendentemente dalla posizione, secondo requisiti variabili che cambiano con l'attività da svolgere, dei potenziali casi d'uso, della disponibilità e della capacità di gestire le reti. 

Dall'analisi approfondita in più settori dove l'IoT rappresenta un'indispensabile ausilio, McKinsey evidenzia come oramai le imprese siano strettamente vincolate alle differenti opzioni di connettività disponibili sul mercato. Per ogni specifico settore, la società di consulenza ha concentrato dunque le proprie analisi su quali sono i requisiti di connettività a seconda delle differenti attività richieste, quali possano essere le soluzioni più adatte per ciascuno di essi, i fattori di business e gli elementi strategici partendo da quelle che sono le quattro categorie di connettività wireless per le aziende.

In primis la connettività senza licenza che offre una connettività a lunga distanza, è economica, di facile accesso, ma allo stesso tempo vulnerabile; poi la connettività a bassa potenza e ampia area caratterizzata da un’ampia portata del segnale, una vasta gamma, una lunga durata della batteria e un costo contenuto, ma anche da una potenza bassa; quindi la connettività cellulare 4G LTE con larghezza di banda elevata fino a 100 megabyte al secondo e gamma di oltre dieci chilometri, un tipo di connettività molto affidabile ma dai costi elevati, ed infine la connettività extraterrestre basata su tecnologie satellitari e altre microonde. 

Nonostante la crescente popolarità della seconda categoria, quella della connettività LPWA, attualmente la cellulare è la tipologia più diffusa poiché in grado di consentire connettività in numerosi settori, con una domanda maggiore sulle reti LTE pubbliche, dal momento che quelle private sono troppo costose da costruire e da mantenere. 
Per quanto riguarda le soluzioni di comunicazione extraterrestre, il margine di impiego è ancora limitato a quelle specifiche condizioni di connettività ove sia assente l'alternativa di tecnologie cellulari o fibra. A tale proposito va menzionato che gli operatori di rete virtuale mobile (MVNO) sono gli unici che attualmente forniscono questa funzionalità noleggiando la rete wireless di altre aziende. Il sistema attualmente più diffuso per quanto riguarda i modelli di business è quello del DaaS, cioè del device-as-a-service, il quale consiste nella vendita di una formula di abbonamento da parte dei produttori.

Quello che è fondamentale per il futuro, è che le aziende siano maggiormente aperte al cambiamento, adattando le proprie strategie ed i propri sistemi ai nuovi standard dettati dalla connettività e concentrandosi sulle specificità funzionali nella scelta delle soluzioni più appropriate piuttosto che sulla tecnologia tout-court.