gli errori da non commettere se vuoi ottenere un finanziamento pubblico.

23/10/2019 12:58:03

Ci sono alcuni semplici regole da seguire per non perdersi, e, soprattutto, per non commettere grossolani errori quando si intende richiedere un’agevolazione pubblica per la propria attività, progetto o impresa. Ottenere un finanziamento, infatti, è un’ottima opportunità per avviare una carriera e, tuttavia, spesso la burocrazia è tale da scoraggiare la partecipazione ai bandi.

Dunque, anche senza avvalersi dell’aiuto di consulenti specifici, ecco una serie di regole a cui attenersi per scongiurare gli errori più frequenti. 

Verificare di possedere i requisiti

È il primo passo da fare per evitare di perdere tempo. Per essere certi di possedere tutti i requisiti necessari alla partecipazione è bene consultare prima di tutto l’avviso pubblico e non fidarsi immediatamente di altre fonti. Non sempre, infatti, gli organi di comunicazione riportano notizie corrette o complete. Se avete dei dubbi, poi, è bene rivolgersi all’ente erogatore del finanziamento, anche consultando le FAQ eventualmente presenti online. È sempre meglio fare una domanda in più che scoprire in un secondo momento di aver solo perso tempo.

Errori nella richiesta di un finanziamento pubblico

Preparare in anticipo di documenti necessari

I bandi possono essere diversi per tipologia e per documenti richiesti. Dunque, chi ha già inoltrato altre domande o intende riprovare un bando, non deve dare per scontato che non siano necessari altri documenti o materiali da allegare alla domanda. Per questo è consigliabile preparare tutto ciò che serve con un certo anticipo.

Redigere o aggiornare il business plan

Quasi tutti i bandi per un finanziamento pubblico richiedono la compilazione di un business plan su 3 o 5 anni. Anche nel caso in cui bastasse una descrizione generica di massima del progetto, è sempre bene cercare di avere le idee chiare su ciò per cui si richiede un sostegno economico pubblico. La redazione di un business plan accurato e dettagliato è un aspetto da non trascurare, specialmente per ciò che riguarda le analisi di mercato (ovvero, la domanda e l’offerta di ciò che vorresti fornire o vendere), ma anche per la descrizione del progetto, che deve essere il più possibile esaustiva e chiara anche per i non addetti ai lavori. 

Inviare correttamente la domanda 

L’ultimo step è forse il più importante. È consigliabile prima di tutto non ridursi all’ultimo momento per l’invio della domanda, poiché questa fase potrebbe nascondere qualche insidia. In alcuni casi, è disponibile una guida alla piattaforma su cui caricare materiali e allegati, dunque, è necessario dedicare un po’ di tempo allo studio di tutti i passaggi per essere certi di concludere l’operazione in modo corretto.