bando “fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita”

19/07/2018 14:55:14

Bando fabbrica intelligente Sono tre le aree di interesse: fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita. È a queste tre categorie che il Ministero dello Sviluppo Economico rivolge una nuova agevolazione dedicata ai progetti di ricerca e sviluppo. Il Bando “Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita”, pubblicato con decreto ministeriale del 5 marzo 2018, stanzia un totale di oltre 560 milioni di euro a favore delle PMI italiane. Vediamo nel dettaglio come funziona l’incentivo, a chi si rivolge e qual è la procedura di partecipazione.

Bando “fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita”: funzionamento

Il contributo statale è teso a sostenere iniziative di R&S nei campi sopra menzionati, che possono proporsi anche in maniera congiunta. Nello specifico, si parla di: attività di ricerca industriale e progetti di sviluppo sperimentale, che riguardano la creazione o l’ottimizzazione di nuovi prodotti/servizi grazie all’acquisto di tecnologie abilitanti. Il sostegno è caratterizzato sia da contributi diretti alla spesa, sia da finanziamenti agevolati. La dotazione finanziaria è pari a 562,7 milioni di euro. La modalità di concessione dei contributi si differenzia in base ai costi ammissibili:

  • per i costi che vanno dagli 800 mila ai 5 milioni di euro, la procedura valutativa sarà a sportello;
  • per i costi che vanno dai 5 ai 40 milioni di euro, la procedura valutativa sarà di tipo negoziale. 

Le tecnologie abilitanti - comuni ai 3 settori indicati - ammesse al sostegno sono: nanotecnologie, biotecnologie, tecnologie dell’informazione e della comunicazione, materiali avanzati. 

Le risorse finanziarie sono divise tra le 3 categorie (fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita) nel seguente modo:

  • per il settore fabbrica intelligente sono destinati 225 milioni di euro; 
  • per il settore agrifood sono destinati 225 milioni di euro;
  • per il settore scienze della vita sono destinati 112 milioni euro.

In riferimento ai progetti di ricerca industriale, l’agevolazione viene assegnata tramite una procedura valutativa a sportello e prevede il 60% per piccole imprese, il 50% per medie imprese, il 40% per grandi imprese e il 47% per organismi di ricerca. Le iniziative di ricerca sperimentale, invece, verranno valutate attraverso una procedura negoziale e il contributo diretto è così suddiviso: 35% per imprese piccole, 25% per imprese di media dimensione, 15% per imprese di grande dimensione, 22% per organismi di ricerca.

Bando “fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita”: destinatari

Il Bando “fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita” è rivolto alle aziende di tutte le dimensioni -  nonché alle reti di impresa - attive nei campi agricolo e di ricerca. Sono ammesse anche le imprese agro-industriali che hanno come maggiore attività il settore industriale. Inoltre, possono partecipare al bando anche le aziende artigiane che producono beni. 

Bando “fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita”: modalità

Per sapere quali sono le procedure di partecipazione e i termini di presentazione della domanda, sarà necessario aspettare il relativo decreto ministeriale. Nello stesso verranno esposte, inoltre, i modelli e i criteri di valutazione dei vari progetti presentati.