talenti creativi cercasi: come attrarre e stimolare i migliori

26/07/2017 09:32:00

Un’azienda che punta sulla creatività ha maggiori probabilità di sopravvivere e avere successo all’interno del mercato, in quanto riuscirà a creare innovazione e a restare al passo con i desideri e le necessità di clienti e consumatori.

Attrarre e mantenere nel proprio organico talenti creativi, quindi, è molto importante per essere competitivi. A ciò si aggiunge il fatto che le aziende che stimolano la creatività assistono di solito anche ad un incremento della produttività dei propri lavoratori.

Ma cosa si può fare per attirare le migliori menti creative e far sì che rimangano a lungo all’interno della propria organizzazione? Anche in questo caso uno degli strumenti principali che un’azienda ha a disposizione è proprio l’employer brand, ossia l’immagine che trasmette di se stessa come datore di lavoro.

costruisci una candidate experience di valore  scarica gratis il whitepaper 

Analizziamo alcune strategie che si possono mettere in campo per attirare talenti creativi:

  • Pubblicare annunci di lavoro accattivanti: dovete pubblicare un’offerta di lavoro? Per emergere dalla massa e attirare l’attenzione dei giovani più creativi è opportuno rendere il testo dell’annuncio originale. A tal fine è consigliabile usare un tono non troppo formale e accattivante e creare un paragrafo d’apertura d’impatto.

  • Creare un ambiente di lavoro cool: uffici con un design giovane e vivace e spazi dedicati al relax e allo svago attirano di più i candidati creativi rispetto ad ambienti di lavoro rigidi e formali.

  • Lasciare autonomia creativa: una volta assunti, un ottimo modo per far sì che gli impiegati più creativi siano invogliati a rimanere in azienda, è quello di lasciar loro un’ampia autonomia in ambito creativo, senza imporre rigidi paletti e standard. Ciò farà sì che essi sentano riconosciuto il proprio valore, e allo stesso tempo li stimolerà a trovare soluzioni innovative che potrebbero diventare il motore del successo dell’impresa. 

  • Concedere flessibilità negli orari e spazi di lavoro: ormai è riconosciuto che imporre un luogo di lavoro fisso e un orario di lavoro rigido – le classiche otto ore dietro ad una scrivania, per intendersi – non garantisce il massimo della produttività. Soprattutto nel caso delle menti creative, infatti, lasciare la possibilità di lavorare anche da remoto e in fasce orarie più flessibili fa sì che essi sfruttino meglio il tempo dedicato allo sviluppo di idee e soluzioni.

  • Puntare sui programmi formativi: investire sulla formazione continua, infine, è un altro fattore che sprona i dipendenti migliori a rimanere in azienda più a lungo, in quanto si sentiranno incentivati a crescere professionalmente. 

Queste, quindi, sono alcune strategie per attirare le menti più creative e fare in modo che si sentano costantemente stimolate a dare il meglio per l’azienda. Raggiungere questo obiettivo aumenta notevolmente le possibilità di successo della propria organizzazione.