i 5 fattori che influenzano l’employer branding

25/02/2015 21:58:31

L'employer branding non è solo una strategia tesa ad attrarre i talenti migliori, ma contribuisce ad aumentare anche il valore del brand agli occhi dei consumatori. Ecco quali sono gli elementi che rendono le aziende più attrattive agli occhi dei potenziali lavoratori

L’employer branding è considerato oggi un aspetto molto importante per l’immagine di un’azienda. Con questo termine si identifica la reputazione dell'azienda come luogo di lavoro, ma i vantaggi non si limitano alla sfera delle risorse umane: ci sono effetti positivi sull’intera immagine dell’azienda.

I vantaggi dell’employer branding

Essere particolarmente attrattive sul mercato del lavoro consente alle aziende di attirare potenziali talenti e fidelizzare i propri dipendenti, ma, più in generale, consente anche migliorare l’immagine del proprio brand: la presenza nella classifica delle migliori aziende in cui lavorare costituisce infatti un valore aggiunto anche agli occhi del consumatore, che oggi non guarda solo al prodotto, ma anche al marchio e ai valori che esso rappresenta.


Scopri l'Ebook gratuito  L'Employer Branding in 6 passi >>

I fattori che rendono le aziende attrattive per i lavoratori

Ma quali sono i fattori che rendono maggiormente attrattiva un'azienda? Gli elementi che incidono maggiormente nelle scelte di un potenziale lavoratore di un'azienda sono numerosi e variano in base al singolo individuo, al Paese e di appartenenza e al momento storico.

Randstad punta a individuare questi fattori ogni anno grazie all'indagine propedeutica all'assegnazione del Randstad Award, l'evento che premia le aziende più attrattive presenti sul mercato. Nel 2014 sono emersi cinque fattori che più di altri contribuiscono ad aumentare l'attrattività percepita. Eccoli:

1) La sicurezza del posto di lavoro

Pur risultando in calo rispetto agli anni precedenti, è ancora considerato l’elemento più importante nella scelta di un luogo di lavoro. È un aspetto particolarmente sentito soprattutto dalla fascia di lavoratori con un livello di istruzione inferiore.

2) Stipendio e benefit

Il secondo aspetto cui si guarda quando si sceglie un posto di lavoro è la retribuzione, la cui importanza risulta in crescita rispetto agli anni precedenti.

3) Atmosfera del lavoro piacevole

L’aria che si “respira” in ufficio è un altro fattore di grande importanza per i lavoratori, che ricercano ambienti sereni e poco stressanti.

4) Work-life balance

Nella top five dei fattori decisivi che rendono un'azienda attrattiva agli occhi dei suoi potenziali lavoratori rientra anche la possibilità di conciliare vita lavorativa e vita privata, un fattore determinante soprattutto per le donne.  

5) Salute finanziaria e contenuto del lavoro interessante

Chiudono a pari merito, secondo l’indagine Randstad del 2014, la salute finanziaria dell’azienda e l’interesse per le mansioni proposte. Un elemento, quest’ultimo, citato soprattutto dai lavoratori con un livello d’istruzione superiore (laurea o master).

categorie Employer Branding