come corporate communication ed hr possono collaborare per migliorare un employer brand

09/01/2018 10:50:00

Quando un'azienda non riesce ad avere un organico stabile, quando la qualità dei futuri candidati non è soddisfacente rispetto alle esigenze o quando i dipendenti non sentono proprio lo spirito aziendale, ciò significa che corporate communication e risorse umane non stanno collaborando al meglio.

È necessario infatti sviluppare un employer brand solido e vincente per attrarre persone valide e, successivamente, per coinvolgerle e mantenerle all'interno del proprio organico a lungo. Esistono infatti molti candidati di talento che cercano lavoro in un'impresa a seconda di quello che essa può offrire in termini di competenze, conoscenze, relazioni ed esperienze. 

Tutto questo influisce nel comporre quella che viene definita la proposta di valore del datore di lavoro o proposta di valore per i dipendenti, cioè EVP, parametro fondamentale per mettere in luce i punti di forza di un'azienda, lo spirito che la anima e le sue aspirazioni future. Per ottenere un EVP di successo, tutti i settori della comunicazione aziendale, quali storytelling, creatività, targeting del cliente e quelli delle human resources come recruiting, talent management, employee engagement and training, devono lavorare in stretto contatto.

Scopri l'Ebook gratuito  L'Employer Branding in 6 passi >>

Ancor più di un semplice marchio di un prodotto commerciale, il brand di un'azienda deve essere in grado di evolvere con essa, dimostrarsi flessibile e strategico a seconda di fattori che sono in continua evoluzione. Dare un'immagine chiara e forte come creare un luogo piacevole e confortevole in cui lavorare sono processi che prima di tutto devono tenere conto delle informazioni che riguardano dipendenti ed ex dipendenti, ma anche di ciò che deriva dalle percezioni di chi è esterno ad essa. 

È evidente dunque come l'employer branding debba essere strutturato di comune accordo con una strategia dettata dalle HR in modo tale che l'azienda sia in grado di dare la giusta immagine e di conseguenza attirare i candidati idonei. Ad una prima impressione potrebbe sembrare un processo complesso, eppure la pratica dimostra che un employer brand efficiente riduce i costi di reclutamento in termini di tempo ed energie ed allo stesso tempo migliora il coinvolgimento dei dipendenti e la produttività della forza lavoro. 

Lavorare con le risorse umane permette alla corporate communication di scoprire cosa cercano i migliori candidati sulla piazza, nonché di capire se ci sono eventuali lacune o misunderstanding nella propria offerta-lavoro. 
In conclusione, si può dire che la strategia del brand di un'impresa funziona solo se inserita all'interno di un quadro più ampio che comprende, oltre all'azienda, anche ciò che cerca il possibile dipendente e quello che offrono le risorse umane.