quanto guadagna un ingegnere in Italia?

Nonostante la crisi occupazionale e la mancanza di posti di lavoro, studiare è ancora considerato un investimento che ripaga in termini di soddisfazione e remunerazione sul lungo termine. I sacrifici di chi studia all'Università sembrano valere gli sforzi, anche se non per tutti i laureati il mondo del lavoro offre le stesse opportunità. Le facoltà di Medicina e Ingegneria sembrano essere ancora le più sicure e si confermano come gli scorsi anni quelle che maggiormente assicurano l’occupazione dopo il conseguimento del titolo di studio. Dall’altra parte, invece, altre facoltà come quelle di Economia sono in leggero calo, mentre Giurisprudenza e tutta l'area umanistica restano molto indietro. 

Per quanto riguarda le retribuzioni dei laureati entrati nel mondo del lavoro, tra quelli più pagati spiccano decisamente gli ingegneri, secondo quanto emerge dai dati annuali relativi a carriere e retribuzioni emersi sia da fonti universitarie che da associazioni di categoria e riviste specializzate. Le statistiche confermano infatti che ben il 93,6% dei laureati in ingegneria trova occupazione già entro il primo anno dopo la discussione della tesi e percepisce uno stipendio medio netto di 1.717 euro al mese, di gran lunga più alto di tutti gli altri colleghi neolaureati.
A conferma di questo, dieci posizioni su venti nella classifica mondiale dei corsi di studi che portano alle carriere meglio pagate sono proprio occupate dai corsi di ingegneria. Ingegneri nel settore petrolifero, nel settore elettrico, elettronico, Ingegneri aerospaziali, Ingegneri chimici e Ingegneri dei materiali sono solo alcuni dei possibili ottimi sbocchi professionali che offre questo settore di studi. Ciò significa che, quando si è di fronte alla scelta del corso di laurea da intraprendere, pensare a Ingegneria non è un’opzione da sottovalutare, anche perché sembra che la richiesta di figure professionali di questo tipo sia ben al di sopra del numero di laureati al momento a disposizione.

A questo proposito, il Randstad HR Trends & Salary Survey nel 2017 ha individuato le maggiori aree remunerate nel campo dell'Ingegneria, rispondendo quindi a una domanda molto importante per i giovani che sono interessati a formarsi in questo campo, ossia: quanto guadagna un ingegnere in media in Italia? 
Si parte dallo stipendio più basso del Maintenance Engineer, che guadagna in media 39.000€ l’anno con un minimo di 25.000 ed un massimo di 60.000; si sale quindi al livello del Sales Engineer che si assesta su una media di 42.000€ tra un minimo di 25.000 e un massimo di 60.000 euro annui; si passa poi per il Quality Engineer, con minimi di 28.000, massimi di 130.000 e una media di 44.000€ all’anno, e infine si conclude con il Process Engineer, con una media di 46.000 €, minimi di 30.000 e massimi di 70.000 euro di retribuzione all’anno. 

< torna alla pagina precedente