la tua azienda ha una employee value proposition?

Quando si parla di Employee Value Proposition si intende l'insieme delle componenti che condizionano un dipendente in relazione ad ogni aspetto del suo ambito lavorativo, come l'ambiente di lavoro, il rapporto con i colleghi, la leadership aziendale, le proprie mansioni, la retribuzione e la soddisfazione nel proprio ruolo. In poche parole è la summa dello scambio reciproco tra azienda e personale. In qualche modo l'EVP è ciò che un datore di lavoro o, più in generale un'azienda, deve fare per soddisfare aspettative e necessità dei propri dipendenti. Un concetto relativamente nuovo che ha iniziato a farsi strada già durante la fine degli anni 90 e che prende ispirazione dalla value proposition del marketing puro

scopri l'ebook gratuito  l'employer branding in 6 passi 

Uno dei capisaldi del marketing management, infatti, è il presupposto che un brand, per essere di successo, deve avere chiari tre punti: il “cosa”, cioè quale sia il proprio obiettivo, definito “vision”; il “perché”, cioè quali sono i motivi per cui è necessario perseguirlo, anche detti “mission”, ed infine il “come”, cioè le linee guida da seguire, ossia i “values”. Da ciò consegue che questi tre concetti chiave devono essere coerenti sia nelle azioni che l’impresa compie, sia nella sua comunicazione verso l’esterno. In maniera del tutto analoga, nell'employer branding, l'Employee Value Proposition altro non è se non quello che abbiamo appena definito come il terzo punto, cioè i valori del marketing. 

Individuare il cliente cui far riferimento, comprenderne i bisogni, capirne le aspettative e, se possibile, anticiparle, è la base su cui si fonda la solidità di un'impresa. Può sembrare paradossale, ma le richieste e i bisogni di un cliente all'interno di un negozio e quelle di un dipendente all'interno di un'azienda in fondo non sono poi molto dissimili.
Alla base delle teorie dell'EVP vige il concetto che, proprio come i clienti, anche i dipendenti aziendali possono scegliere un luogo, in questo caso di lavoro, piuttosto che un altro. E una volta scelto non necessariamente sono obbligati a rimanergli fedeli, ma, al contrario, se le loro richieste non vengono più ritenute soddisfatte, possono sempre decidere di cambiare andando dalla concorrenza, esattamente come un cliente qualsiasi. Per questo motivo è nell'interesse di ogni azienda capire se i propri dipendenti sono soddisfatti e comprendere eventualmente i motivi per cui decidono di andare via. 

In generale, è stato riscontrato che difficilmente un lavoratore lascia la propria azienda se ad una buona retribuzione economica corrisponde anche un giusto riconoscimento professionale, se la leadership aziendale è vissuta con passione e trasparenza, e se i dirigenti offrono opportunità di crescita professionale. Quando queste condizioni vengono meno, il più delle volte l'ambiente lavorativo diventa frustrante al punto da indurre il dipendente a guardarsi intorno in cerca di altre opportunità. 
L'Employee Value Proposition pone l'azienda di fronte all'obbligo di sviluppare una proposta lavorativa che sia di qualità per le proprie risorse, incidendo fortemente sul quadro sociale ed economico della collettività. 

L'EVP deve perciò porsi prima di tutto poche, ma fondamentali domande:

  • Al lavoratore sono imposti compromessi onerosi tra lavoro e vita privata? 
  • Il lavoratore è in grado di lavorare meglio che in un’altra azienda?
  • Il lavoratore è inutilmente preoccupato? 
  • Il lavoratore è soddisfatto?
  • L'azienda è un buon posto dove lavorare? 
  • La mission aziendale è connessa con il dipendente? 
  • La politica aziendale è trasparente? 
  • La reputazione dell'azienda è buona? 
  • Perché un dipendente dovrebbe voler lavorare nell'azienda? 
  • Perché un dipendente dovrebbe voler rimanere in azienda? 

Rispondere a questi quesiti è un passaggio obbligato per riuscire a capire se la strategia aziendale funziona. Ovviamente, come per una qualsiasi altra attività, è impossibile riuscire a conquistare tutti i possibili clienti: è necessario perciò selezionare un target ben definito cui riferirsi e, una volta individuato, puntare al suo soddisfacimento. Allo stesso modo un buon EVP deve essere mirato al tipo di personale di cui ha bisogno, ricordando che, al di là di alcuni fattori comuni di carattere generale, ogni dipendente ha differenti necessità in base alla propria vita e alle proprie aspirazioni. Pertanto nell'employee engagement ci saranno aspetti che riguarderanno più individui e altri invece più specifici. 

< torna alla pagina precedente