Employer branding in tempo di crisi: guida alle migliori tecniche per attrarre talenti

L’employer branding in tempo di crisi è diventato uno strumento fondamentale per le aziende che vogliono non solo attirare i migliori talenti, ma anche conservare quelli già presenti al loro interno per non perdere competitività sul mercato. Si tratta, a tutti gli effetti, di una forma di marketing indirizzata ai potenziali candidati piuttosto che ai clienti o ai consumatori.
Sotto il titolo di employer branding sono solitamente comprese diverse strategie e tecniche da applicare che vanno dalla partecipazione a Career Fair alle campagne di comunicazione online per far conoscere e diffondere la filosofia aziendale.   
Un aspetto particolarmente importante è rappresentato poi dal team building, ovvero, da quelle attività che un’azienda promuove per rendere più affiatata una squadra di dipendenti stimolando l’engagement e contribuendo in modo sostanziale a migliorarne le performance. In altre parole, unire e motivare un team è un ottimo modo per un’azienda di conservare e attrarre talenti, migliorando al tempo stesso la propria reputazione e la propria immagine.
Ecco 10 attività di team building che possono risultare particolarmente interessanti agli occhi di potenziali candidati o degli impiegati.


Scopri l'Ebook gratuito  L'Employer Branding in 6 passi >>

1)    Attività di outdoor training: avventure, escursioni, corsi di sopravvivenza – ognuna di queste attività contribuisce notevolmente a far sviluppare un legame forte in una squadra.

2)    Aperitivo aziendale: meno impegnativo di una cena, l’aperitivo è un momento per scambiare due chiacchiere e legare con i colleghi.

3)    Cena con delitto: questa forma di intrattenimento a metà tra lo spettacolo teatrale e il gioco investigativo vede i partecipanti suddivisi in squadre e impegnati a scoprire l’assassino basandosi sugli indizi lasciati da attori professionisti.

4)    Meditazione: un corso di meditazione da svolgere tutti insieme è quello che ci vuole per combattere lo stress e condividere un’esperienza particolare e rilassante.

5)    Masterchef aziendale: offrire un corso di cucina in azienda o altrove è una tecnica interessante per favorire il team building, magari organizzando periodicamente cene o sfide a squadre tra i partecipanti.

6)    Giochi da tavola: sono da sempre uno strumento privilegiato di team building, che consente di legare divertendosi con i colleghi.

7)    Giochi di ruolo: spesso vengono utilizzati per “testare” i candidati e capire come reagiranno in determinate situazioni. I giochi di ruolo, però, sono anche un modo per sviluppare un legame fra i partecipanti utilizzando fantasia e immaginazione.

8)    Secret Santa: molto diffuso nei paesi anglosassoni sta prendendo piede anche in Italia. Basta scrivere il nome di ciascun partecipante su un pezzetto di carta e chiedere a ognuno di estrarre a sorte un biglietto. Una volta estratto il nome di un collega quello sarà il destinatario di un regalo di Natale da acquistare in segreto, entro una fascia di prezzo stabilita.

9)    Sport di squadra: che si tratti di una partita di calcio o di pallavolo non importa, gli sport di squadra sono un modo perfetto per legare con i colleghi e per fare un po’ di attività fisica tutti insieme.

10)    Viaggio aziendale: non si tratta necessariamente di un viaggio lungo, basta una piccola gita tra colleghi o un pic-nic nel week-end per risollevare lo spirito aziendale e migliorare l’umore di tutti.