Dalla Factory al Dealer, tutto nell'automotive si fa Smart (sempre merito dell'Industry 4.0)

La tecnologia e la digitalizzazione si stanno diffondendo in modo pervasivo in tutte le fasi di produzione e distribuzione dei prodotti dell’industria automotive, settore che negli ultimi anni ha visto un importante aumento delle vendite. 

Da un lato gli impianti sono divenuti altamente tecnologici, con robot e sistemi di gestione automatizzata che consentono di tagliare tempi e costi produttivi, dall’altro lato le tecnologie digitali e i software sono stati integrati all’interno dei prodotti stessi, basti pensare alle auto sempre più smart e connesse. Anche il settore vendite, però, sta affrontando una fase di profondo mutamento dovuta proprio alla digitalizzazione.

Le digital technologies, infatti, hanno cambiato in pochi anni il rapporto con il cliente, divenuto oggi un vero e proprio Digital Consumer, ossia un consumatore che utilizza quotidianamente le tecnologie. Nel momento in cui si trova a dover decidere quale prodotto acquistare, il Digital Customer ricorre innanzitutto al web per raccogliere informazioni, mentre in passato il processo di acquisto si svolgeva quasi totalmente presso le concessionarie fisiche. 

Oggi, invece, solo la parte conclusiva del processo di vendita - l’acquisto vero e proprio - si svolge presso il negozio, mentre la raccolta di informazioni, la configurazione dei modelli e lo studio dei preventivi avviene tendenzialmente online. Le case di produzione, però, stanno individuando nuove soluzioni che prevedono l’integrazione di strumenti digitali all’interno dei punti vendita, in modo da fornire al cliente un’esperienza d’acquisto più dinamica e personalizzata.

Al Digital Consumer si affianca quindi il Concessionario 4.0.

Software di configurazione in 3D che consentono di creare il veicolo più adatto alle proprie esigenze, scegliendo colore della carrozzeria, interni e optional; realtà aumentata per simulare l’interazione con l’auto a dimensioni reali; sensori di prossimità che permettono di inviare al cliente informazioni personalizzate sulle caratteristiche del prodotto: queste sono solo alcune delle funzioni che stanno iniziando a diffondersi nel comparto retail dell’automotive.

Anche qui, come succede negli impianti di produzione, il fattore tecnologico sarà necessariamente accompagnato dall’expertise del venditore in carne ed ossa, cui è demandato il compito di rispondere alle domande del cliente fornendogli informazioni tecniche specifiche, non disponibili sul web. 

Insomma, la digitalizzazione permetterà di creare un’esperienza di acquisto in cui il virtuale si integra in modo fluido con il reale. Anche se per il momento sono ancora pochi i casi di concessionari 4.0 che offrono le esperienze descritte poco sopra – uno è quello dell’Experience Store del gruppo PSA a Parigi – si prevede che presto la tendenza si diffonderà in modo sistematico.

< torna alla pagina precedente