THALES ALENIA SPACE, AUTOMOBILI LAMBORGHINI E GRUPPO MONDADORI VINCONO IL RANDSTAD EMPLOYER BRAND. FERRERO ENTRA NELLA HALL OF FAME

Sono Thales Alenia Space, Automobili Lamborghini e Gruppo Mondadori le tre aziende italiane più attrattive come potenziale datore di lavoro premiate al Randstad Award 2017. Ferrero accede alla Hall of Fame per avere vinto 4 volte in sei anni. Huawei è l’azienda più “disruptive”. Avio Aero, Coca Cola HBC Italia e Ikea vincono i Randstad Globes.

L'equilibrio tra vita privata e lavorativa è il principale fattore a cui si tende nella ricerca di un nuovo impiego, seguito da un’atmosfera di lavoro piacevole, dalla sicurezza del posto e dallo stipendio. 

I settori più ambiti sono media, largo consumo e industria.

Quarta rivoluzione industriale: il 46% degli italiani guarda con favore all’impatto dell’automazione, 
ma uno su dieci teme di perdere il lavoro nel prossimo futuro.


Scopri la Randstad Employer Brand Research 2017 >>

Gli italiani sognano di lavorare in Thales Alenia Space, Automobili Lamborghini e Gruppo Mondadori. Sono queste le aziende vincitrici del Randstad Employer Brand 2017, il riconoscimento assegnato sulla base della più completa e rappresentativa ricerca globale dedicata all'employer branding da Randstad, secondo player al mondo nei servizi per le risorse umane, questa sera a Milano, Palazzo Mezzanotte, in occasione del Randstad Award. Nel corso della serata sono state premiate anche Ferrero, unica italiana vincitrice per la quarta volta in sei anni del Randstad Award e dunque entrata nella Hall of Fame, riconoscimento internazionale conferito a sole sei imprese al mondo che si sono confermate le più attrattive in termini di Employer Branding, e Huawei, rivelatasi l'azienda più “disruptive” per il contenuto altamente innovativo.
Commissionato da Randstad all'istituto di ricerca TNS e condotto su oltre 160.000 persone in 26 Paesi in modo indipendente (nessuna azienda si può iscrivere volontariamente per partecipare) con un’analisi approfondita su quasi 5.500 aziende, lo studio del Randstad Employer Brand ha misurato il livello di attrattività delle aziende italiane percepito da parte dei possibili dipendenti. In Italia sono state intervistate tra novembre e dicembre 2016 oltre 5.000 persone di età compresa tra 18 e 65 anni, un campione rappresentativo di occupati, studenti e non occupati, a cui è stato chiesto “dove vorresti lavorare?” tra 150 aziende con oltre 1000 dipendenti con sede in Italia, attive in 17 settori merceologici diversi, selezionate a partire dalle informazioni di Cribis. 
“L'employer branding oggi è cruciale per il successo di un'azienda poiché le persone si riconoscono prima di tutto nelle culture delle imprese e la capacità di attirare i talenti sarà sempre più l'elemento determinante per la competitività - commenta Marco Ceresa, Amministratore Delegato di Randstad Italia -. Dall’indagine del Randstad Employer Brand però emerge un disallineamento fra le aspettative dei lavoratori italiani e quanto offerto dalle imprese, a conferma della necessità di investire in strategie adeguate per presentare al meglio le caratteristiche distintive della propria organizzazione, puntando con decisione anche su fattori come l'equilibrio fra vita professionale e vita privata, l'atmosfera piacevole del luogo di lavoro o i contenuti stimolanti delle attività, che richiamano oggi l'interesse di chi cerca un impiego o vuole cambiarlo”.