crisi di mezza carriera: come affrontarla.

18/10/2018 18:30:31

Crisi mezza carriera Passiamo metà della vita a cercare di raggiungere alcuni importanti obiettivi lavorativi, ottenere una promozione e conquistare scatti professionali per sentirci soddisfatti e realizzati. Non è però così difficile che nel bel mezzo di questo percorso, avvicinandosi ai 50 anni, ci si possa fermare, guardarsi indietro e scoprire di non essere più nel posto sperato. Nonostante i successi raggiunti in passato è infatti possibile scoprire di essere immersi in una vera e propria crisi di mezza carriera da non prendere alla leggera.

Il primo passo è capire con attenzione i segnali del nostro malcontento per iniziare immediatamente a rimboccarci le maniche in modo produttivo senza perdere le speranze. Capita spesso infatti che il senso di insoddisfazione venga messo da parte e catalogato come “biologico”, ma è sempre meglio non lasciar correre questa sensazione e cercare invece di comprenderla.  . 

Crisi di mezza carriera: quali sono i segnali?

A livello professionale è fondamentale sapere quali sono i primi segni di questa crisi di mezza carriera perché presi in tempo, gli stessi sintomi possono sfociare in un periodo di transizione molto costruttivo da affrontare a spalle larghe. I più colpiti molto spesso sono proprio quei professionisti che hanno già raggiunto importanti traguardi e che proprio per questo, non riescono a trovare nuovi slanci verso il futuro, sentendosi quindi bloccati e insoddisfatti nei confronti di un futuro che non sembra più così brillante. 

I primi segnali che stai attraversando una crisi di mezza carriera si manifestano con la perdita di motivazione per le mansioni quotidiane. Tutto d’un tratto la giornata lavorativa appare poco gratificante, le azioni sono diventate meccaniche e difficilmente si trovano nuove sfide da intraprendere. L’autostima di cui godevi fino a quel momento, e che ti spingeva ad imbarcarti in nuove imprese, adesso si è trasformata in un senso di incertezza perenne che porta con sé dubbi anche sul tuo operato. Mettersi in discussione può essere utile ma se sei spesso di cattivo umore al solo pensiero di dover andare in ufficio, è sicuramente un altro campanello di allarme da prendere in considerazione. Altri segnali che evidenziano la comparsa della crisi di mezza carriera possono essere il senso di stanchezza, maggiore freddezza nei confronti dei tuoi colleghi ed invidia per l’entusiasmo che dimostrano i nuovi assunti. 

Come affrontare la crisi?

Se riesci a riconoscerti in queste situazioni, devi cercare di affrontare la realtà senza abbatterti e farti prendere dal nervosismo. Per prima cosa dovresti prenderti una pausa per ricaricare le batterie in compagnia di un buon amico e della tua famiglia. A volte concedersi una piccola vacanza dall’ufficio può davvero aiutare a riflettere su cosa sta succedendo e farlo in modo distaccato, senza buttare via tutti questi anni di duro lavoro. Se non l’hai ancora fatto fino ad oggi, prendi in considerazione la possibilità di accettare nuove sfide e rompere gli schemi che stanno rendendo la tua quotidianità lavorativa noiosa. Impegnarsi in qualcosa di diverso ti porterà a conoscere nuovi colleghi e ti aiuterà a ritrovare l’entusiasmo perduto. Hai mai pensato di chiedere di passare a nuovi progetti o nuove mansioni? Spezzare la routine potrebbe aiutarti a valorizzarti e a scoprire nuovi talenti, ma senza mettersi alla prova non lo si può sapere!

Infine, ogni momento difficile deve essere visto come un’opportunità di crescita personale, anche in ambiente lavorativo: rimboccati, quindi, le maniche e smettila di guardare al passato con nostalgia. Cambiare ed essere felici è possibile ad ogni età.

cambiare percorso di carriera? non è mai troppo tardi.

scopri career management