biglietto da visita: come comunicare se stessi in maniera efficace.

29/03/2019 17:00:58
 

Il biglietto da visita ha una lunga storia che affonda le sue radici nell’Europa del Settecento, quando tra i nobili dell’epoca si usava presentarsi, tra famiglie aristocratiche, affidando a questa piccola opera d’arte di carta, lo scopo di essere introdotti nella società. Anche in epoca Greca e Romana è stata trovata traccia del biglietto da visita, con la scoperta di alcune “schedulae gratulatoriae”, ovvero delle note accompagnate da segni personali per far conoscere il proprio nome abbinato all’invio di un corriere. È chiaro insomma che sin dall’antichità le persone hanno sempre avuto l’esigenza di creare queste piccole copie manoscritte per presentarsi, fino a diventare oggi un vero e proprio strumento di marketing offline, utile per rimanere impressi alle persone che si conoscono a eventi di lavoro e non solo.

Biglietto da visita: ecco come comunicare se stessi al meglio

La domanda a questo punto sorge spontanea: “Ha davvero senso, nell’era digitale, stampare ancora i biglietti da visita?” La risposta è sì, i biglietti da visita sono ancora molto utilizzati in ambito professionale e anzi, le possibilità offerte dalla grafica moderna, li rendono uno strumento necessario per dimostrare le proprie competenze in modo semplice e creativo. Ogni giorno nel mondo vengono infatti stampati più di 27 milioni di biglietti da visita.

Biglietto da visita: i vantaggi

I vantaggi del biglietto da visita sono sicuramente la sensazione visiva e tattile dello strumento fornito su carta, la possibilità di consegnarlo immediatamente nelle mani dell’interlocutore e il fatto che la business card rimane sempre impressa nella memoria con grande facilità. In diversi contesti, il biglietto da visita è inoltre visto come segno di serietà e affidabilità, un simbolismo professionale che ben si è radicato nella nostra società. Un biglietto da visita ben fatto, e curato nei minimi dettagli, riesce infatti a trasmettere subito un senso di fiducia nei confronti dei professionisti che ne fanno uso. Grafici, giornalisti, medici, avvocati e molte altre categorie tengono così alta la domanda delle tipografie.

Oggi è possibile stampare la propria business card scegliendo tra diversi formati, dimensioni e materiali, la parola d’ordine è però sempre personalizzare. Proprio per questo anche gli “online printers” mettono a disposizione tanti template differenti al cui interno è possibile inserire ogni tipo di informazione. Non mancano poi gli amanti del lusso anche per quanto riguarda il biglietto da visita: scritte in oro e diamanti incastonati sono solo alcune delle curiosità che è possibile trovare in determinati settori business di nicchia. Questo a dimostrazione del fatto che ancora oggi sono tante le occasioni in cui è richiesto lo scambio delle business card, un modo per farsi ricordare dalle persone e comunicare al meglio chi siamo.