passaggio di consegne in azienda: come farlo al meglio.

14/01/2019 15:47:32

Il passaggio di consegne in azienda è un momento strategico in cui s’incontrano, per passarsi il testimone, le risorse umane più mature con le nuove generazioni di lavoratori. Risulta chiaro che è molto importante pianificare questa fase per riuscire a garantire nuova competitività all’azienda, garantendo il massimo della continuità con il passato. Spesso non è semplice trovare il punto di equilibrio tra vecchio e nuovo perché si tende a vivere questo momento in modo passivo. Niente di più sbagliato.

Il contesto del ricambio generazionale è molto importante e il passaggio non può risolversi con la sola delega delle conoscenze pratiche e teoriche, ma richiede tempo e tanto lavoro, specialmente da parte di chi sta lasciando la propria posizione lavorativa. Le risorse mature nascondono dentro di loro un vero e proprio tesoro di competenze, mentre i giovani escono dalle scuole con tanta voglia di imparare, scontrandosi però con le difficoltà del mercato del lavoro. Queste differenze non dovrebbero creare un muro fatto di barriere culturali ma essere utili per imparare a comunicare tra loro. 

I veterani dovrebbero innanzitutto trasmettere tutto il loro know-how ai più giovani in modo strategico, per non perdere le abilità più preziose. L’imperativo per le vecchie generazioni è infatti quello di cercare di diventare i mentori dei più giovani, trasferendo conoscenze e competenze con generosità. È inutile temere per il proprio status e cercare di avere un controllo compulsivo su ogni attività. Fondamentale al momento del passaggio di consegne è invece cercare di ispirare i più giovani fino a diventare un modello da emulare. Ai giovani è richiesta invece maggiore capacità nell’affrontare le responsabilità senza temere di non essere all’altezza. I blocchi emotivi da entrambe le parti saranno, infatti, lo scoglio più arduo da superare, specialmente nella prima fase. 

In un secondo momento, oltrepassati gli ostacoli emozionali, si dovrà pianificare con attenzione l’aspetto tecnico del ruolo da delegare, spiegando al nuovo arrivato ogni tipo di mansione in modo dettagliato. Alcune attività potranno, infatti, essere iniziate sin da subito mentre per altre ci potrebbero volere anche dei mesi. Suddividete quindi con calma i compiti da svolgere cercando di evitare future ambiguità su chi deve fare cosa. Le prime volte la giovane risorsa dovrà osservare con attenzione, poi farlo assieme alla persona che si dovrà sostituire e solo in un secondo momento cercare di farlo autonomamente sotto lo sguardo del lavoratore più esperto. All’inizio sarà importante stabilire ogni mattina i vari compiti da svolgere mentre con il passare del tempo i briefing diventeranno settimanali e poi mensili. 

La nuova risorsa dovrà essere responsabilizzata ogni giorno di più mentre quella più matura dovrà cercare di trasferire tutte le sue competenze senza inutili gelosie, facendo concretamente capire anche agli altri colleghi che non è più il referente per determinate questioni. Capire che il dialogo tra generazioni è importante per il bene dell’azienda aiuterà di certo entrambe le parti a passare il testimone senza rimorsi e in modo efficace.