5 consigli pratici e 1 modello smart per tenere sotto controllo lo stress

31/05/2017 16:46:27

“Caro Stress,
ci conosciamo da tanto tempo e il nostro rapporto si è ormai consolidato. È una relazione fatta di alti e bassi, ma quel che è certo è che sei spesso nei miei pensieri…”

Possiamo affermare con un buon grado di sicurezza che lo stress sia diventato un fedele compagno all’interno del mondo del lavoro odierno, andando a coinvolgere circa 1 lavoratore su 4. Non è quindi sorprendente scoprire che i primi due fattori che gli italiani ricercano in un datore di lavoro siano il “buon equilibrio vita privata/lavorativa” e “l’atmosfera di lavoro piacevole” (fonte: Randstad Employer Brand Research 2017). 

Tuttavia è importante ricordare che, se “assunto” in piccole dosi, lo stress può portare alcuni benefici al sistema immunitario, alla funzione cognitiva e alla salute in generale. Ad esempio, quando il corpo è sotto stress rilascia diversi ormoni che, oltre ad assicurare un aumento delle prestazioni fisiche, possono avere importanti benefici per il nostro cervello. Uno di questi ormoni è l’adrenalina. Proprio come una tazzina di caffè può darci una spinta temporanea di energia, l’adrenalina aumenta l’attenzione e la consapevolezza e può migliorare la memoria e le funzioni cognitive. In altre parole, l’adrenalina accresce la nostra prontezza mentale, rendendoci molto più lucidi. 

Confondere i sintomi tipici del burnout, cioè una condizione di prostrazione psicologica dovuta a un eccesso di stress da lavoro, con quelli di un semplice malessere o di un momentaccio temporaneo accade più spesso di quanto si pensi. La sfida vera è quindi imparare a gestire lo stress per non permettere che, a lungo andare, incida negativamente sulla nostra produttività e serenità abbassando i livelli di serotonina, l’ormone del benessere. 

5 consigli pratici per tenere sotto controllo lo stress

Ecco i nostri suggerimenti per gestire lo stress in modo efficace ed evitare che possa sopraffarci:

  1. PARLARE CON QUALCUNO
    Condividere i propri problemi e le proprie ansie è molto importante per allentare la pressione, nonché raccogliere un parere esterno spesso più oggettivo sulle situazioni.

  2. ALIMENTARSI IN MODO CORRETTO
    Può sembrare incredibile, ma in realtà una corretta alimentazione aiuta a mantenere uno stato di benessere psicofisico e ci rende più forti e sicuri quando dobbiamo fronteggiare contesti stressanti. Alimenti ricchi di minerali e antiossidanti, come le verdure a foglia verde, i legumi, gli agrumi e la frutta secca, favoriscono la produzione di serotonina e riducono quella di cortisolo, l’ormone dello stress.

  3. FARE SPORT
    Il ruolo positivo che l’attività fisica riveste all’interno della nostra vita è ormai un fattore assodato. Lo sport aiuta ad allentare la tensione, nonché a smaltire le sostanze tossiche accumulate durante il giorno.

  4. GESTIRE CORRETTAMENTE IL TEMPO
    Ti è mai capitato di affrontare la tua quotidianità come se stessi componendo un puzzle di infiniti, piccoli pezzi? Immaginiamo proprio di sì e il problema è spesso causato da una scorretta gestione del tempo. Amministrare il tempo, la risorsa più preziosa che abbiamo, è il primo grande passo per migliorare sensibilmente la qualità della nostra vita.

  5. PIANIFICARE E ORGANIZZARE
    A braccetto con la gestione dell’orologio c’è la capacità organizzativa e di pianificazione. Essere in grado di stabilire obiettivi specifici e realistici e impostare razionalmente il percorso con cui raggiungerli può essere di grande aiuto per ridurre lo stress. Tuttavia una pianificazione eccessiva ed estremamente puntuale può generare un carico di tensione supplementare, che potrebbe sfociare in ansia e frustrazione ogni qualvolta il nostro programma non riesca ad essere rispettato.

Gestione dello stress e impostazione degli obiettivi: il Modello SMART

Per quando riguarda gli ultimi due punti esistono diversi modelli per l’impostazione efficace ed efficiente degli obiettivi. Tra tutti, vogliamo segnalarvi il seguente: il Modello SMART. 
Questo metodo, il cui nome è un acronimo inglese, consiste nella pianificazione di obiettivi che presentino contemporaneamente i seguenti 5 attributi, obiettivi che siano cioè:

  • S = Specific (Specifici)
    La specificità è fondamentale nella definizione degli obiettivi: essere specifici significa avere ben chiaro in mente ciò che vogliamo ottenere.

  • M = Measurable (Misurabili)
    Gli obiettivi devono essere misurabili; per questo, è necessario creare un sistema di misurazione che permetta di tenere sotto controllo i progressi e il raggiungimento del risultato finale.

  • A = Attainable (Raggiungibili)
    Come già detto, impostare obiettivi realistici è fondamentale per il successo delle nostre attività, ma non dobbiamo dimenticarci di legarli all'impiego del tempo e delle risorse disponibili.

  • R = Relevant (Rilevanti)
    La rilevanza di un obiettivo per l'attività di business è un fattore che ci permette di capire se vale la pena o meno impiegare tempo e risorse per il raggiungimento di quell’obiettivo.
     
  • T = Time-Based (Temporizzati)
    Al raggiungimento di ogni obiettivo deve essere dedicato un periodo di tempo definito, che può essere di settimane, mesi o anni a seconda della complessità dell'obiettivo stesso; in ogni caso, è importante prevedere sempre una data di fine scadenzata da tappe intermedie di avanzamento e controllo. Inoltre, avere come punto di riferimento una data di scadenza è una tecnica utile per motivarsi.

Questi sono solo alcuni dei suggerimenti che è possibile applicare per vincere lo stress. In conclusione, però, ci teniamo a darvene ancora uno, che forse può risultare il più banale ma che sicuramente è quello più importante di tutti: cercate di essere sempre positivi e, prendendo in prestito una frase di Roberto Benigni, “Smettila di pensare a cosa potrebbe andare male e inizia a pensare a cosa potrebbe andare bene.”