Le nuove professioni del vino

Di tradizioni antiche che sanno raccontare la storia del nostro Paese ce ne sono molte, tradizioni legate alla passione e sapienza artigianale e alla lavorazione delle materie prime di cui la nostra terra abbonda, tradizioni che sanno innovarsi senza snaturarsi, tradizioni da cui hanno origine le eccellenze del Made in Italy per cui siamo famosi in tutto il mondo. Una di queste è la tradizione del vino, parte integrante della nostra cultura che ha ancora molto da raccontare: nonostante la crisi, il settore vitivinicolo continua a crescere e a offrire interessanti e sempre nuove opportunità lavorative ai veri wine-lovers desiderosi di trasformare la loro passione in una professione.

I quasi 49 miliardi di ettolitri di vino prodotti fanno sì che l’Italia occupi il primo posto nella classifica mondiale dei produttori, rispetto a cui detiene la quota del 18%. Per farsi un’idea della dinamicità del settore vitivinicolo in Italia, basti pensare che il 2015 ha registrato un fatturato di oltre 14 miliardi di euro, l’export ha raggiunto i 5,4 miliardi e le persone occupate sono quasi 1,2 milioni.

Data la complessità della filiera del vino e l’interesse che un numero sempre maggiore di persone le rivolgono - complice anche il web - questa interessa un gran numero di settori e professionalità coinvolte in diversa misura nei processi di lavorazione e commercializzazione: dalla coltivazione delle uve all’imbottigliamento del vino, dalla degustazione all’enoturismo, dalla cosmetica all’enoterapia.

Diamo uno sguardo ad alcune delle figure professionali legate al mondo del vino, alle loro abilità e competenze.

Enologo
Compito dell’enologo è assicurarsi che la produzione del vino avvenga in modo sicuro e corretto dal punto di vista fisico, chimico, organolettico, etico e legislativo. A questo scopo deve possedere conoscenze di fisica e chimica di uve e suoli, di legislazione vitivinicola e anche di marketing e comunicazione, fondamentali per monitorare e verificare tutte le fasi della produzione: dalla coltivazione dell’uva alla sua lavorazione secondo precisi protocolli, dalla valutazione della qualità del vino al suo imbottigliamento, per finire con la commercializzazione del prodotto.

Sommelier
Il sommelier è un professionista che lavora per alberghi e ristoranti, anche svolgendo attività di consulenza. Le sue competenze non si limitano alla degustazione del vino e alla descrizione delle sue proprietà olfattive e organolettiche, sulla cui base ricerca e suggerisce ai clienti abbinamenti con piatti e portate, ma includono anche la gestione della cantina e della carta dei vini. Il sommelier è infatti una figura di alto profilo che cura la cantina - approvvigionamento, scorte, pulizia e giuste condizioni ambientali per la conservazione delle bottiglie - e compone la carta dei vini, aggiornandola con i nuovi acquisti che effettua personalmente tenendo i contatti con i fornitori sulla base della tipologia di locale e di menù.

Wine Blogger
Specialista del settore vitivinicolo, buon conoscitore di cantine ed enoteche e sempre aggiornato sulle nuove modalità di consumo, il wine blogger dispensa consigli, suggerimenti e informazioni utili su qualità e prezzi ad appassionati di vini e degustazioni. Appassionato di enogastronomia egli stesso, sul suo blog pubblica articoli d’interesse su nuovi prodotti e recensioni su locali di degustazione e aziende vitivinicole. In virtù della sua influenza sul pubblico di wine-lovers, le aziende più lungimiranti mirano a contattarli e coinvolgerli nelle loro attività di marketing e comunicazione.
    
Accompagnatore enoturistico
Negli ultimi anni, con la riscoperta dei prodotti della terra e delle tradizioni legate alla loro lavorazione, un numero sempre maggiore di aziende vitivinicole e cantine ha cominciato ad aprire periodicamente i battenti al pubblico, per mostrargli i processi di lavorazione e la filosofia che ne è alla base, e coinvolgerlo in un rapporto più stretto proprio grazie alla passione per la loro attività. Con la diffusione degli “enoturisti” è nata così la figura dell’accompagnatore enoturistico, che costruisce itinerari e percorsi enogastronomici alla scoperta di aziende e cantine, contribuendo alla nascita di un nuovo settore che ogni anno attira oltre 10 milioni di enoturisti. Questa speciale guida turistica deve necessariamente possedere un’ottima conoscenza del territorio e della sua cultura
vitivinicola.
    
Wine Hunter
Letteralmente “cacciatore di vini”, il Wine Hunter è una figura professionale di alto profilo che è andata lentamente delineandosi negli ultimi anni, con la diffusione della cultura vitivinicola e del territorio. La sua funzione è proprio quella di andare a caccia dei vini migliori e delle etichette d’autore, di cui si costruisce un’approfondita conoscenza che poi dovrà trasmettere con passione e partecipazione al cliente finale, eno-appassionato, intenditore o collezionista. L’abilità del Wine Hunter sta, in buona sostanza, nel selezionare le cantine e i clienti migliori e farli incontrare, aumentando la redditività dei primi e facendo vivere un’esperienza sensoriale coinvolgente e convincente ai secondi. Ancora poco diffusa, questa figura di ricercato mediatore sarà sempre più richiesta nei prossimi anni.

< torna alla pagina precedente