Food & Beverage: guida alle nuove professioni

Sarà perché l’Italia vanta una tradizione enogastronomica tra le più solide e ricercate al mondo, sarà perché il settore agroalimentare è uno dei più naturalmente dinamici e innovativi, una cosa è certa: in Italia il Food & Beverage, da un punto di vista occupazionale, non sembra essere stato investito da venti di crisi. Nuove tendenze in fatto di gusto, nuovi approcci all’estetica del cibo, nuove sinergie e contaminazioni tra diverse culture e filosofie dei sapori: il mondo del food è in continua evoluzione e la passione per il cibo cresce a dismisura - in chi lo cucina e in chi lo gusta, in chi ne parla o in chi lo fotografa.

D’altronde, la cucina è da sempre il regno di fantasia e sperimentazione: ecco allora che intorno alla food mania si sono sviluppate una serie di professioni che esprimono in vario modo lo spirito creativo dell’attività culinaria - professioni che richiedono un’adeguata preparazione, da conseguirsi con percorsi di studio ad hoc e che, a differenza di molte altre, danno l’opportunità di coniugare passione ed esigenza di guadagno.

Scopriamo allora quali sono al momento le figure professionali più ricercate nel settore Food & Beverage: potresti trovare tra queste l’ispirazione giusta per dare un indirizzo specifico al tuo percorso di studi o imprimere una svolta alla tua carriera!

1. Food Blogger
Chi di noi non consulta il web prima di accingersi alla preparazione di un nuovo piatto, acquistare un buon vino o andare alla scoperta del miglior cibo locale durante uno dei nostri viaggi? In questi casi, i blog dedicati all’enogastronomia sono una fonte preziosa di informazioni, consigli, suggerimenti, recensioni… ed è questo il motivo per cui i Food Blogger sono oggi tra le figure professionali più importanti nell’universo del food. La passione per il buon cibo, unita a competenze culinarie e di web copywriting sono requisiti indispensabili per avere successo come Food Blogger.   

2. Sommelier 2.0
Con l’evoluzione delle strategie di comunicazione, anche la figura del sommelier si sta trasformando. A lui non si richiede più semplicemente di abbinare il giusto vino ad uno specifico piatto, ma anche competenze di gestione della carta dei vini e, nel caso di aziende produttrici di vino, di direzione della cantina e promozione dei prodotti vinicoli. I corsi di Sommellerie mirano dunque a formare sommelier completi, “evoluti”, veri e propri tecnici del vino con ottime capacità di management, marketing e comunicazione.

3. Pasticcere
Tra le figure classiche della ristorazione, quella del pasticcere è una delle più richieste, in Italia e all’estero: pasticcere di laboratorio, chef pasticcere in ristorante o panificatore, i professionisti italiani della cosiddetta “arte bianca” sono tenuti in gran considerazione dai mercati di tutto il mondo, soprattutto dell’Est Europeo, dei Paesi del Golfo e dell’Estremo Oriente. Quella del pasticcere è un’attività, inoltre, che consente ottimi guadagni - soprattutto all’estero - e un’elevata specializzazione: dal cake designer al maestro del cioccolato, dall’esperto di dolci vegani al professionista gelatiere, anche la pasticceria consente di dare sfogo alla creatività, ma al tempo stesso richiede tecnica e precisione assolute.

4. Sushiman
Da quando il sushi non si mangia più solo in Giappone, la presenza di un esperto di sushi è sempre più richiesta non solo in ristoranti giapponesi e sushi bar, ma anche per attività di catering o su navi da crociera. Le competenze di un sushiman vanno dalla velocità all’estetica, dalla cura dei dettagli alla tecnica impeccabile.

5. Personal Chef
Chef sì, ma a domicilio: uno chef in cerca di maggiore autonomia e desideroso di sfuggire alle dinamiche talvolta stressanti delle cucine dei ristoranti può intraprendere la carriera del Personal Chef e prestare i suoi gustosi servigi presso abitazioni private, location di lusso o ambasciate. Fornito della sua personale strumentazione da cucina e in genere supportato da un team di collaboratori, il personal chef si reca direttamente presso il cliente, per il quale cucina in loco sulla base di un menù concordato. Per una carriera all’insegna della soddisfazione e dell’indipendenza.

6. Food Innovator
Come dicevamo, quello del food è un mondo in continua evoluzione. Per questo non può mancare al suo interno la figura del Food Innovator che, fianco a fianco ai membri dei reparti R&D - ricerca e sviluppo - delle più grandi aziende del settore, si occupa dell’ideazione di nuovi prodotti e, soprattutto, di concepire nuove esperienze gastronomiche e modalità di consumo.  
    
7. Specialista in turismo enogastronomico
Visitare un paese o una regione alla scoperta dei suoi prodotti tipici, delle specialità locali e di tradizioni enogastronomiche secolari: interessante, no? E pensare che c’è chi lo fa di mestiere: lo specialista in turismo enogastronomico stabilisce percorsi e organizza itinerari di viaggio le cui tappe prevedono degustazioni di cibi e vini locali, visite di aziende agricole o vitivinicole e persino corsi di cucina locale.

 






< torna alla pagina precedente