ebitemp e le misure di sostegno ai lavoratori somministrati: quali sono le prestazioni previste?

Ebitemp, ovvero l'Ente Bilaterale per il Lavoro Temporaneo, offre ai lavoratori impiegati con contratto di somministrazione di lavoro, numerose tutele, garanzie e agevolazioni. Le misure di sostegno comprendono diversi tipi di prestazioni. Vediamo insieme quali sono.

Contributo per l’asilo nido

Il contributo per l’asilo nido è una prestazione a sostegno della maternità rivolto sia alle lavoratrici madri che ai lavoratori padri, anche se in modalità diverse. Per ottenerlo le mamme che lavorano devono avere una missione pari o superiore a 7 giorni e un’anzianità di almeno 3 mesi, lavorati nell’ultimo anno. In questi casi si può ottenere un contributo massimo di 100 euro mensili, fino al terzo anno di età del bambino. 
Lo stesso tipo di contributo, con i medesimi requisiti di accesso, è previsto  anche per i lavoratori padri, ma solo in caso di morte o grave infermità della madre, abbandono del figlio da parte della madre, affidamento esclusivo al padre, nuclei monoreddito da lavoro di somministrazione del padre.
Sostegno alla maternità

Un’altra misura di sostegno erogata da Ebitemp riguarda la maternità: si rivolge alle lavoratrici in gravidanza per le quali la missione cessi nei primi 180 giorni dall’inizio della stessa e alle quali non spetti l’indennità obbligatoria INPS. Si può ottenere un contributo una tantum di 2.250 euro al lordo della ritenuta IRPEF.

Integrazione contributo INPS per maternità obbligatoria

Per le lavoratrici in maternità che ricevono l’indennità INPS, ma alle quali è scaduto il contratto di lavoro a tempo determinato in somministrazione, Ebitemp prevede un contributo integrativo dell’indennità di maternità fino al 100% della retribuzione precedentemente percepita.

Contributo “una tantum” per adozione o affidamento nazionale/internazionale

Nei casi di adozione o affidamento nazionale/internazionale è prevista una tantum un contributo da parte di Ebitemp per tutti i lavoratori e le lavoratrici la cui missione cessa nei primi 180 giorni dall’inizio dell’adozione o dell’affidamento, e a cui non spetta l’indennità prevista dall’INPS. Il contributo è lo stesso di quello previsto per la prestazione una tantum dedicata alla maternità.

Buono libro o materiale didattico per i figli dei lavoratori in somministrazione

I lavoratori e le lavoratrici in somministrazione con figli a carico iscritti ad una scuola primaria o secondaria e che abbiano maturato una anzianità di lavoro in somministrazione pari a 60 giorni nell’arco del periodo compreso tra il 1 settembre ed il 30 giugno di ogni anno scolastico, possono percepire un contributo per le spese relative al materiale didattico e scolastico. Per ogni figlio a carico, il contributo previsto per i libri e il materiale didattico è di 150 euro (nel caso in cui i figli siano a carico per il 50%, la misura sarà riproporzionata in base alla percentuale).

Buono libri per studenti lavoratori

Questo contributo è dedicato ai lavoratori che studiano: nello specifico, si rivolge alle lavoratrici e ai lavoratori iscritti a corsi serali per conseguire il diploma di scuola secondaria di secondo grado, che abbiano maturato un’anzianità di lavoro in somministrazione pari in totale a 60 giorni, da far valere nel periodo compreso tra il 1° settembre e il 30 giugno di ciascun anno scolastico. Il contributo previsto è pari a 150 euro lordi per l’acquisto di libri e materiali didattici.

Contributo retta universitaria  studenti/lavoratori in somministrazione

Per i lavoratori e per le lavoratrici che studiano all’università nell’ambito della durata legale del corso di laurea, e che hanno maturato un’anzianità di lavoro in somministrazione pari almeno a 30 giorni nei 12 mesi precedenti l’inizio dell’anno accademico e un ISEE inferiore a 25.000 euro, Ebitemp prevede un contributo annuo di 150 euro lordi  per i costi delle tasse universitarie.

Sostegno alla non autosufficienza

Con questa ultima forma di sostegno Ebitemp prevede un contributo annuo di 1000 euro rivolto a lavoratori e lavoratrici con familiari a carico che si trovino nelle condizioni di invalidità civile pari al 100% e ai quali si applichino le disposizioni della legge 104/92. Per ottenerlo il lavoratore deve aver maturato un’anzianità di somministrazione di lavoro pari a 90 giorni e deve avere un contratto attivo al momento della presentazione della domanda. Il contributo annuo previsto è pari a 1.000 €, riproporzionato nel caso in cui il familiare in condizione di invalidità risulti fiscalmente a carico del lavoratore al 50%. 

Come ottenere da Ebitemp il sostegno al reddito

Per ottenere una qualsiasi di queste tipologie di sostegno  erogate da Ebitemp è necessario essere iscritti all’ente in qualità di lavoratori somministrati. Successivamente è sufficiente scaricare, compilare e riconsegnare la modulistica preposta per ogni singola prestazione.

< torna alla pagina precedente