diventare art director: cosa fa e come si intraprende questa professione

Per riassumere in poche parole il ruolo dell'art director, si può dire che sostanzialmente è un professionista che si occupa della parte grafica di un'azienda, a partire dal suo sito internet fino a ogni componente informativa o pubblicitaria che la riguardi attraverso uno specializzato lavoro di comunicazione

L'art director solitamente trova maggior impiego in settori come advertising, editoria, agenzie pubblicitarie, giornali, media e riviste, dove deve essere in grado di supervisionare artwork, fotografie, campagne pubblicitarie e grafiche per fare in modo che le immagini siano abbinate al meglio ai contenuti testuali, creando visual concept e coordinandosi con figure complementari come editor, copywriter e photo editor. Un lavoro evidentemente molto complesso che richiede numerose competenze e una predisposizione naturale.

È per questo motivo che il principale requisito che non può mancare a una figura professionale di questo tipo è senza dubbio la creatività. All'art director viene richiesto di essere efficace, coinvolgente, accattivante e convincente a seconda del target cui è rivolto e questo deve essere spesso fatto in tempi brevissimi. È dunque fondamentale che abbia un'indole creativa e fantasiosa in grado di cogliere le molteplici sfaccettature della società e di saperne interpretare esigenze e desideri. Una versatilità espressiva che può avere spazio, al di là delle attitudini innate, solo se basata su di una solida preparazione professionale. 

È dunque necessario, per chi voglia intraprendere questa carriera, attingere sia a percorsi all'interno dell'università che a corsi specializzati, l'importante è che il bagaglio informativo di supporto sia composto da arte, disegno, fotografia, graphic design e programmi di elaborazione grafica. In un'era oramai totalmente digitale, la comunicazione è completamente subordinata agli ausili tecnologici e quindi sono considerati fondamentali le conoscenze dei principali software di grafica come InDesign, lllustrator e Photoshop, normalmente in sistemi operativi Apple. Un valore aggiunto nella preparazione di un futuro art director, inoltre, è avere già qualche competenza nel campo dell’advertising, fattore che potrebbe rivelarsi molto utile come base di partenza. 

Poiché la maggior parte delle posizioni per questa professione richiedono molta esperienza sul campo, è consigliabile cominciare il prima possibile a inviare il proprio curriculum per proporsi in tirocini formativi, magari iniziando come designer o assistant art director. Nella composizione del proprio CV è fondamentale per un art director allegare un portfolio dei propri lavori digitali, in modo da mettere in luce le proprie capacità e l'attitudine a essere versatili in possibili lavori di natura differente.

< torna alla pagina precedente